Passa ai contenuti principali

Cronache del 1 Maggio: piovono libri!

Miei cari lettori ... dovrei festeggiare il mio compleanno tutti i giorni.
Questo è il terzo di tre giorni pazzescamente librosi!
Ecco vedete, questa mattina sono così felice che mi sembra persino di riuscire a vedere un sorriso festoso dispiegarsi dalla Q alla P della tastiera. E  dalla finestra noto con grande piacere che è emerso un po' di azzurro fra le nuvole candide. Avanti sole, non essere timido, fai qualche passettino in più, così ti vediamo meglio, no? Da bravo! Devi venire a illuminare la mia nuova, meravigliosa, fiammante, fresca pila di libri!!!
Scusate, mi volto un microsecondo, solo una piccola sbirciatina ancora ... oddio, secondo voi i libri sono sensibili all'usura visiva?
Mi chiedo cosa ci sia in un libro, quale sia la portentosa proprietà, il quid che mi fa perdere completamente la testa. Ma cos'è? Cos'è?
Insomma ... giudicate un po' voi.


Calpurnia, l'ombra di Cesare, di Sonia Morganti. Un regalo splendido, un sogno che si avvera, per cui ringrazio di cuore Leone Editore e Emanuela del blog Il Mondo di Sopra.

La tristezza ha il sonno leggero, di Lorenzo Marone. L'ho desiderato, sospirato, bramato ... e, signore e signori, sono lieta di annunciarvi che alla fine ... è mio! MIO MIO MIO!!! Questo grazie è per mia zia. Che mi ha accompagnato in libreria a sceglierlo e a godere di quel piacere intenso, vivo, pulsante, adrenalinico di essere semplicemente in una libreria a trovarmi semplicemente alla presenza dei miei compagni prediletti. Per un paio di secondi sono stata terribilmente in dubbio fra Marone e Genova, due autori che amo di amori diversi. Come ne sono venuta fuori? Ho optato per la coerenza. Ero venuta consapevolmente nella mia libreria di fiducia col preciso obiettivo di portarmi a casa questo libro. E così ho fatto. Semplice, no?
Oh no, BP, no, non fare così, tieni il fazzoletto!


Ta dàààà!
E questo invece è il maxi-mega-regalo di mia madre.
Lei e Nonno Sam il Libraio sono stati un bel po' a scervellarsi per le edizioni più carine.
Vi presento la serie completa di I love shopping.
Qui è bene che vi spieghi. Ho letto i primi due e un paio di capitoli del terzo in formato epub, sicché, ad un certo punto, mamma ha decretato così: "Basta! Se devi rovinarti gli occhi davanti al computer, ti prendo i libri".
Sorge un enigma però.
Gli altri due hanno già una loro sistemazione, ma questi qui ... DOVE LI METTO?
In ogni caso, stanotte, come da tradizione, rimarranno vicino al mio letto, sulla scrivania. E poi ... beh, poi qualcosa mi inventerò.

Direi che questo è il degno inizio di un giorno perfetto.
Auguro a tutti un giorno lieto, una cheesecake al limone decorata con fragole belle rosse e succose e, naturalmente, buone letture!




Commenti

  1. Anche a me piace molto la serie della Kinsella, ce li ho tutti ed ognuno in un'edizione diversa, comprati ai mercatini nel corso degli anni, visti tutti insieme formano un'accozzaglia coloratissima XD buon primo maggio! ^^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un po' di colore e un po' di sana frivolezza ogni tanto ci vogliono.
      Non vedo l'ora di riprendere la maratona Kinsella!

      Elimina
  2. Ma tanti auguri Rosa! :3 Quanti bei regali! Spero che troverai lo scaffale adatto per tutte quelle belle book spines! *w*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie di cuore!
      Forse forse fra un po' avrò una libreria nuova, nel frattempo ... ci rimbocchiamo le maniche!

      Elimina
  3. Ovviamente Auguri! Ovviamente complimenti per la scelta di Marone (non sono di parte, no no!) e... controlla i messaggi su Facebook!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti ringrazio moltissimo Laura.
      Sapevo che Marone non sarebbe sfuggito al tuo occhio. Spero proprio che luglio vacanziero arrivi presto, non vedo l'ora di leggerlo!

      Elimina
  4. Tanti auguri cara Rosa! Un abbraccio ^__^

    RispondiElimina
  5. Anche se in ritardo ti intono un "Tanti auguri a teeeee!" (mi senti? sono io che canto in stile Belle de la Bella e la Bestia :D). Sappi che ti invidio quella pila di libri che staziona sulla tua scrivania *.*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma lo sai che quest'anno un "Tanti auguri" non me lo hanno cantato nemmeno davanti alla torta? Quindi i tuoi auguri sono doppiamente apprezzati. E poi Belle è la mia eroina preferita!

      Elimina
  6. Auguriii😘🎊🎉 Rosa!❤ E W i libri!!😍📖📚

    RispondiElimina
  7. Ciao Rosa :) Intanto ti faccio i miei migliori auguri di Buon Compleanno e poi che dirti.. hai ricevuto dei regali meravigliosi *_*
    In particolare la serie di Kinsella vorrei leggerla da tanto tempo, ho visto il film e mi è piaciuto da morire e poi ho letto tantissimi libri di questa autrice e la adoro.. Questa saga però mi manca ;) A presto cara e buone letture :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie davvero. Eh sì, quest'anno sono stata fortunata da far schifo.
      Questa serie non puoi assolutamente perdertela: Becky è un'eroina pasticciona, ingenua e incosciente ... ma quanto è adorabile!

      Elimina
  8. AUGURISSIMI Rosa (anche se in ritardo)!!! Direi proprio un compleanno con i fiocchi!!! Mi brillano gli occhi 🌟🌟🌟👀
    Ti auguro un anno pieno di felicità😄

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche se in ritardo i tuoi auguri mi arrivano graditissimi, Nik!
      Io ancora mi fermo a guardarli in contemplazione, i miei pargoli!.

      Elimina
  9. Quanti bei libri! Un regalo proprio azzeccato direi! E tanti auguri anche da parte mia, anche se in ritardo di qualche giorno ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti ringrazio Silvia, e grazie anche per essere passata: non conoscevo il tuo blog, ma mi è piaciuto subito, così fresco e semplice. Da oggi tua lettrice fissa!

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

I preferiti, sotto l'albero, e tutto quello che resta da dire del 2018

L'avrete capito, no? È il momento dei listoni e cosa c'è di più banale. Eppure confesserò che a me non disturba poi granché, anzi. C'è qualcosa di così compiuto e perciò di rassicurante in una lista stilata con metodo. Per quanto, detto tra noi (ahi ahi ahi), la vostra Rosa qui presente quest'anno abbia letto una quantità di libri semplicemente miserevole. Non che i numeri significhino molto, okay, però oddio una soglia minima di 15 libri, per buona decenza, uno se la dà.
Invece ecco cosa risulta su Goodreads: You have read 13 of 30 books in 2018.
D'altra parte è vero che una Challenge offre una visione alquanto limitata della faccenda, perché, ad esempio, non tiene conto del fatto che per la prima volta da qualche anno non mi sia capitato neanche un libro veramente brutto brutto brutto o che tra i 13 suddetti sia compresa una delle più grandi narrazioni epiche mai concepite o ancora tre opere di saggistica lette a stralci ma che anche così lasciano un bagaglio rag…

Di cosa parliamo quando parliamo di Vani Sarca | Intervista ad Alice Basso

Ho incontrato Alice Basso il 15 dicembre, a Porto San Giorgio (un freddo demoniaco, ma ne valeva la pena, oh sì), durante una delle ultime presentazioni de La scrittrice del mistero (Garzanti 2018) e, a scanso di equivoci, mi sento in dovere di mettervi sull'avviso: questa donna è, realmente, quello che sembra, un concentrato di energia, il tipo con cui faresti ben volentieri notte fonda parlando sconclusionatamente di roba bellissima che non ti darà da vivere, libri libri libri film libri musica libri libri libri libri (proprio così, in loop). Soprattutto, però, quello che percepisci chiaramente, ascoltandola, leggendo i suoi libri (due racconti e quattro romanzi già pubblicati, più un quinto atteso per maggio), è che dietro il suo lavoro, di editor e di scrittrice, ci sono onestà e competenza in pari misura.
Nel 2013 è nel mondo dell'editoria da dieci anni, un ambiente «per niente asettico» (parola di Alice Basso) in cui succedono le cose più buffe e assurde, perché, molto …

GIACINTA, Luigi Capuana

"Colonnello!" disse la Giacinta, attaccandoglisi familiarmente al braccio e trascinandolo un po' verso la vetrata della terrazza con vivacità fanciullesca. (...) L'una e l'altro non riuscivano per qualche secondo a riattaccare discorso: poi la Giacinta spingeva gli occhi verso il colonnello che aveva ripreso la sua positura, e portando la punta del ventaglio alle labbra, lanciava un ebbene? un e poi? che provocava la risposta.

La mia lettura
Ho avuto un rapporto alquanto complesso con questo romanzo. Ad ogni pagina, per tutto il tempo, sentivo dolorosamente che qualcosa, qualcosa di decisamente importante, mancava. Quando finalmente sono riuscita a riporre ormai letto il libro nel suo angusto posticino nella libreria del mio studio, ho capito. Ho capito cosa non andava. Ma lascerò che sia qualcuno di più adatto allo scopo ad illuminarvi. "In generale mi piace dippiù la prima metà del tuo libro forse perché l'azione è più viva, o almeno è presentata con m…