Passa ai contenuti principali

Il Quaderno degli Appunti #1

Vi presento il mio semi-serio quaderno degli appunti on-line: tutto quello che una studentessa riesce a carpire in mezzo a mattoni di libri e interminabili ma preziose ore in aula. 

La vita a volte è davvero buffa. Sa venirti incontro nei modi più inaspettati (magari non per questo più felici).
Sto pensando a un modo giusto e intelligente di presentarvi questo post che inaugura una nuova rubrica, e come sempre parto con quelle quattro cose buone che ho in mente e poi vediamo la testiera del PC dove mi porta.
Ma poi ecco che do un'occhiata alla casella di posta. Niente di ché, certo, è la prima cosa che faccio quando apro il  computer. E invece no. Lì rimango, livida di rabbia, col cuore in tumulto, questo furioso TUM TUM  che mi pulsa nelle orecchie.
Ci sono cose che non possono restare così, ci sono cose lì fuori, nel mondo intorno a noi, tra le persone che incontriamo tutti i giorni e che magari presumiamo di conoscere, cose che per mancanza di tempo, buona volontà, o il semplice timore di dire una parola di troppo, diligentemente le seppelliamo sotto un tappeto. Nascoste lì, nessuno le vedrà, e se nessuno le vede è come se non ci fossero.
Nossignori. Io non ci sto.
Quindi, se siete lì, chiedendovi quale sia la lezione che avevo pensato di lasciarvi dall'illustre penna del professor Cesare Segre, ecco, oggi, lettori, parliamo di critica letteraria.
Non perché chi gestisca un blog letterario si fregi di fare critica, come uno spocchioso intellettuale squattrinato dal cipiglio bohémien caricaturale, ma perché leggere, e tenete bene a mente questo, leggere è uno strumento critico in grado di aprire gli occhi sulla vastità e la complessità del mondo. Io spero, sopra ogni altra cosa, che ogni volta che una persona si trovi tra le mani un libro sia cosciente del potere e delle possibilità che questo racchiude in sé.
Vi dicono che tra un cattolico e un musulmano non c'è dialogo, che due culture diverse non possono comunicare! Balle. Panzane. La letteratura è lì a mostrarci l'esatto contrario.
Sveglia gente! È l'ignoranza, questa orribile bestia, questo morbo, che impedisce a due persone, per quanto vicine culturalmente o geograficamente, di comunicare. Lo dico perché lo so, perché lo vivo e molto da vicino: non esiste miseria peggiore dell'ignoranza.
L'appuntamento di oggi con questa nuova rubrica, quindi, vuole essere un modo per condividere con voi quel po' di buono che riesco a mettere insieme grazie ai miei studi, per farvi scoprire in maniera semplice e diretta come una coscienza critica sia fondamentale per affrontare la lettura del mondo di oggi.


A lezione dal prof. Segre

Ho raccolto qui alcuni passaggi cruciali in cui Cesare Segre (per chi non lo conoscesse: filologo romanzo, semiologo e critico letterario di notevole spessore e impatto, morto nel marzo 2014 e che, detto fra noi, mi sta proprio simpatico!) definisce e illustra molto chiaramente il metodo di lavoro per un buon critico letterario.

N.B. Le note che trovate a piè di pagina sono una mia aggiunta.  

Il fine del critico non è discorrere del testo, ma descriverlo, interpretarlo e, nella sua prospettiva storica, valutarlo. La deriva dei significati* può essere, se non bloccata, nettamente rallentata tornando di continuo al testo, riesaminandolo sotto angolazioni diverse e in base a ipotesi di lavoro progressivamente più precise e reciprocamente collegate e confrontate. 
L'evenienza di una comprensione parziale o distorta è riscontrabile spesso. Ciò non toglie che, imperniandosi su un nucleo di significati certamente recuperabili, la filologia possa continuare a conquistare zone oscure, a illustrare ciò che non si comprendeva e a migliorare i risultati della letteratura. 
Ma si può e si deve anche tener presente l'impossibilità di una interpretazione definitiva.
Non è contestabile che il tempo apporti mutamenti e ampliamenti ai significati del testo. Il testo infatti non impiega un codice chiuso e immutabile: impiega vari codici (linguistico, stilistico, tematico, letterario, ecc.) legati al contesto culturale e costituiti in discorso secondo regole epocali. Chi vorrà operare una decodifica, appartenendo a un diverso contesto culturale e/o a una diversa epoca, individuerà necessariamente significati in parte diversi, forse resi più ricchi dalla più lunga serie di esperienze. 
Una concezione comunicativa** della letteratura mette l'autore (l'emittente) alla difesa del suo messaggio. È attraverso il messaggio che egli comunica, dileguandosi poi come persona storicamente individuabile; ma il fatto innegabile è che a lui risale (ed egli silenziosamente rivendica) la responsabilità del messaggio.
Il testo non è res nullius***[cosa di nessuno, senza proprietà]. Abbiamo il dovere di corrispondere degnamente a chi ce lo ha consegnato, cercando di capire in modo esatto. 
Da queste riflessioni scaturisce la necessità di riformulare il concetto di valore letterario.
È giusto considerare punto di arrivo della critica il giudizio di valore, purché si tenga presente che un valore è tale solo in rapporto con i paradigmi epocali o personali. Il valore che permane al di là delle vicende del gusto è quello costituito: 1) dalla capacità di un'opera di sintetizzare la visione del mondo di un'epoca; 2) dal suo potere di smascheramento e di proposta, verificabile attraverso l'impatto dell'opera con la società e con la coscienza contemporanee, e nei casi più eccellenti anche con quelle successive. 

* Il '900 è il periodo in cui prendono piede le teorie, così definite, decostruzioniste, che, nel propugnare l'impossibilità di giungere a una univocità nel rapporto significante/significato, di fatto riducono l'operazione critica ad una infinita catena di meta-discorsi senza soluzione. 

** Segre mette subito in evidenza il concetto per porlo in netta contrapposizione con quanto viene fuori dal Decostruzionismo: la letteratura (considerato quanto detto nella nota precedente) non può produrre comunicazione.  

*** Principalmente si fa riferimento alle così dette teorie reader-oriented, che pongono nelle mani del lettore l'intero processo comunicativo, sottolineando che il testo e il suo messaggio, una volta fuori della portata dell'autore, si realizzano unicamente nel destinatario.   


Da Cesare Segre, Notizie dalla crisi. Dove va la critica letteraria?
Einaudi, 1993



Commenti

  1. Ciao Rosa, ottimo post, incentrato su un argomento molto importante, interessante e dalle mille sfaccettature, quello della critica letteraria, che di certo interessa noi blogger ma anche tutti gli appassionati della lettura :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Ariel, il mio desiderio era trovare un po' di spazio dove dare una bella, salutare strofinata alla rigida patina accademica che argomenti così importanti si portano dietro, rischiando così di restare confinati ai soli "addetti ai lavori". E invece io credo che abbiano un grande bisogno di essere condivisi.

      Elimina
  2. Oh Segre, pietra miliare di tutti i nostri studi, citato in tutti i nostri libri di testo! Il buon vecchio Segre.

    Adoro già questa rubrica, collega! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh cara Adele, tu mi capisci!
      Benedetto sia quest'uomo: In pratica se sono venuta a capo del manuale di storia della critica lo devo a lui!

      Elimina
  3. Grazie Rosa sono definizioni sempre molto utili ed è bello leggerle. Mi piace questa tua nuova rubrica.
    So che magari l'hanno già fatto altri, ma ti ho nominata qui https://lalettricesullenuvole.blogspot.it/2016/08/liebster-award-2016.html

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Noooo Chiara, anche tu?!
      Vabbe' tanto ormai ho già deciso di intitolare il post "Il mio grosso, grasso Liebster Award 2016", per cui ... 11 domande in più che vuoi che siano!
      Ovviamente, grazie (di tutto)!.

      Elimina
  4. Ciao! Fio, se avessi letto questo articolo prima di fare l'esame di critica letteraria avrei preso la lode minimo xD
    Comunque hai fatto un articolo molto intelligente, davvero utile :)
    A presto ^^
    -G

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In realtà è dall'inizio dell'anno che volevo fare questo post, ma non avevo mai la testa per mettermici su d'impegno (ecco, spero che il tuo esame risalga a un periodo più remoto!).
      Sono proprio tanto contenta che questa nuova rubrica vi piaccia!

      Elimina
  5. hai proprio ragione, l'ignoranza fa dei danni irreparabili. è così bello aprire la mente e il cuore alle culture diverse!
    http://www.audreyinwonderland.it/

    PS: che bello questo blog!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io credo che tutti noi abbiamo un gran bisogno di riscoprire l'antica pratica dell'umiltà, del silenzio e dell'ascolto.

      P.S. Felice permanenza, allora!

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

2017: tiriamo le somme

Fare un bilancio, per come la vedo io, significa essere onesti con se stessi e vedere un po' che si è combinato. Niente bluff. Ecco perché è un casino. Fuori di qui, resto sempre quella tipa lì, la nichilista, pseudo-romantica studentessa fuori corso (è il caso di festeggiare, sono entrata ufficialmente nel terzo anno già da un paio di mesi, mica uno scherzo) che va a letto con gli incubi, all'idea di avere tutta una tesi da scrivere, per non dire di un futuro nella grande spaventevole giostra del mondo in cui ancora non riesce a visualizzarsi. Passi avanti? Oh dai, ne abbiamo fatti. Per esempio, sul libretto, la mia carriera è ormai a un punto di non ritorno: tre firme ancora da apporre, gli ultimi tre esami, tre esami e puoi quasi dire di aver passato il primo step. Con quel pizzico di immaginazione che certo non ti manca puoi sentire fin qui la voce del presidente di commissione dichiararti dottoressa. Fa il suo effetto, perché negarlo. Un rito di passaggio deve fare il su…

GIACINTA, Luigi Capuana

"Colonnello!" disse la Giacinta, attaccandoglisi familiarmente al braccio e trascinandolo un po' verso la vetrata della terrazza con vivacità fanciullesca. (...) L'una e l'altro non riuscivano per qualche secondo a riattaccare discorso: poi la Giacinta spingeva gli occhi verso il colonnello che aveva ripreso la sua positura, e portando la punta del ventaglio alle labbra, lanciava un ebbene? un e poi? che provocava la risposta.

La mia lettura
Ho avuto un rapporto alquanto complesso con questo romanzo. Ad ogni pagina, per tutto il tempo, sentivo dolorosamente che qualcosa, qualcosa di decisamente importante, mancava. Quando finalmente sono riuscita a riporre ormai letto il libro nel suo angusto posticino nella libreria del mio studio, ho capito. Ho capito cosa non andava. Ma lascerò che sia qualcuno di più adatto allo scopo ad illuminarvi. "In generale mi piace dippiù la prima metà del tuo libro forse perché l'azione è più viva, o almeno è presentata con m…

Qualcosa si è mosso | Da SCRIVERE È UN MESTIERE PERICOLOSO a NON DITELO ALLO SCRITTORE, Alice Basso

La mia lettura
Bene. Io direi che tre giorni passati a sghignazzare di segreta soddisfazione, in una posa a metà tra genio del male che trama nell'ombra e ragazzina delle medie alla prima cotta, possono anche bastare. Adesso ricomponiamoci un attimo, per amor del cielo, e cerchiamo di affrontare la situazione con la serietà che merita. Niente di insostenibile, state sereni. Perché la storia di cui parliamo è pur sempre, fondamentalmente, una storia adorabile. Si ride sotto i baffi, ci si commuove il giusto, si annuisce con quel pizzico di consapevole malinconia, ma soprattutto ci si innamora, di brutto. (E poi non venitemi a dire che non vi avevo avvertito).

Per la serie dove eravamo rimasti, ricapitoliamo: epica vendetta ai danni di capo schiavista calcolatore e di ex fidanzato stronzo opportunista. Yeah. Uno a zero per Vani Sarca, signori, che dal finale del primo libro esce trionfante come una Erinni dei reietti, in mano un nuovo contratto rimpolpato da un sacrosanto aumento, u…