Passa ai contenuti principali

Novità dalla bibliosfera #1

Rubrica in cui, ogni fine mese, vi terrò aggiornati su titoli, autori emergenti, voci di corridoio (etc) legati al mondo dei libri. Perché ogni buon lettore che si rispetti … tiene sempre gli occhi aperti.

Buongiorno naviganti e lettori!
Oggi, dopo un’accurata (e sofferta) selezione di titoli tra quelli spulciati da blog, social, giornali, centri commerciali, vi presento i libri che sono entrati di diritto nella mia wishlist. Sì, lo so, della serie “facciamoci del male” … anche voi avete pile di libri che piagnucolano attenzione dai vostri scaffali, vero? Senza contare quelli costretti ormai in spazi abusivi.
Vabbe’ … vi prego, chiudete gli occhi per qualche secondo insieme a me, vi giuro che questi ne valgono sicuramente la pena.

Perciò ecco le mie cinque proposte.


Sapete le inevitabili maledizioni che di tanto in tanto incombono su libri o film che tu vorresti tanto-ma-proprio-tanto leggere/vedere? The Help, per la sottoscritta, rientra in entrambi i corollari del caso. Non sono ancora riuscita a vederne la trasposizione cinematografica e, sommersa come sono da altre scoperte, per un motivo o per un altro questo libro mi sfugge sempre di mente.





Questo libro è una preziosa chicca che viene da una soffiata di un mio amico (che, a sua volta, l’ha preso in prestito da un’amica). Già solo con la trama mi aveva conquistata … poi ho visto la copertina … e ho deciso all’istante  (e io non mi lascio abbindolare troppo dalle copertine, salvo quelle dei libri di Fairy Oak di Elisabetta Gnone). Se amate le favole alla Tim Burton, decisamente questo libro farà la vostra felicità.

In breve:

Uno, non toccare le lancette - Due, domina la rabbia - Tre, non innamorarti, mai e poi mai... Nella notte più fredda del mondo possono verificarsi strani fenomeni. È il 1874 e in una vecchia casa in cima alla collina più alta di Edimburgo il piccolo Jack nasce con il cuore completamente ghiacciato. La bizzarra levatrice Madeleine, dai più considerata una strega, salverà il neonato. 



Qui siamo dalle parti di storie come Ghost o, meglio ancora, Amabili resti, ma senza i particolari cruenti di un omicidio dietro il racconto di una morte … precoce e inaspettata ovviamente.  Se volete saperne di più vi reindirizzo alla pagina del blog di Laura Libridinosa


Una delle grandi, attese presenze al Salone del Libro di Torino 2015.
E dire che un paio di volte me lo sono trovato a un palmo dal naso in libreria. E io continuavo a ripetermi “Aspetta, questo titolo me lo ricordo, mi sa che è pure bello”. Difatti in quei giorni Twitter e blog letterari ne erano tappezzati. Ma Rosa la Prudente, dopo vari bidoni presi, decide di non rischiare e lo lascia lì dov’è. Ma rimedierò, lo prometto. Qui potete trovare la trama (Stefania L’Annusalibri è fantastica con le recensioni).


Consigliato a chi vuole concedersi una lettura più soft e magari anche sganasciarsi dalle risate … solo se poi, davanti a sconcertati occhi estranei, non arrossite come peperoni. Il libro è prenotabile in tutte le librerie e negli store on-line. Lascio la parola a Laura.




Per il momento è tutto, ma spero che almeno uno di questi  libri abbia solleticato la vostra curiosità. Nel frattempo … tengo gli occhi aperti.


Commenti

Post popolari in questo blog

I preferiti, sotto l'albero, e tutto quello che resta da dire del 2018

L'avrete capito, no? È il momento dei listoni e cosa c'è di più banale. Eppure confesserò che a me non disturba poi granché, anzi. C'è qualcosa di così compiuto e perciò di rassicurante in una lista stilata con metodo. Per quanto, detto tra noi (ahi ahi ahi), la vostra Rosa qui presente quest'anno abbia letto una quantità di libri semplicemente miserevole. Non che i numeri significhino molto, okay, però oddio una soglia minima di 15 libri, per buona decenza, uno se la dà.
Invece ecco cosa risulta su Goodreads: You have read 13 of 30 books in 2018.
D'altra parte è vero che una Challenge offre una visione alquanto limitata della faccenda, perché, ad esempio, non tiene conto del fatto che per la prima volta da qualche anno non mi sia capitato neanche un libro veramente brutto brutto brutto o che tra i 13 suddetti sia compresa una delle più grandi narrazioni epiche mai concepite o ancora tre opere di saggistica lette a stralci ma che anche così lasciano un bagaglio rag…

Di cosa parliamo quando parliamo di Vani Sarca | Intervista ad Alice Basso

Ho incontrato Alice Basso il 15 dicembre, a Porto San Giorgio (un freddo demoniaco, ma ne valeva la pena, oh sì), durante una delle ultime presentazioni de La scrittrice del mistero (Garzanti 2018) e, a scanso di equivoci, mi sento in dovere di mettervi sull'avviso: questa donna è, realmente, quello che sembra, un concentrato di energia, il tipo con cui faresti ben volentieri notte fonda parlando sconclusionatamente di roba bellissima che non ti darà da vivere, libri libri libri film libri musica libri libri libri libri (proprio così, in loop). Soprattutto, però, quello che percepisci chiaramente, ascoltandola, leggendo i suoi libri (due racconti e quattro romanzi già pubblicati, più un quinto atteso per maggio), è che dietro il suo lavoro, di editor e di scrittrice, ci sono onestà e competenza in pari misura.
Nel 2013 è nel mondo dell'editoria da dieci anni, un ambiente «per niente asettico» (parola di Alice Basso) in cui succedono le cose più buffe e assurde, perché, molto …

GIACINTA, Luigi Capuana

"Colonnello!" disse la Giacinta, attaccandoglisi familiarmente al braccio e trascinandolo un po' verso la vetrata della terrazza con vivacità fanciullesca. (...) L'una e l'altro non riuscivano per qualche secondo a riattaccare discorso: poi la Giacinta spingeva gli occhi verso il colonnello che aveva ripreso la sua positura, e portando la punta del ventaglio alle labbra, lanciava un ebbene? un e poi? che provocava la risposta.

La mia lettura
Ho avuto un rapporto alquanto complesso con questo romanzo. Ad ogni pagina, per tutto il tempo, sentivo dolorosamente che qualcosa, qualcosa di decisamente importante, mancava. Quando finalmente sono riuscita a riporre ormai letto il libro nel suo angusto posticino nella libreria del mio studio, ho capito. Ho capito cosa non andava. Ma lascerò che sia qualcuno di più adatto allo scopo ad illuminarvi. "In generale mi piace dippiù la prima metà del tuo libro forse perché l'azione è più viva, o almeno è presentata con m…