Passa ai contenuti principali

Svuotiamo insieme i sorrisi del 2016

Prima di lasciare andar via il 2016 come un palloncino nello spazio, tutto gonfio di ricordi, quelli più piacevoli (e ne ho avuti!) e quelli che lo sono un po' meno, credo sia arrivato ormai tempo di prendere in mano il Barattolo del Sorriso. Dico "barattolo", ma in realtà, ora che ci penso, non ne ho più trovato uno anche meno che perfetto da sostituire alla scatola per cioccolatini di Gay-Odin (fatemi un fischio, se riuscite a trovare il modo di preservare un barattolo di vetro dai cattivi odori!). Oh beh, poco importa, il cioccolato sta bene con tutto ciò che è dolce.  E i miei biglietti-segna-lettura sono irresistibilmente dolci. 



27 biglietti. 27 letture.

Formato  
E-book: 5
Cartaceo: 22

Genere
Erotico: 1
Classico: 1
Saggistica: 1
Narrativa: 8
Fantasy: 3
Commedia rosa: 9
Storico: 1
Racconti: 1
Thriller: 1
Graphic novel: 1

Insomma, un'ottima scusa per sorridere 27 volte. E con tre libri letti in più, sono riuscita a fare un po' meglio del 2015 (evvai, piccola vittoria personale!).

Il meglio
(wow)

Qui la recensione

... e il peggio (sigh)

Qui il mio brevissimo pensiero

La sopresa
(oh!)

Qui la recensione

Menzioni speciali


Freezer di Veronica "Veci" Carratello
 un graphic novel che è una festa per gli occhi 
e una sorpresa a ogni pagina

La tentazione di essere felici di Lorenzo Marone 
qui la recensione.

Un terremoto a Borgo Propizio di Loredana Limone
un libro che profuma di buono, di quotidianità, come il pane fresco in tavola

I love shopping di Sophie Kinsella
intelligente, brioso, da morir dal ridere
 e con una protagonista che non riesci a credere che non esista davvero nella realtà

Calpurnia, l'ombra di Cesare di Sonia Morganti
che posso dire? Il romanzo storico che da anni aspettavo di leggere!




Commenti

  1. Okay sì...adesso ho vogkia di cioccolato Kinder, che non ho, come la mettiamo adesso?

    E che bello Olga di carta! Mi fa gli occhi dolci! **

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti confesso una cosa: anch'io sono senza cioccolato, o almeno senza cioccolato Kinder (mia madre ha una pasticceria proprio sotto casa quindi non rimaniamo mai a secco).
      Tanto ammmmmmooore per Olga di carta, una fiaba dolcissima e commovente.

      Elimina
  2. Ciao, anch'io adoro la Kinsella e non vedo l'ora di leggere il suo nuovo romanzo! Io prima di te invece non l'ho letto, mi sembra troppo triste per i miei gusti, preferisco i libri "scacciapensieri" ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anch'io sto sospirando in attesa di leggerlo. Ma in realtà vorrei prima recuperare "Che fine ha fatto Audrey?".
      "Io prima di te" mi ha proprio deluso. Se devo leggere un libro strappalacrime almeno che ne valga la pena!

      Elimina
  3. Rosaaaaa! Il kinder maxi quanto è buono?!? È l'unico tipo di cioccolato che mi piace! Comunque bando alle golosità.. mi hai fatto venire una gran voglia di leggere Olga di carta e Calpurnia l'ombra di Cesare! Per la Kinsella non potrei essere più d'accordo, lo sai! Purtroppo il suo nuovo romanzo mi ha delusa però con tutte le gioie che mi ha sempre regalato posso anche perdonarla!
    P.s.
    Sono contenta che sei tornata online! :*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie di questa ventata di entusiasmo, Soph! Purtroppo di tempo per dedicarmi al blog non ne ho mai tanto quanto vorrei, però è bello che ci sia qualcuno che mi aspetta nonostante tutto.
      Allora su Kinsella regina della commedia rosa e sul Kinder miglior cioccolato direi che siamo d'accordo. Adesso aspetto di sapere come va con Olga di carta, okay? Non puoi proprio rifiutarti!

      Elimina
  4. Bellissimi i tuoi biglietti segna letture Rosa.
    Leggendo il tuo post mi sono vergognata: devo ancora leggere Olga (da settembre).
    Vorrei la giratempo di Hermione.
    baci da lea

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lea non me lo dire! Io sogno sempre di imbattermi per caso in un varco temporale dove sia possibile restare sospesi in quell'attimo di presente non dico in eterno ma almeno il tempo di leggere un libro al giorno.
      Ma il momento perfetto per leggere "Olga di carta" secondo me è la sera, prima di andare a letto: sarebbe un po' come tornare bambini con la favola della buonanotte.

      Elimina
  5. Olga di carta *-* Che meravigliosa lettura! Aggiungo che i tuoi biglietti-segna-lettura fanno venire una gran voglia di cioccolato (ed io alle tentazioni non so resistere) :D Baci, Rosa!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Stefania, cosa posso dire a mia discolpa? Amo i libri e il cioccolato in egual misura, quindi perché non unire due grandi passioni?

      P.S. Ora vivo nell'attesa che Elisabetta Gnone ci regali un'altra delle sue splendide fiabe.

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Una silenziosa (inutile) quarantena per decidermi a scrivere ... Pausa!

So che sembra assurdo, anzi, confessarlo per iscritto è abbastanza imbarazzante, ma è solo l'altro giorno che la proverbiale lampadina si è accesa per togliermi dall'impaccio di un prolungato silenzio che si trascina pietosamente da settimane: "Rosellina sciocca, lo sai vero, che esiste il cartello PAUSA?".  Ehmmmm ... no, veramente no. Cioè sì, ovvio che sì. Quello che voglio dire è che mi è passato di mente. Completamente.  Morale della favola: ci si rilegge a ... uh già, a quando?  Diamo una scorsa veloce ed elegante alla mia agenda (grazie Lea, non so come ho fatto finora senza un'agenda, mi hai salvato la vita!). Allora allora, direi che è ragionevole stabilire che ogni  pubblicazione sul blog riprenderà a partire dal 15 dicembre. Fermo restando che, come sempre, rimane attiva la pagina Facebook.  Nel frattempo però convengo che sia il minimo tenervi aggiornati sulle ultimissime novità, dato che novembre si sta rivelando un mese tutto da spolpare come una s…

Cosa c'è in agenda? #3

Cosa leggo? Cosa scrivo? Questi sono i punti all'ordine del giorno della mia agenda letteraria. Qui li ricapitoliamo passo passo.
Dolce, malinconico agosto
Vestiti freschi e leggeri, ciabattine infradito, mattine al mare, cornetti Esagerati per gentile concessione Algida, cappelli di paglia, occhiali da sole (che io puntualmente dimentico di portarmi dietro), una capatina (solitamente proficua) alla casetta dei libri, quelle rare ma felici passeggiate con mio fratello lungo il viale alberato che porta all'abbazia (anche se incappiamo sempre in quel cagnaccio che ci abbaia contro e il marciapiede è così malandato che camminare in mezzo alla strada sarebbe più sicuro), le trasferte per seguire i concerti senza biglietto di Edoardo Bennato (ahhhh Biccari, con la  mia plateale caduta in pieno giorno al centro della piazza!).   Ecco, l'estate per me è tutto questo, un mondo intero in una stagione, che alla fin fine si riduce a poche settimane di sole. Un po' come con i fichi…

Maggio portafortuna, arrivederci e grazie

Sto guardando l'orologio.
Okay.
Dieci minuti.
In dieci minuti devo assolvere a tutti i miei doveri di brava e puntuale book-blogger.
(Male: tre minuti e ho già cancellato una decina di frasi).
Dunque io direi di procedere in maniera scientifica e razionale, spuntando mano a mano ogni singolo punto, così non ci si perde niente di importante per strada.

Prima di tutto.
Cosa c'è di nuovo nella mia libreria? 


L'ho messo in evidenza già dal titolo: maggio quest'anno è stato un mese molto fortunato e di grandi soddisfazioni. Questo libro infatti è giunto nella mia casetta a mezzo di corriere, vinto in blogtour-Giveway (il secondo, a poche settimane di distanza).
Un grazie tutto cuori e baci va a queste fantastiche donnine: Stefania, Nunzia, Francesca, Clarissa e Rosa (il cui blog è una scoperta fresca di questo mese). Voi sapete quanto affetto e quanta stima ho nei vostri riguardi.
E un grazie naturalmente è per la CE Nord.


Il canto del mondo reale, di Liliana Rampello (un rega…