Passa ai contenuti principali

Novità dalla bibliosfera #1

Rubrica in cui, ogni fine mese, vi terrò aggiornati su titoli, autori emergenti, voci di corridoio (etc) legati al mondo dei libri. Perché ogni buon lettore che si rispetti … tiene sempre gli occhi aperti.

Buongiorno naviganti e lettori!
Oggi, dopo un’accurata (e sofferta) selezione di titoli tra quelli spulciati da blog, social, giornali, centri commerciali, vi presento i libri che sono entrati di diritto nella mia wishlist. Sì, lo so, della serie “facciamoci del male” … anche voi avete pile di libri che piagnucolano attenzione dai vostri scaffali, vero? Senza contare quelli costretti ormai in spazi abusivi.
Vabbe’ … vi prego, chiudete gli occhi per qualche secondo insieme a me, vi giuro che questi ne valgono sicuramente la pena.

Perciò ecco le mie cinque proposte.


Sapete le inevitabili maledizioni che di tanto in tanto incombono su libri o film che tu vorresti tanto-ma-proprio-tanto leggere/vedere? The Help, per la sottoscritta, rientra in entrambi i corollari del caso. Non sono ancora riuscita a vederne la trasposizione cinematografica e, sommersa come sono da altre scoperte, per un motivo o per un altro questo libro mi sfugge sempre di mente.





Questo libro è una preziosa chicca che viene da una soffiata di un mio amico (che, a sua volta, l’ha preso in prestito da un’amica). Già solo con la trama mi aveva conquistata … poi ho visto la copertina … e ho deciso all’istante  (e io non mi lascio abbindolare troppo dalle copertine, salvo quelle dei libri di Fairy Oak di Elisabetta Gnone). Se amate le favole alla Tim Burton, decisamente questo libro farà la vostra felicità.

In breve:

Uno, non toccare le lancette - Due, domina la rabbia - Tre, non innamorarti, mai e poi mai... Nella notte più fredda del mondo possono verificarsi strani fenomeni. È il 1874 e in una vecchia casa in cima alla collina più alta di Edimburgo il piccolo Jack nasce con il cuore completamente ghiacciato. La bizzarra levatrice Madeleine, dai più considerata una strega, salverà il neonato. 



Qui siamo dalle parti di storie come Ghost o, meglio ancora, Amabili resti, ma senza i particolari cruenti di un omicidio dietro il racconto di una morte … precoce e inaspettata ovviamente.  Se volete saperne di più vi reindirizzo alla pagina del blog di Laura Libridinosa


Una delle grandi, attese presenze al Salone del Libro di Torino 2015.
E dire che un paio di volte me lo sono trovato a un palmo dal naso in libreria. E io continuavo a ripetermi “Aspetta, questo titolo me lo ricordo, mi sa che è pure bello”. Difatti in quei giorni Twitter e blog letterari ne erano tappezzati. Ma Rosa la Prudente, dopo vari bidoni presi, decide di non rischiare e lo lascia lì dov’è. Ma rimedierò, lo prometto. Qui potete trovare la trama (Stefania L’Annusalibri è fantastica con le recensioni).


Consigliato a chi vuole concedersi una lettura più soft e magari anche sganasciarsi dalle risate … solo se poi, davanti a sconcertati occhi estranei, non arrossite come peperoni. Il libro è prenotabile in tutte le librerie e negli store on-line. Lascio la parola a Laura.




Per il momento è tutto, ma spero che almeno uno di questi  libri abbia solleticato la vostra curiosità. Nel frattempo … tengo gli occhi aperti.


Commenti

Post popolari in questo blog

Cosa c'è in agenda? #3

Cosa leggo? Cosa scrivo? Questi sono i punti all'ordine del giorno della mia agenda letteraria. Qui li ricapitoliamo passo passo.
Dolce, malinconico agosto
Vestiti freschi e leggeri, ciabattine infradito, mattine al mare, cornetti Esagerati per gentile concessione Algida, cappelli di paglia, occhiali da sole (che io puntualmente dimentico di portarmi dietro), una capatina (solitamente proficua) alla casetta dei libri, quelle rare ma felici passeggiate con mio fratello lungo il viale alberato che porta all'abbazia (anche se incappiamo sempre in quel cagnaccio che ci abbaia contro e il marciapiede è così malandato che camminare in mezzo alla strada sarebbe più sicuro), le trasferte per seguire i concerti senza biglietto di Edoardo Bennato (ahhhh Biccari, con la  mia plateale caduta in pieno giorno al centro della piazza!).   Ecco, l'estate per me è tutto questo, un mondo intero in una stagione, che alla fin fine si riduce a poche settimane di sole. Un po' come con i fichi…

Quello che non ti aspetti: i miei due anni da book-blogger

Non so come ci sono arrivata.  Ho iniziato perché scrivo. E perché leggo.  E oggi sono due anni.  Ma non è che io sia diventata una persona diversa solo perché ho aperto un blog.  I book-blogger non hanno super-poteri.  Sono ancora una studentessa di lettere moderne che non sa bene cosa fare di se stessa, e non c'è dubbio che sarò sempre la ragazza con la testa fra le nuvole e con il cuore nei libri.  Ho solo trovato un posto dove esserlo liberamente.  E condividerlo con voi. Ecco voi siete quello che non mi aspettavo.
Quei lettori che sono arrivati pian piano, i "silenziosi" e gli "immancabili", quelli che anche con una sola parola, un complimento, un grazie, mi fanno sapere che ci sono e che qualcosa di bello, in fondo, riesco a regalarlo.  Stefania, ricordo ancora con una certa emozione il suo primo commento, che era anche il primo commento in assoluto sul blog, me lo sono trovata lì, sotto il naso, ancora un po' attonita, incredula. Allora scrivevo anco…

Cosa si nasconde dietro la fontana?

Buon lunedì lettori che spasimate per un po' d'aria fresca! Qui da me il tempo è sereno, non così soffocante come ieri (BP stava rischiando di arenarsi), e dalla mia postazione in cucina, fortunatamente, c'è un discreto passaggio di aria.  Oggi, Pip ed io abbiamo bypassato il mare, un salto con mamma e papà a prendersi tutta l'aria condizionata all'ufficio postale, unica cosa carina degna di nota che mi ha strappato un sorriso, due vecchietti che parlottavano sulla presenza nella Bibbia di Satana e, non ci crederete ... della muffa (lo dico io, che dovrei proprio mettermi a leggerne una paginetta alla volta: salta sempre fuori qualcuno con "Hai letto questo?", "Lo sai che?" e tu lì a chiederti sconcertata, allibita - praticamente offesa a livello personale - "Ma davvero?").  Ma di cos'è che dovevo parlarvi oggi? Fatemi ricontrollare gli appunti ... Marone, Kinsella, Morganti, Genova, Liebster Award ... oh sì, ecco qua, vi avevo ac…