Passa ai contenuti principali

Svuotiamo insieme i sorrisi del 2016

Prima di lasciare andar via il 2016 come un palloncino nello spazio, tutto gonfio di ricordi, quelli più piacevoli (e ne ho avuti!) e quelli che lo sono un po' meno, credo sia arrivato ormai tempo di prendere in mano il Barattolo del Sorriso. Dico "barattolo", ma in realtà, ora che ci penso, non ne ho più trovato uno anche meno che perfetto da sostituire alla scatola per cioccolatini di Gay-Odin (fatemi un fischio, se riuscite a trovare il modo di preservare un barattolo di vetro dai cattivi odori!). Oh beh, poco importa, il cioccolato sta bene con tutto ciò che è dolce.  E i miei biglietti-segna-lettura sono irresistibilmente dolci. 



27 biglietti. 27 letture.

Formato  
E-book: 5
Cartaceo: 22

Genere
Erotico: 1
Classico: 1
Saggistica: 1
Narrativa: 8
Fantasy: 3
Commedia rosa: 9
Storico: 1
Racconti: 1
Thriller: 1
Graphic novel: 1

Insomma, un'ottima scusa per sorridere 27 volte. E con tre libri letti in più, sono riuscita a fare un po' meglio del 2015 (evvai, piccola vittoria personale!).

Il meglio
(wow)

Qui la recensione

... e il peggio (sigh)

Qui il mio brevissimo pensiero

La sopresa
(oh!)

Qui la recensione

Menzioni speciali


Freezer di Veronica "Veci" Carratello
 un graphic novel che è una festa per gli occhi 
e una sorpresa a ogni pagina

La tentazione di essere felici di Lorenzo Marone 
qui la recensione.

Un terremoto a Borgo Propizio di Loredana Limone
un libro che profuma di buono, di quotidianità, come il pane fresco in tavola

I love shopping di Sophie Kinsella
intelligente, brioso, da morir dal ridere
 e con una protagonista che non riesci a credere che non esista davvero nella realtà

Calpurnia, l'ombra di Cesare di Sonia Morganti
che posso dire? Il romanzo storico che da anni aspettavo di leggere!




Commenti

  1. Okay sì...adesso ho vogkia di cioccolato Kinder, che non ho, come la mettiamo adesso?

    E che bello Olga di carta! Mi fa gli occhi dolci! **

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti confesso una cosa: anch'io sono senza cioccolato, o almeno senza cioccolato Kinder (mia madre ha una pasticceria proprio sotto casa quindi non rimaniamo mai a secco).
      Tanto ammmmmmooore per Olga di carta, una fiaba dolcissima e commovente.

      Elimina
  2. Ciao, anch'io adoro la Kinsella e non vedo l'ora di leggere il suo nuovo romanzo! Io prima di te invece non l'ho letto, mi sembra troppo triste per i miei gusti, preferisco i libri "scacciapensieri" ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anch'io sto sospirando in attesa di leggerlo. Ma in realtà vorrei prima recuperare "Che fine ha fatto Audrey?".
      "Io prima di te" mi ha proprio deluso. Se devo leggere un libro strappalacrime almeno che ne valga la pena!

      Elimina
  3. Rosaaaaa! Il kinder maxi quanto è buono?!? È l'unico tipo di cioccolato che mi piace! Comunque bando alle golosità.. mi hai fatto venire una gran voglia di leggere Olga di carta e Calpurnia l'ombra di Cesare! Per la Kinsella non potrei essere più d'accordo, lo sai! Purtroppo il suo nuovo romanzo mi ha delusa però con tutte le gioie che mi ha sempre regalato posso anche perdonarla!
    P.s.
    Sono contenta che sei tornata online! :*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie di questa ventata di entusiasmo, Soph! Purtroppo di tempo per dedicarmi al blog non ne ho mai tanto quanto vorrei, però è bello che ci sia qualcuno che mi aspetta nonostante tutto.
      Allora su Kinsella regina della commedia rosa e sul Kinder miglior cioccolato direi che siamo d'accordo. Adesso aspetto di sapere come va con Olga di carta, okay? Non puoi proprio rifiutarti!

      Elimina
  4. Bellissimi i tuoi biglietti segna letture Rosa.
    Leggendo il tuo post mi sono vergognata: devo ancora leggere Olga (da settembre).
    Vorrei la giratempo di Hermione.
    baci da lea

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lea non me lo dire! Io sogno sempre di imbattermi per caso in un varco temporale dove sia possibile restare sospesi in quell'attimo di presente non dico in eterno ma almeno il tempo di leggere un libro al giorno.
      Ma il momento perfetto per leggere "Olga di carta" secondo me è la sera, prima di andare a letto: sarebbe un po' come tornare bambini con la favola della buonanotte.

      Elimina
  5. Olga di carta *-* Che meravigliosa lettura! Aggiungo che i tuoi biglietti-segna-lettura fanno venire una gran voglia di cioccolato (ed io alle tentazioni non so resistere) :D Baci, Rosa!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Stefania, cosa posso dire a mia discolpa? Amo i libri e il cioccolato in egual misura, quindi perché non unire due grandi passioni?

      P.S. Ora vivo nell'attesa che Elisabetta Gnone ci regali un'altra delle sue splendide fiabe.

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

I preferiti, sotto l'albero, e tutto quello che resta da dire del 2018

L'avrete capito, no? È il momento dei listoni e cosa c'è di più banale. Eppure confesserò che a me non disturba poi granché, anzi. C'è qualcosa di così compiuto e perciò di rassicurante in una lista stilata con metodo. Per quanto, detto tra noi (ahi ahi ahi), la vostra Rosa qui presente quest'anno abbia letto una quantità di libri semplicemente miserevole. Non che i numeri significhino molto, okay, però oddio una soglia minima di 15 libri, per buona decenza, uno se la dà.
Invece ecco cosa risulta su Goodreads: You have read 13 of 30 books in 2018.
D'altra parte è vero che una Challenge offre una visione alquanto limitata della faccenda, perché, ad esempio, non tiene conto del fatto che per la prima volta da qualche anno non mi sia capitato neanche un libro veramente brutto brutto brutto o che tra i 13 suddetti sia compresa una delle più grandi narrazioni epiche mai concepite o ancora tre opere di saggistica lette a stralci ma che anche così lasciano un bagaglio rag…

L'amore è per segugi | LA SCRITTRICE DEL MISTERO, Alice Basso

La mia lettura
«E dai, non potrà mica sempre andare bene, prima o poi il calo sarà fisiologico, ci scommetto che siamo arrivati a questo stadio, come quando fai i test a crocette e se escono troppi "sì" di fila sicuro che arriva anche il momento del "no", quindi crepi di fifa». Questa è la comicità di Alice Basso, in uno dei suoi irriverenti, scoppiettanti, dolcissimi post su Facebook (una droga pesante, stateci attenti) e se c'è una cosa che ormai dovreste aver capito di Alice Basso è che la comicità, nelle sue mani, è un fucile di precisione. Perché, se è vero che non uno tra noi lettori avrebbe esitato a vendere l'anima al diavolo per questo oggetto sacro e benedetto, La scrittrice del mistero, edito Garzanti, il quarto libro (signori, il Q U A R T O libro) di Vani Sarca, pure, quel tanto così di fifa blu c'era. Brutta faccenda avere aspettative altissime. Ancor più brutto, esser stati mollati proprio su un finale perfetto, da sipario che si chiude e…

I Nuovi Mostri | L'ELEGANZA DEL RICCIO, Muriel Barbery

| I Mostri Antichi li conosciamo, o quantomeno fingiamo di conoscerli, ma i Nuovi Mostri? Chi sono, dove sono?



La mia lettura

L'arte è la vita, ma su un altro ritmo.
Vi consiglio di prenderla molto sul serio questa frase, perché stavolta proveremo davvero a dire quanto contiene e significa questo libro.

Brevemente però, intanto, i prodromi.

Dovremmo osservare anzitutto, a beneficio del lettore che si accosti alla lettura, che la prima esperienza, come ogni rito iniziatico, imprime a fuoco il suo marchio.
Se poi sei giovane e dunque vorace, con una passione mortale per il grande romanzo russo ottocentesco, e se covi la pazza idea che la lingua racchiuda ermeticamente nei suoi segreti meccanismi la categoria del sublime, allora questa, sappilo, sarà la lettura che non ti lascerà scampo alcuno.
Per chi c'è già passato (e questo è il mio caso) il discorso si complica insolitamente: in mezzo si frappongono pur sempre quei sei o sette anni, che significano altre esperienze, altre le…