Passa ai contenuti principali

Look!

Insomma … ad un certo punto, spulcia di qua e spulcia di là fra le tante colorate, accessoriate casette strappacuore che trovano spazio in questo universo parallelo chiamato blogosfera, un’occhiata al tuo umilissimo cantuccio, con buona pace, sei costretta ad ammetterlo: vabbe’ è vero, l’occhio vuole la sua parte.

Io, da parte mia, ho tenuto ben aperti tutti e due gli occhi, sapevo che era solo questione di tempo … e di giusti suggerimenti. E così alla fine ieri mattina ho trovato il coraggio di dire addio all'amatissimo verde dei miei alberelli di bosco.

Quindi oggi questo post è anche un modo per dire grazie al lavoro di blogger come Elena, che mettono a disposizione tonnellate di materiale salva-vita per blog appena nati, la loro passione per la creatività ti dà una carica pazzesca: con tutto il cuore, grazie di esserci! Grazie, perché adesso La Balena Parlante ed Io è un luogo più accogliente, ordinato, frizzante, vivace. Uff! Volete proprio guastarmi la festa eh? Okay, mi manca ancora un header fantasioso e soprattutto un menù funzionale, ma … pian pianino, un passo alla volta, realizzerò tutto quello che mi sono ripromessa.

Per oggi però io e B. P. siamo contenti così del nostro regalo tardivo.

Commenti

  1. scopro questo blog con troppo ritardo!!! da oggi hai una nuova lettrice! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Benvenuta Stefania, è una gioia averti qui.

      Elimina
    2. lo è anche per me, seguirò con piacere tutte le evoluzioni e i cambiamenti :)

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Cosa c'è in agenda? #3

Cosa leggo? Cosa scrivo? Questi sono i punti all'ordine del giorno della mia agenda letteraria. Qui li ricapitoliamo passo passo.
Dolce, malinconico agosto
Vestiti freschi e leggeri, ciabattine infradito, mattine al mare, cornetti Esagerati per gentile concessione Algida, cappelli di paglia, occhiali da sole (che io puntualmente dimentico di portarmi dietro), una capatina (solitamente proficua) alla casetta dei libri, quelle rare ma felici passeggiate con mio fratello lungo il viale alberato che porta all'abbazia (anche se incappiamo sempre in quel cagnaccio che ci abbaia contro e il marciapiede è così malandato che camminare in mezzo alla strada sarebbe più sicuro), le trasferte per seguire i concerti senza biglietto di Edoardo Bennato (ahhhh Biccari, con la  mia plateale caduta in pieno giorno al centro della piazza!).   Ecco, l'estate per me è tutto questo, un mondo intero in una stagione, che alla fin fine si riduce a poche settimane di sole. Un po' come con i fichi…

Quello che non ti aspetti: i miei due anni da book-blogger

Non so come ci sono arrivata.  Ho iniziato perché scrivo. E perché leggo.  E oggi sono due anni.  Ma non è che io sia diventata una persona diversa solo perché ho aperto un blog.  I book-blogger non hanno super-poteri.  Sono ancora una studentessa di lettere moderne che non sa bene cosa fare di se stessa, e non c'è dubbio che sarò sempre la ragazza con la testa fra le nuvole e con il cuore nei libri.  Ho solo trovato un posto dove esserlo liberamente.  E condividerlo con voi. Ecco voi siete quello che non mi aspettavo.
Quei lettori che sono arrivati pian piano, i "silenziosi" e gli "immancabili", quelli che anche con una sola parola, un complimento, un grazie, mi fanno sapere che ci sono e che qualcosa di bello, in fondo, riesco a regalarlo.  Stefania, ricordo ancora con una certa emozione il suo primo commento, che era anche il primo commento in assoluto sul blog, me lo sono trovata lì, sotto il naso, ancora un po' attonita, incredula. Allora scrivevo anco…

Cosa si nasconde dietro la fontana?

Buon lunedì lettori che spasimate per un po' d'aria fresca! Qui da me il tempo è sereno, non così soffocante come ieri (BP stava rischiando di arenarsi), e dalla mia postazione in cucina, fortunatamente, c'è un discreto passaggio di aria.  Oggi, Pip ed io abbiamo bypassato il mare, un salto con mamma e papà a prendersi tutta l'aria condizionata all'ufficio postale, unica cosa carina degna di nota che mi ha strappato un sorriso, due vecchietti che parlottavano sulla presenza nella Bibbia di Satana e, non ci crederete ... della muffa (lo dico io, che dovrei proprio mettermi a leggerne una paginetta alla volta: salta sempre fuori qualcuno con "Hai letto questo?", "Lo sai che?" e tu lì a chiederti sconcertata, allibita - praticamente offesa a livello personale - "Ma davvero?").  Ma di cos'è che dovevo parlarvi oggi? Fatemi ricontrollare gli appunti ... Marone, Kinsella, Morganti, Genova, Liebster Award ... oh sì, ecco qua, vi avevo ac…