Passa ai contenuti principali

Novità dalla bibliosfera #5

Rubrica in cui, ogni fine mese, vi terrò aggiornati su titoli, autori emergenti, voci di corridoio (etc) legati al mondo dei libri. Perché ogni buon lettore che si rispetti ... tiene sempre gli occhi aperti.  

Buon giorno a voi lettori ... in trepidante attesa del Natale.
Ci siamo. Con l'appuntamento di oggi dichiaro chiuso per quest'anno lo spazio dedicato alle Novità.
Eh sì, è vero, scommetto che nelle vostre fantasie dicembre è una specie di ponte d'oro fra novembre e gennaio, o un po' come un'ambasciata in terra straniera: libro in mano, tazza di cioccolata calda fumante (preferibilmente!) e immancabile plaid, e lì belli belli sicuri dell'immunità diplomatica.
Tutto giustissimo.
Peccato che dicembre per la sottoscritta significhi anche rimettere mano ai testi studio. Okay, forse sono un tantino ingiusta, considerato che il Tellini di storia della critica letteraria è diventato uno dei miei libri preferiti. Chissà, magari un giorno vi racconterò anche di questi speciali amici inattesi.

Fate attenzione però, non ho affatto detto che il blog sarà in pausa natalizia, tutt'altro. Vedrete, vedrete.
Alt. Fermi lì. Oggi si parla solo delle mie tre proposte.

I naviganti della blogosfera ne avranno trovato recensioni su recensioni.
Io ci metterò del mio.
Ho scoperto Elisabetta Gnone a dodici o tredici anni, quando mi sono ritrovata Fairy Oak tra le mani. All'epoca Christopher Paolini aveva già sancito il mio ingresso nella dimensione fantasy grazie al Ciclo dell'eredità, così ho accolto con gioia e gratitudine quella semplice ma preziosa favola.
La mamma delle W.I.T.C.H. e delle gemelle Periwinkle ora ci prende per mano e ci accompagna in questa nuova, incredibile avventura.
Seguiremo la storia che Olga racconta al suo amico Bruco, la storia di una bambina di carta che sogna di diventare umana e che per questo si mette in viaggio in cerca della maga Ausolia. Ma lungo il cammino, grazie anche all'incontro con personaggi bizzarri, la nostra piccola eroina scoprirà, per usare le parole della stessa autrice, che proprio "le debolezze in realtà sono dei punti di forza".



Avevo trovato qualche tempo fa la recensione di questo libro sulla pagina La biblioteca di famiglia di Famiglia Cristiana. Ve lo dico subito, quando becco un titolo qui e dico: "Lo voglio!", non resto mai delusa (così ho scoperto Leielui di De Carlo, Perdersi di Lisa Genova e L'ultima riga delle favole di Gramellini).
Questa cari lettori è davvero una fiaba e come ogni fiaba comincia con un "C'era una volta ...".



... capirete adesso che la sopracitata menzione della tanto sospirata tazza di cioccolata aveva un senso. E poi vi ho già fatto intendere che non sono golosa solo di libri.
I miei occhi scorrevano in placida contemplazione delle copertine sulla tavolata di best-sellers della sezione libri di Media World (per me e i mio fratello Il Paradiso dei DVD), e così mi sono fermata, l'ho preso in mano e ho letto la trama sul risvolto di copertina.
Fermatevi a leggere anche voi.


Commenti

  1. Ciao cara passo anch'io da te con piacere e trovo Olga di carta che non vedo l'ora di leggere :-)

    RispondiElimina
  2. Cioccolata, plaid e libro ok, ma per le feste anche divertimento e gite fuori porta per me!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ... e allegria e compagnia: il regalo più bello del Natale è condividere

      Elimina
  3. Rosa, trovo che questi siano tre consigli bellissimi! Del primo e dell'ultimo ne ho sentito ampiamente parlare e, come è giusto che sia, sono finiti in wish list :D Però, devo ammettere che col secondo titolo mi hai incuriosita, e non poco, per cui mi tocca aggiungerlo in coda agli altri o, chissà, magari li scalzerà tutti e sarà il mio prossimo acquisto! Staremo a vedere, intanto buone letture :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Felicissima di averti qui, Anna (e di aver vinto 1 a 0 sulla tecnologia, ih ih!).
      Purtroppo nessuno di questi tre libri si trova ancora su uno dei ripiani affollatissimi della mia libreria, tutta colpa di una serie interminabile di "stila e disfa" liste. Ma sono sicurissima che ognuno di questi meriti un po' del nostro tempo.

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

I preferiti, sotto l'albero, e tutto quello che resta da dire del 2018

L'avrete capito, no? È il momento dei listoni e cosa c'è di più banale. Eppure confesserò che a me non disturba poi granché, anzi. C'è qualcosa di così compiuto e perciò di rassicurante in una lista stilata con metodo. Per quanto, detto tra noi (ahi ahi ahi), la vostra Rosa qui presente quest'anno abbia letto una quantità di libri semplicemente miserevole. Non che i numeri significhino molto, okay, però oddio una soglia minima di 15 libri, per buona decenza, uno se la dà.
Invece ecco cosa risulta su Goodreads: You have read 13 of 30 books in 2018.
D'altra parte è vero che una Challenge offre una visione alquanto limitata della faccenda, perché, ad esempio, non tiene conto del fatto che per la prima volta da qualche anno non mi sia capitato neanche un libro veramente brutto brutto brutto o che tra i 13 suddetti sia compresa una delle più grandi narrazioni epiche mai concepite o ancora tre opere di saggistica lette a stralci ma che anche così lasciano un bagaglio rag…

Di cosa parliamo quando parliamo di Vani Sarca | Intervista ad Alice Basso

Ho incontrato Alice Basso il 15 dicembre, a Porto San Giorgio (un freddo demoniaco, ma ne valeva la pena, oh sì), durante una delle ultime presentazioni de La scrittrice del mistero (Garzanti 2018) e, a scanso di equivoci, mi sento in dovere di mettervi sull'avviso: questa donna è, realmente, quello che sembra, un concentrato di energia, il tipo con cui faresti ben volentieri notte fonda parlando sconclusionatamente di roba bellissima che non ti darà da vivere, libri libri libri film libri musica libri libri libri libri (proprio così, in loop). Soprattutto, però, quello che percepisci chiaramente, ascoltandola, leggendo i suoi libri (due racconti e quattro romanzi già pubblicati, più un quinto atteso per maggio), è che dietro il suo lavoro, di editor e di scrittrice, ci sono onestà e competenza in pari misura.
Nel 2013 è nel mondo dell'editoria da dieci anni, un ambiente «per niente asettico» (parola di Alice Basso) in cui succedono le cose più buffe e assurde, perché, molto …

GIACINTA, Luigi Capuana

"Colonnello!" disse la Giacinta, attaccandoglisi familiarmente al braccio e trascinandolo un po' verso la vetrata della terrazza con vivacità fanciullesca. (...) L'una e l'altro non riuscivano per qualche secondo a riattaccare discorso: poi la Giacinta spingeva gli occhi verso il colonnello che aveva ripreso la sua positura, e portando la punta del ventaglio alle labbra, lanciava un ebbene? un e poi? che provocava la risposta.

La mia lettura
Ho avuto un rapporto alquanto complesso con questo romanzo. Ad ogni pagina, per tutto il tempo, sentivo dolorosamente che qualcosa, qualcosa di decisamente importante, mancava. Quando finalmente sono riuscita a riporre ormai letto il libro nel suo angusto posticino nella libreria del mio studio, ho capito. Ho capito cosa non andava. Ma lascerò che sia qualcuno di più adatto allo scopo ad illuminarvi. "In generale mi piace dippiù la prima metà del tuo libro forse perché l'azione è più viva, o almeno è presentata con m…