Passa ai contenuti principali

Novità dalla bibliosfera #3

Rubrica in cui, ogni fine mese, vi terrò aggiornati su titoli, autori emergenti, voci di corridoio (etc) legati al mondo dei libri. Perché ogni buon lettore che si rispetti ... tiene sempre gli occhi aperti.

Ben ritrovati compagni di letture!
Allora sì, è vero, vi ho lasciato per un mese intero senza servirvi un bel cesto di novità libresche, ma sono qui con tutte le migliori intenzioni per rimediare. Cercate di capirmi, questa rubrica per me è la mia croce personale, mi fa sentire triste come un albero in autunno che osserva impotente le sue foglie mentre cadono a terra in un variopinto tappeto.
Insomma, non sarebbe meraviglioso se ognuno di noi avesse a disposizione un suo personale Varco Temporale? Una stanzetta fuori dal tempo in cui poterci rifugiare quando e quanto vogliamo, per poi poter fare ritorno a quell'attimo di presente che avevamo lasciato? O forse, chissà, i libri si fanno amare di più proprio per la preziosità di quei momenti rubati ... mmmh ... dubbi amletici da lettori.

Okay, scrolliamoci di dosso questa malinconica patina settembrina. Anche perché i libri che ho scovato per voi in giro per il web sono decisamente accattivanti.


Innanzitutto vi presento Vanni, l'alter ego che La Libridinosa ha di recente scoperto di avere. In barba ai disastrosi esiti di tanti libri che parlano di libri, la storia di questa ghostwriter, schiva, che si nasconde dal mondo proprio come un fantasma anche nella vita di tutti i giorni, ma dalla affinata capacità di cogliere di quello stesso mondo tutti i dettagli, quei particolari invisibili alla mediocrità dei più, ha ottenuto un largo consenso di pubblico. In uno sfondo che pian piano assume le tinture del giallo, di un mistero che il dono di Vanni potrebbe risolvere ... e che non possa magari profilarsi anche un po' di rosa all'orizzonte?


Qui siamo al cospetto di un fenomeno editoriale a quanto pare senza precedenti. E dalla curiosa sorte di essere ingannevolmente presentato nel risvolto della sovraccoperta come un semplice romanzo, quando, beh, direi che in realtà non è proprio così. Semmai potremmo definirlo una raccolta di frammenti di romanzi diversi, di storie diverse che il lettore con buona pazienza dovrà ricostruire attraverso tutte le parole non dette, gli spazi lasciati bianchi, le ellissi segretamente nascoste dietro i punti fermi. Più esattamente questo libro è una declinazione dell'amore in tutte le sue forme e imperfezioni, perché è questo, l'amore imperfetto (come il titolo lascia tacitamente intuire) il vero filo conduttore del racconto. Un racconto da gustare, da assaporare piano, un po' per volta ... e soprattutto in formato cartaceo. No, l'ammonizione è per me, dato che qualche settimana fa (chiedo venia!) l'ho scaricato in Pdf.


Sarà perché la recensione che ho letto era scritta con tutto l'entusiasmo di chi si è perdutamente innamorato di quella lettura o semplicemente perché io ho un immenso, incondizionato, malcelato amore per i romanzi russi ... sta di fatto che questo titolo (insieme agli altri due che completano la trilogia) è entrato di diritto nella mia wishlist senza fondo.
Siamo nella Russia del regime di Stalin, lacerata fra gli sfarzi di un mondo in decadenza e la miseria di chi lotta contro la fame, in un gelido, impietoso inverno a Leningrado, quando iniziano a levarsi i ruggiti della Seconda Guerra Mondiale. Ed è proprio in questo luogo, in questo momento, contro ogni logica e prospettiva, che il cuore puro e innocente di Tatiana viene improvvisamente sconvolto dalla passione per l'ufficiale Alexander Belov, che dietro quell'apparente sicurezza nei modi di fare nasconde un pericoloso segreto. Una storia intensa, di quelle che inghiottiscono i malcapitati lettori.
Beh non so voi, ma io sono letteralmente conquistata. Prendetevi un attimo per passare di qui e sono sicura che i vostri dubbi cadranno inesorabilmente.


Probabilmente né l'autrice né il titolo vi saranno sconosciuti.
In effetti è da qualche mese che il nuovo romanzo di Madeleine Wickham, più nota sotto la firma di Sophie Kinsella, ha fatto capolino nella bibliosfera ... non senza una certa sorpresa persino per chi non ha mai letto I love shopping. Io stessa, prima di imbattermi nel pensiero di Muriomu in proposito, mi sono trovata a storcere il naso.
Con tanto di spensierata e zuccherosa copertina rosa degna della smielata serie Harmony (ma davvero libri così mettono voglia?), Kinsella ci conduce a tradimento in una storia dai temi importanti, in cui la sua vena ironica si dimostra inaspettatamente vincente. La Audrey del titolo infatti è una ragazzina vittima della cattiveria delle sue compagne di scuola, che dietro quegli occhiali scuri nasconde il doloroso ricordo di un trauma in seguito al quale non è più stata la stessa e di cui l'autrice, con un mossa forse poco convenzionale, ma proprio per questo indovinata, ci fornisce solo qualche scorcio fugace. Potranno un'amicizia sincera e una sgangherata famiglia riportare la serenità?


Ragazzi, ve lo dico "papale papale" ... io nei libri come questo ci inzuppo il pane.
Una storia che sfiora quel limite a volte così impercettibile, invisibile fra fantasia e realtà, un ricordo smarrito fra i capitoli del tempo, una lettera misteriosa che racconta una vicenda da ricostruire.
Se avete amato autori come Zafon allora fatevi avanti, aprite la porta e varcate la soglia ... questo mondo fa per voi.

Oddio no, basta, sto per mettermi a piangere ... vi prego, promettete che almeno voi leggerete in questi giorni?









Commenti

  1. Ciao Rosa! Quello di Alice Basso l'ho letto, molto carino, e Il ladro di nebbia è lì in attesa. Volevo avvisarti che hai vinto il secondo premio del Mercatino dell'usato giveaway, complimenti!!!!!!!! ;-)

    RispondiElimina
  2. Sono appena passata dal tuo blog e ho visto il post: EVVIVAAAA!

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

TERAPIA DI COPPIA PER AMANTI, Diego De Silva

La mia lettura
De Silva ha un'audacia piratesca, prende uno spunto veramente buono (e uno spunto veramente buono è il modo migliore per compromettersi) e quel che ne fa è un libro che... Ragazzi, non vi dico... Questo autore ha un modo, un gran bel modo, di sbrogliare il discorso, di dettare e scandire il ritmo della narrazione. Un capitolo ascolti le confessioni a cuore aperto di Viviana - lei è quella sentimentale, che arrossisce e si arrabbia alla parola "scopare", quella pallosa insomma, si potrebbe dire malignamente, quella che vuole risposte sicure e le vuole subito, che ha bisogno di sapere dove sta andando questa relazione che il buon costume definisce "squallida" - poi volti pagina e trovi tutt'altra musica, ecco Modesto, poveraccio, che fa il figo per nascondere che se la sta facendo addosso per come le cose sono pericolosamente cambiate e gli sono sfuggite di mano, perché è stato così stupido da credere alla balla che trovi un'amante trovi L&…

GIACINTA, Luigi Capuana

"Colonnello!" disse la Giacinta, attaccandoglisi familiarmente al braccio e trascinandolo un po' verso la vetrata della terrazza con vivacità fanciullesca. (...) L'una e l'altro non riuscivano per qualche secondo a riattaccare discorso: poi la Giacinta spingeva gli occhi verso il colonnello che aveva ripreso la sua positura, e portando la punta del ventaglio alle labbra, lanciava un ebbene? un e poi? che provocava la risposta.

La mia lettura
Ho avuto un rapporto alquanto complesso con questo romanzo. Ad ogni pagina, per tutto il tempo, sentivo dolorosamente che qualcosa, qualcosa di decisamente importante, mancava. Quando finalmente sono riuscita a riporre ormai letto il libro nel suo angusto posticino nella libreria del mio studio, ho capito. Ho capito cosa non andava. Ma lascerò che sia qualcuno di più adatto allo scopo ad illuminarvi. "In generale mi piace dippiù la prima metà del tuo libro forse perché l'azione è più viva, o almeno è presentata con m…

Qualcosa si è mosso | Da SCRIVERE È UN MESTIERE PERICOLOSO a NON DITELO ALLO SCRITTORE, Alice Basso

La mia lettura
Bene. Io direi che tre giorni passati a sghignazzare di segreta soddisfazione, in una posa a metà tra genio del male che trama nell'ombra e ragazzina delle medie alla prima cotta, possono anche bastare. Adesso ricomponiamoci un attimo, per amor del cielo, e cerchiamo di affrontare la situazione con la serietà che merita. Niente di insostenibile, state sereni. Perché la storia di cui parliamo è pur sempre, fondamentalmente, una storia adorabile. Si ride sotto i baffi, ci si commuove il giusto, si annuisce con quel pizzico di consapevole malinconia, ma soprattutto ci si innamora, di brutto. (E poi non venitemi a dire che non vi avevo avvertito).

Per la serie dove eravamo rimasti, ricapitoliamo: epica vendetta ai danni di capo schiavista calcolatore e di ex fidanzato stronzo opportunista. Yeah. Uno a zero per Vani Sarca, signori, che dal finale del primo libro esce trionfante come una Erinni dei reietti, in mano un nuovo contratto rimpolpato da un sacrosanto aumento, u…