Passa ai contenuti principali

CINQUANTA SFUMATURE. La trilogia, E.L. James

Premessa

Devo confessarlo, prima di iniziare: ho letto i libri in Pdf su Google (la mia prima volta), perché non ero affatto sicura che ne sarebbero valsi la pena; non solo, ma ancora adesso sono dibattuta (scusate, non è voluto il gioco di parole) fra un cinquanta e cinquanta. Perciò in questo post non potrò convincervi a comprare e leggere Fifty Shades, ma vorrei che un messaggio arrivasse chiaro: non affidatevi mai al chiacchiericcio e alla disinformazione (sospetto anzi che siano stati questi i due ingredienti del successo della trilogia). Per quanto infimo un libro possa essere, valutatelo solo in base al vostro giudizio, non parlate con altre parole se non le vostre.


Mi guardo allo specchio, arrabbiata e delusa.

La mia lettura

Okay, mi arrendo. Devo mettere per bene, tutto, nero su bianco, tutte le mie contrastanti impressioni, altrimenti impazzisco: il caro, vecchio Metodo Petrarca.
Oddio, spero non sia blasfemo nominarlo qui, in questo spazio, visto che oggi non parleremo di alta letteratura, e purtroppo (e sottolineiamo mille volte “purtroppo”)  neanche di scritture particolarmente brillanti. Oggi parliamo del lui e della lei che al momento per celebrità hanno scalzato persino Edward Cullen e Bella Swan.
Lei è Anastasia Steele (cognome rivelatore: questa ragazza è veramente d’acciaio), una ragazza candida, semplice, come tante, senza grandi ambizioni se non il sogno di incontrare l’amore. Ma ironia (o crudeltà?) della sorte s’innamora perdutamente dell’uomo che più sbagliato di così non si può: questo lui è Christian Grey, il miliardario, il dio greco, il Dominatore sessuale, il bambino fragile: Mr Fifty Shades.
Ecco, loro due sono il polo attorno a cui ruota la trilogia, perché in effetti (e questo è già un primo, non trascurabile peccataccio) gli altri personaggi, anche quelli da cui ci si aspetterebbe un certo peso nella storia, sono appena abbozzi. L’unico a salvarsi, forse, per quanto strano possa sembrare, è Taylor, il braccio destro, il tuttofare in pratica, di Christian Grey: di lui si dice così poco, ma si vedono sparsi qua e là tanti di quei piccoli indizi che è impossibile non fermarsi un minuto a fantasticarci sopra.
Ma quello su cui proprio non posso transigere, come già pronosticato, è che la penna di Erika Leonard, alias E. L. James, decisamente non fa presa sufficiente, soprattutto se si considera l’enorme potenzialità della storia. Insomma, la Twilighter che è in me non può che agonizzare al pensiero di cosa avrebbe mai potuto fare quel geniaccio di Stephenie Meyer con un materiale tanto promettente. Anche perché bisogna riconoscere che alcuni momenti sono piuttosto ben costruiti, emozionano, e mi riferisco in particolare al finale del primo libro (beh sì, qui ho pianto come una fontana, lo ammetto) e a buona parte del secondo e poi sì, rileggere in appendice, dopo l’epilogo, il primo incontro fra Ana e Christian dal punto di vista di lui è stato inatteso e commovente, perché vedi quanta strada sono riusciti a fare insieme: come entrambi all'inizio siano stati ingannati dalle apparenze, per poi pian piano scoprirsi, accettarsi... amarsi per quello che sono. E ti rendi conto che il fatto stesso che Anastasia sia capitata (ehm, caduta lunga distesa per essere precisi) nell'ufficio di Mr Grey per un puro, fortuito caso ha dell’incredibile, dice già tutto: avrebbero potuto non incontrarsi affatto, e invece Ana è stata un bellissimo, miracoloso imprevisto nella vita di un uomo che tiene tutto sotto controllo.

Perciò, un consiglio ai potenziali lettori, per evitare che cadano come me nel tranello di un errato calcolo dell’orizzonte di attesa: non sono romanzi per adulti (contando, ovviamente, sulla maturità che un ragazzo o una ragazza dovrebbe aver già acquisito a sedici anni) e non aspettatevi qualcosa di brutale e carnale à la Marguerite Duras. Non fraintendetemi, però: i temi sono forti, eccome, fanno discutere, ma Fifty Shades non è in grado di reggerne il peso; non a caso, Ms James nel finale sceglie una soluzione facile, sceglie il lieto fine. Consiglio quindi di considerarla come una favola dark.

Rimangono solo poche altre cose da espungere.

1 Una scrittrice che ha la pretesa di definire “erotici” i suoi romanzi, dovrebbe sapere che non è certo la minuzia dei dettagli sconci a fare la differenza in una scena di sesso e che non basta il semplice enunciato “Non sono mai stata baciata così” a rendere visibile quel “così”.

2 In risposta alle voci agguerrite delle femministe: in un rapporto sadomasochista, come si può evincere dalla stessa lettura dei romanzi, i termini “Dominatore” e “Uomo” non sono equivalenti, cioè l’Uomo non è per definizione il Dominatore. Vogliamo ricordare che Christian Grey è un ex Sottomesso?

3 Il massimo della tensione si raggiunge nel primo libro, fra i capitoli 6 e 7. Ammetto che prima di entrare nella Stanza Rossa, mi sono presa un intermezzo di TV con mio fratello. Ma leggete il libro una seconda volta e scoprirete che l’adrenalina è scomparsa.

4 E a chi parla di “scandalo”: francamente, risparmiatevi una parola così importante per un romanzo che ne sia degno.



Cinquanta sfumature di grigio | E. L. James | Trad. di Teresa Albanese | Mondadori 2012 | 548 p. | euro 7,99

Cinquanta sfumature di nero | E. L. James | Trad. di Silvia Zucca | Mondadori 2012 | 594 p. | euro 7,99

Cinquanta sfumature di rosso | E. L. James | Trad. di Eloisa Banfi | Mondadori 2012 | 624 p. | euro 7,99


Parole nuove: clitoride, laptop, loop

Bonus track: Love me like you do, Ellie Goulding.
Da un mese ormai, la prima cosa che faccio la mattina, dopo aver aperto gli  occhi e prima di fare colazione, è canticchiarla fra me e me. Con grande disperazione di mio fratello.



Il verdetto della Balena Parlante: ★½                             



Commenti

Post popolari in questo blog

I preferiti, sotto l'albero, e tutto quello che resta da dire del 2018

L'avrete capito, no? È il momento dei listoni e cosa c'è di più banale. Eppure confesserò che a me non disturba poi granché, anzi. C'è qualcosa di così compiuto e perciò di rassicurante in una lista stilata con metodo. Per quanto, detto tra noi (ahi ahi ahi), la vostra Rosa qui presente quest'anno abbia letto una quantità di libri semplicemente miserevole. Non che i numeri significhino molto, okay, però oddio una soglia minima di 15 libri, per buona decenza, uno se la dà.
Invece ecco cosa risulta su Goodreads: You have read 13 of 30 books in 2018.
D'altra parte è vero che una Challenge offre una visione alquanto limitata della faccenda, perché, ad esempio, non tiene conto del fatto che per la prima volta da qualche anno non mi sia capitato neanche un libro veramente brutto brutto brutto o che tra i 13 suddetti sia compresa una delle più grandi narrazioni epiche mai concepite o ancora tre opere di saggistica lette a stralci ma che anche così lasciano un bagaglio rag…

Di cosa parliamo quando parliamo di Vani Sarca | Intervista ad Alice Basso

Ho incontrato Alice Basso il 15 dicembre, a Porto San Giorgio (un freddo demoniaco, ma ne valeva la pena, oh sì), durante una delle ultime presentazioni de La scrittrice del mistero (Garzanti 2018) e, a scanso di equivoci, mi sento in dovere di mettervi sull'avviso: questa donna è, realmente, quello che sembra, un concentrato di energia, il tipo con cui faresti ben volentieri notte fonda parlando sconclusionatamente di roba bellissima che non ti darà da vivere, libri libri libri film libri musica libri libri libri libri (proprio così, in loop). Soprattutto, però, quello che percepisci chiaramente, ascoltandola, leggendo i suoi libri (due racconti e quattro romanzi già pubblicati, più un quinto atteso per maggio), è che dietro il suo lavoro, di editor e di scrittrice, ci sono onestà e competenza in pari misura.
Nel 2013 è nel mondo dell'editoria da dieci anni, un ambiente «per niente asettico» (parola di Alice Basso) in cui succedono le cose più buffe e assurde, perché, molto …

GIACINTA, Luigi Capuana

"Colonnello!" disse la Giacinta, attaccandoglisi familiarmente al braccio e trascinandolo un po' verso la vetrata della terrazza con vivacità fanciullesca. (...) L'una e l'altro non riuscivano per qualche secondo a riattaccare discorso: poi la Giacinta spingeva gli occhi verso il colonnello che aveva ripreso la sua positura, e portando la punta del ventaglio alle labbra, lanciava un ebbene? un e poi? che provocava la risposta.

La mia lettura
Ho avuto un rapporto alquanto complesso con questo romanzo. Ad ogni pagina, per tutto il tempo, sentivo dolorosamente che qualcosa, qualcosa di decisamente importante, mancava. Quando finalmente sono riuscita a riporre ormai letto il libro nel suo angusto posticino nella libreria del mio studio, ho capito. Ho capito cosa non andava. Ma lascerò che sia qualcuno di più adatto allo scopo ad illuminarvi. "In generale mi piace dippiù la prima metà del tuo libro forse perché l'azione è più viva, o almeno è presentata con m…