Passa ai contenuti principali

Cosa c'è in agenda? #2

Cosa leggo? Cosa scrivo? Questi sono i punti all'ordine del giorno della mia agenda letteraria. Qui li ricapitoliamo passo passo.

Buondì lettori!
Mmmmh sarebbe cosa carina e gradita avere sotto i denti un soffice buondì (to be continued!)
Allora, avete fatto in tempo a salutare Aprile che se ne va?
Io appena appena sono riuscita a vederlo col binocolo. Mi sarebbe piaciuto ringraziarlo per le letture che mi ha portato. Magari gli scriverò una lettera: la brucerò e lascerò che le ceneri si dissolvano nell'aria, così che il vento possa portargli il messaggio, ovunque sarà.
E vediamo ... cosa gli scriverei?

Caro mese di aprile ... guarda un po' cosa mi hai dato.

Leggendo ...


Da recensire
Sto scribacchiando la recensione un pezzetto piccino alla volta. Ho una paura matta di guastare tutto con mezza sillaba. Non temete, prometto di postarla entro la prima decade di maggio. 
In ogni caso, consigliato: una di quelle letture che fanno bene al cuore



Dopo aver letto i primi due libri, lo posso dire senza remore: adoro Becky Bloomwood! 
Invece che una recensione a ogni libro, ho ritenuto più funzionale e salutare scriverne una sola, appena avrò voltato la pagina dell'ultimo libro.
Sophie Kinsella ha una scrittura semplicemente briosa e mai banale, a metà fra Winifred Wolfe e Helen Fielding.


Bene. Sono pronta per il linciaggio.
Lo dico? Lo dico. Arrivare alla fine di questo libro è stata un'impresa omerica. Mi sono sentita delusa, defraudata. Soprattutto considerata l'entusiastica impressione avuta dalla visione del trailer del film.
Due soli i punti a favore: la cover, onestamente, bellissima e l'episodio del compleanno di Lou.
A dispetto della narrazione in prima persona, ho trovato tutto troppo freddo e distaccato.
Io prima di te è come una nave dopo un naufragio: a galla restano rimasugli inutili, spogli di significato, ognuno disperso, alla deriva, mentre la struttura principale, ormai inabissata, rimane invisibile.


Da recensire
Lisa Genova è una di quelle poche autrici che sa che uso fare della terza persona. 
Questo da solo basterebbe per innamorarsene. Ma c'è di più, molto di più. C'è che le sue parole ti sconvolgono fin dentro l'anima, come una mano gentile che ti prende il cuore nel suo palmo:  tu lo vedi lì, a nudo davanti a te, e ti rendi conto d'un tratto che sei cosa fragile, vulnerabile. Ma saldamente attaccata alla vita.

TBR





Vi prego di tenere presente che questa TBR comprende un arco di tre mesi, da maggio a luglio. Perché non ho la più pallida idea di quanto effettivamente potrò leggere.

... e scrivendo


Qui la recensione.

Una sola recensione ahimè, ma tant'è: non riesco a leggere e scrivere con pari costanza. 

Quindi, caro Aprile, grazie per esserci stato. Ti aspetto l'anno prossimo, quando (forse/spero) sarò una giovane donna con una laurea di base tanto attesa e sudata.  


Commenti

  1. Un mese impegnativo. Io non ti lincio perchè non hai amato la Mojes, io l'ho adorato, forse era il mio periodo giusto per quel libro, non lo so, mi è piaciuto, l'ho divorato, ma allo stesso tempo, quanto è bello avere interpretazioni diverse riguardo lo stesso libro?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La cosa frustrante è che questo libro aveva tutte le carte in regola per essere una lettura piacevole, ma ho avuto la sensazione che l'autrice si dilungasse inutilmente su aspetti trascurabili senza mai affrontare il punto cruciale.

      Elimina
  2. Sono molto curiosa di leggere la tua recensione sul libro di Lisa Genova e imbocca al lupo per le prossime letture.. Io ti capisco molto bene.. ho in mente tanti di quei libri da leggere ma non so effettivamente quando riuscirò.. che un miracoli ci aiuti :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io sono sempre in attesa del giorno in cui i maghi della tecnologia annunceranno che hanno scoperto come aprire varchi temporali per estendere il tempo disponibile oltre le ventiquattr'ore.
      E di Lisa Genova posso solo dire che tra tutti gli autori contemporanei è quella che preferisco in assoluto.

      Elimina
  3. Oh, Viola!!! Io ho adorato il romanzo di Monica e sono sicura che lo apprezzerai anche tu! E poi Lorenzo, vabbè... non penso ci sia bisogno che io dica qualcosa, no?!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Basta che tu dica "Lorenzo" e mi si apre davanti tutto un sottotesto libridinoso!
      Su Viola ti dirò che è stata proprio la tua recensione a convincermi che dovevo leggerlo.

      Elimina
  4. "La tentazione di essere felici" è un libro che vorrei leggere, aspetto con interesse la tua recensione :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Leggilo, assolutamente. Sono sicura che tu saprai apprezzarlo come merita.

      Elimina
  5. Non ho letto nessuno di questi, quello della Moyes continuo a rimandarlo da troppo tempo >__<

    RispondiElimina
    Risposte
    1. "Perdersi" lo consiglio spassionatamente a tutti, praticamente anche al primo che mi capita per strada, e la Moyes credo che a te potrebbe piacere.

      Elimina
  6. Sono contenta che ci sono pure io!
    Posso invitarvi a questo concorso?
    In palio un mio libro cartaceo! :)
    Grazie! ❤

    http://bookstwiningtea.altervista.org/giveawayilmondodellaltrove/

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti prometto che il prossimo libro a cui mi dedicherò sarà il tuo. Chissà che non potrò leggerlo in cartaceo?

      Elimina
    2. Tranquilla! :)
      Eh sì, chissà...magari si :D

      Elimina
  7. Ciao👋 ti ho invitato ad un tag sui libri, se vuoi fai un salto sul mio blog!😘 Anch'io ho una lista di libri lunghissima, fino a Natale mi sa che sono a posto, ahah!😂 Io non ho letto nessuno di questi libri! A presto!😘

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oh, grazie Vanessa, andrò subito a verificare di persona.
      La dolcissima piaga delle liste di libri!

      Elimina
  8. Allora, io attendo la tua recensione di Lorenzo e quella globale della Kinsella, autrice che vorrei recuperare in quei momenti in cui ho bisogno di qualcosa di divertente, momenti che potrebbero arrivare molto presto perché il mio cervellino è un po' fumante nell'ultimo periodo :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sophie Kinsella è l'autrice giusta quando hai bisogno di staccare la spina: briosa, divertente, gustosa, intelligente e con uno humour tutto suo. Sono sicura che ti piacerà. Finora, i primi tre di questa serie sono promossi a pieni voti.
      Prometto che la recensione di Marone sarà sul blog non più tardi di giovedì.

      Elimina
  9. Questo post è pane per i miei denti! A parte la poesia delle tue parole che ho molto apprezzato devo dire che il tuo Aprile rispecchia molto i miei gusti. Io adoro Sophie Kinsella quindi mi entusiasmo ogni volta che vedo qualcuno che ne è rimasto appassionato. Di Lisa Genova che dire? Non potrei essere più d'accordo. Di solito il narratore esterno non mi fa impazzire ma lei è in grado di usarlo magistralmente facendoti arrivare sotto pelle ogni singola emozione! :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Avrei dovuto aspettarmi che Sophie Kinsella era nelle tue corde! Il suo stile mi piace moltissimo, ricorda un po' le vecchie commedie americane (che io adoro).
      Su Lisa Genova dico solo questo: sono stata un giorno intero con gli occhi rossi e gonfi per le lacrime.

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

I preferiti, sotto l'albero, e tutto quello che resta da dire del 2018

L'avrete capito, no? È il momento dei listoni e cosa c'è di più banale. Eppure confesserò che a me non disturba poi granché, anzi. C'è qualcosa di così compiuto e perciò di rassicurante in una lista stilata con metodo. Per quanto, detto tra noi (ahi ahi ahi), la vostra Rosa qui presente quest'anno abbia letto una quantità di libri semplicemente miserevole. Non che i numeri significhino molto, okay, però oddio una soglia minima di 15 libri, per buona decenza, uno se la dà.
Invece ecco cosa risulta su Goodreads: You have read 13 of 30 books in 2018.
D'altra parte è vero che una Challenge offre una visione alquanto limitata della faccenda, perché, ad esempio, non tiene conto del fatto che per la prima volta da qualche anno non mi sia capitato neanche un libro veramente brutto brutto brutto o che tra i 13 suddetti sia compresa una delle più grandi narrazioni epiche mai concepite o ancora tre opere di saggistica lette a stralci ma che anche così lasciano un bagaglio rag…

Di cosa parliamo quando parliamo di Vani Sarca | Intervista ad Alice Basso

Ho incontrato Alice Basso il 15 dicembre, a Porto San Giorgio (un freddo demoniaco, ma ne valeva la pena, oh sì), durante una delle ultime presentazioni de La scrittrice del mistero (Garzanti 2018) e, a scanso di equivoci, mi sento in dovere di mettervi sull'avviso: questa donna è, realmente, quello che sembra, un concentrato di energia, il tipo con cui faresti ben volentieri notte fonda parlando sconclusionatamente di roba bellissima che non ti darà da vivere, libri libri libri film libri musica libri libri libri libri (proprio così, in loop). Soprattutto, però, quello che percepisci chiaramente, ascoltandola, leggendo i suoi libri (due racconti e quattro romanzi già pubblicati, più un quinto atteso per maggio), è che dietro il suo lavoro, di editor e di scrittrice, ci sono onestà e competenza in pari misura.
Nel 2013 è nel mondo dell'editoria da dieci anni, un ambiente «per niente asettico» (parola di Alice Basso) in cui succedono le cose più buffe e assurde, perché, molto …

GIACINTA, Luigi Capuana

"Colonnello!" disse la Giacinta, attaccandoglisi familiarmente al braccio e trascinandolo un po' verso la vetrata della terrazza con vivacità fanciullesca. (...) L'una e l'altro non riuscivano per qualche secondo a riattaccare discorso: poi la Giacinta spingeva gli occhi verso il colonnello che aveva ripreso la sua positura, e portando la punta del ventaglio alle labbra, lanciava un ebbene? un e poi? che provocava la risposta.

La mia lettura
Ho avuto un rapporto alquanto complesso con questo romanzo. Ad ogni pagina, per tutto il tempo, sentivo dolorosamente che qualcosa, qualcosa di decisamente importante, mancava. Quando finalmente sono riuscita a riporre ormai letto il libro nel suo angusto posticino nella libreria del mio studio, ho capito. Ho capito cosa non andava. Ma lascerò che sia qualcuno di più adatto allo scopo ad illuminarvi. "In generale mi piace dippiù la prima metà del tuo libro forse perché l'azione è più viva, o almeno è presentata con m…