Passa ai contenuti principali

La Balena Parlante o il peso della fantasia

Ecco, sto a pensarci e ripensarci, matita sulla bocca, il mouse si muove con incertezza nella geografia di Blogger, torno a cliccare di nuovo (sì, finalmente lo trovo) sul nome del blog (che avevo già cambiato una volta - la prima volta è sempre la più difficile), poi ancora un po' a tentoni... Impostazioni? Sì, è la strada giusta: ed ecco Modifica: ed ecco che ribattezzo per la seconda volta il blog.
Perché non è affatto una cosa semplice, i nomi sono il mio tormento: ti affollano la mente come piccioni, ti beccano persino. Il punto è che so già che qui dentro verrà buttato giù un sacco di materiale indifferenziato e quindi ci vuole un buon nome, qualcosa con un bello stomaco mastodontico per non rischiare un'indigestione, uno stomaco come si deve, che sappia metabolizzare, beh: di tutto.
Cercando fra le carte dei signori scienziati, scoprirete che in effetti nel regno animale esiste una siffatta creatura e che risponde al nome di Sibbaldus musculus la balenottera azzurra. Non mi credereste mai se vi dicessi che un tizio, decisamente non uno scienziato, ha fatto di questa meraviglia della natura una sagoma perfetta per l'entità più eterea che la mente umana possa concepire: la fantasia. E invece è proprio così e il nome di questo tizio è nientemeno che J.M. Barrie, il Signore della Fantasia, il papà di Peter Pan. Ebbene. La fantasia, la creatività, la nostra voce interiore lui ha il coraggio di chiamarla così: la Balena Parlante.

Geniale, no? 
No? Okay, va bene, facciamo un piccolo passo indietro. 
Se avete visto Neverland, un sogno per la vita (C O S A? Correre ai ripari, allora, subito), ricorderete la scena in cui Barrie parla col piccolo Peter Llewellyn Davis, orfano di padre, aspirante creatore di mondi, e gli dice: «Ispirati alla balena parlante. Quella intrappolata nella tua immaginazione, che disperata tenta di uscire»

E sapete cosa vi dico? Barrie ci aveva visto proprio giusto. 
Siamo troppo attaccati alle immagini facili, siamo troppo privi di immaginazione. Chi ha deciso che la fantasia è una cosa leggera, aerea, impalpabile, soffusa, bella, una bella bambina dai riccioli d'oro? Io invece vi dico che la fantasia è una monella, una cosa che fa male, che vi farà contorcere dal dolore, che rivendica con prepotenza il suo spazio, la sua voce, che non sopporta lo stanzino angusto della vostra mente, che scalpita per venire fuori, per farsi vedere. Proviamoci allora a vederla la fantasia, questa sconosciuta, nelle sue giuste proporzioni. Guardatela! Io credo che Barrie le abbia restituito le sue misure, il suo peso specifico, la sua dimensione corporea. Perché la fantasia ha un corpo e non è blasfemo dirlo.

A questo punto, naso arricciato, bocca storpiata, vi starete chiedendo cosa centri tutto questo bel discorso con il blog nascente. Ecco: questo angolo di prodigioso caos si chiamerà La Balena Parlante ed Io.
Insomma vi racconterò cosa vuol dire essere una «dea invitta» «nel chiuso della mia mente» (cit).  

Commenti

Post popolari in questo blog

I preferiti, sotto l'albero, e tutto quello che resta da dire del 2018

L'avrete capito, no? È il momento dei listoni e cosa c'è di più banale. Eppure confesserò che a me non disturba poi granché, anzi. C'è qualcosa di così compiuto e perciò di rassicurante in una lista stilata con metodo. Per quanto, detto tra noi (ahi ahi ahi), la vostra Rosa qui presente quest'anno abbia letto una quantità di libri semplicemente miserevole. Non che i numeri significhino molto, okay, però oddio una soglia minima di 15 libri, per buona decenza, uno se la dà.
Invece ecco cosa risulta su Goodreads: You have read 13 of 30 books in 2018.
D'altra parte è vero che una Challenge offre una visione alquanto limitata della faccenda, perché, ad esempio, non tiene conto del fatto che per la prima volta da qualche anno non mi sia capitato neanche un libro veramente brutto brutto brutto o che tra i 13 suddetti sia compresa una delle più grandi narrazioni epiche mai concepite o ancora tre opere di saggistica lette a stralci ma che anche così lasciano un bagaglio rag…

Di cosa parliamo quando parliamo di Vani Sarca | Intervista ad Alice Basso

Ho incontrato Alice Basso il 15 dicembre, a Porto San Giorgio (un freddo demoniaco, ma ne valeva la pena, oh sì), durante una delle ultime presentazioni de La scrittrice del mistero (Garzanti 2018) e, a scanso di equivoci, mi sento in dovere di mettervi sull'avviso: questa donna è, realmente, quello che sembra, un concentrato di energia, il tipo con cui faresti ben volentieri notte fonda parlando sconclusionatamente di roba bellissima che non ti darà da vivere, libri libri libri film libri musica libri libri libri libri (proprio così, in loop). Soprattutto, però, quello che percepisci chiaramente, ascoltandola, leggendo i suoi libri (due racconti e quattro romanzi già pubblicati, più un quinto atteso per maggio), è che dietro il suo lavoro, di editor e di scrittrice, ci sono onestà e competenza in pari misura.
Nel 2013 è nel mondo dell'editoria da dieci anni, un ambiente «per niente asettico» (parola di Alice Basso) in cui succedono le cose più buffe e assurde, perché, molto …

GIACINTA, Luigi Capuana

"Colonnello!" disse la Giacinta, attaccandoglisi familiarmente al braccio e trascinandolo un po' verso la vetrata della terrazza con vivacità fanciullesca. (...) L'una e l'altro non riuscivano per qualche secondo a riattaccare discorso: poi la Giacinta spingeva gli occhi verso il colonnello che aveva ripreso la sua positura, e portando la punta del ventaglio alle labbra, lanciava un ebbene? un e poi? che provocava la risposta.

La mia lettura
Ho avuto un rapporto alquanto complesso con questo romanzo. Ad ogni pagina, per tutto il tempo, sentivo dolorosamente che qualcosa, qualcosa di decisamente importante, mancava. Quando finalmente sono riuscita a riporre ormai letto il libro nel suo angusto posticino nella libreria del mio studio, ho capito. Ho capito cosa non andava. Ma lascerò che sia qualcuno di più adatto allo scopo ad illuminarvi. "In generale mi piace dippiù la prima metà del tuo libro forse perché l'azione è più viva, o almeno è presentata con m…