Passa ai contenuti principali

Cosa c'è in agenda? #3

Cosa leggo? Cosa scrivo? Questi sono i punti all'ordine del giorno della mia agenda letteraria. Qui li ricapitoliamo passo passo.

Dolce, malinconico agosto

Vestiti freschi e leggeri, ciabattine infradito, mattine al mare, cornetti Esagerati per gentile concessione Algida, cappelli di paglia, occhiali da sole (che io puntualmente dimentico di portarmi dietro), una capatina (solitamente proficua) alla casetta dei libri, quelle rare ma felici passeggiate con mio fratello lungo il viale alberato che porta all'abbazia (anche se incappiamo sempre in quel cagnaccio che ci abbaia contro e il marciapiede è così malandato che camminare in mezzo alla strada sarebbe più sicuro), le trasferte per seguire i concerti senza biglietto di Edoardo Bennato (ahhhh Biccari, con la  mia plateale caduta in pieno giorno al centro della piazza!).  
Ecco, l'estate per me è tutto questo, un mondo intero in una stagione, che alla fin fine si riduce a poche settimane di sole. Un po' come con i fichi: un giorno non sono ancora usciti e quello dopo scopri che sono già finiti.
Così succede quando arriva agosto: d'un tratto le giornate si accorciano e già si respira l'aria dell'autunno, con i suoi calzettoni di lana e le strade tappezzate di foglie. 
Quest'anno però agosto mi ha portato non poche sorprese. 
Tra Giulianova e Pescara, lasciando l'autostrada per la statale, ho trovato un tratto di costa molto piacevole, punteggiato sì da semafori barbosi, ma anche da negozi terribilmente carini (la Bottega del camice a Montesilvano è una vera chicca e non a caso ogni secondo entrava qualcuno a curiosare), una piccola Walk of Fame tutta italiana, lungo la quale dal finestrino della macchina scorrono vie dai nomi illustri (da Vittorio Gassman a Pier Paolo Pasolini), e poi da un lato le morbide colline con le ordinate file di vigneti e dall'altro gli ulivi screziati d'argento da lingue di sole.
Dopo Pescara, proseguendo per Chieti scalo, per festeggiare il mio onomastico, io e famiglia abbiamo tirato dritto per il Megalò, un centro commerciale che è quasi una città in miniatura, e dopo una puntata obbligatoria alla Giunti (evviva, per la prima volta ho visto dal vivo Vita degli elfi di Muriel Barbery! Ancora non ci credo), la serata si è conclusa al White Bakery. Okay, una gustosa ma costosa americanata, quindi seguite il consiglio: un piatto ogni due persone, volendo anche quattro (e fate conto che io mangio). Ecco la mia confessione: morivo dalla voglia di provare i pancakes. Una vita di fantasie hollywoodiane per realizzare che hanno più o meno sapore e consistenza del pan di spagna appena sfornato (ma quelle gocce di cioccolato fuso, mmmmhhh ... ne possiamo parlare).
Poi, giusto per completare il quadro che ormai ho iniziato a dipingervi, vanno menzionati  i film migliori visti nel corso di questa estate 2016: senza alcuna ombra di dubbio il primo meritatissimo posto è per Gli uccelli di Alfred Hitchcock (e chi lo sapeva che delle innocenti bestie alate potessero mettere i brividi?), ma poi validissimi, stupendi sono anche La migliore offerta di Giuseppe Tornatore, Irma la dolce di Billy Wilder (io mi chiedo: esiste un film di Billy Wilder che sia meno che favoloso?), Gli avvoltoi hanno fame di Don Siegel, Hitchcock di Sacha Gervasi, Il buio oltre la siepe di Robert Mulligan, The Danish Girl di Tom Hooper e ... dulcis in fundoUna proposta per dire sì di Anand Tucker.  
E ora vediamo invece che cosa mi è capitato tra le mani in fatto di libri.

Leggendo ...



...e scrivendo


Qui la mia "lettura incrociata"


Qui la mia recensione

Qui la mia recensione
Da recensire
(a partire dal 15 ottobre)

I love shopping (serie), Sophie Kinsella
Perdersi, Lisa Genova
Calpurnia. L'ombra di Cesare, Sonia Morganti
Presunto innocente, Scott Turow

Cosa c'è di nuovo nella mia libreria?


Uno, due, tre, quattro ... mamma mia, mentre li mettevo in fila mi sono accorta all'improvviso del colpaccio degli ultimi due mesi. 
Dalla casetta dei libri:
La signorina Tecla Tanzi, Andrea Vitali
La meccanica del cuore, Mathias Malzieu
Il giro del mondo in ottanta giorni, Jules Verne
Il giardiniere tenace, John Le Carré
Full of life, John Fante
Un certa idea del mondo, Alessandro Baricco 

Acquisti IBS:
Candy Candy, Keiko Nagita
Candy Candy - lettere, Keiko Nagita

In più il giorno del mio onomastico, ho ricevuto quei due bellissimi segnalibri che vedete su in foto. Regalo gentilissimo, generosissimo di Stefania e Lea del blog Due lettrici quasi perfette, che mi è arrivato dopo mesi e mesi in cui avevo perso ogni speranza. Poi, del tutto inaspettato, un messaggio da parte di Stefania (la famigerata Bacci!) che, dopo il fallito tentativo postale, mi avvisa dell'imminente partenza del pacco tramite piego di libri. E qui io casco letteralmente dalle nuvole. Perché, onestamente, oggi come oggi uno non si aspetta che una persona, che per di più conosci solo virtualmente e per di più da pochissimo, spenda del tempo per te senza aspettarsi nulla in cambio, solo per il piacere di condividere qualcosa di semplice. Qualcosa di semplice che tuttavia per me ha avuto un profondo, delicatissimo significato. Quindi, so di essermi già profusa a volontà di ringraziamenti per tutte e due, ma davvero, grazie Stefy e grazie a te Lea. 

TBR 

Leaving, Jodi Picoult
Acquanera, Valentina D'Urbano
La meccanica del cuore, Mathias Malzieu
Full of life, John Fante
Viola, vertigini e vaniglia, Monica Coppola
Una certa idea del mondo, Alessandro Baricco

Ecco, io ... spero di riuscire a leggerli tutti (e a recensirli!). O magari chissà potrei anche decidere all'ultimo di stravolgere questa TBR. Tutto dipenderà da come ritroverò a ottobre, dopo gli esami, e dal genere di libro che sentirò il bisogno di leggere per prima.  
Vi avviso infine che, non volendo lasciare da parte del tutto il blog, le pubblicazioni da qui fino al 15 ottobre procederanno molto a rilento. Attiva come sempre invece la pagina Facebook, che ho la possibilità di aggiornare con più scioltezza e regolarità. 

Vi abbraccio tutti.
Buone letture!
  


Commenti

  1. Da cosa incominciare? Mi hai fatto fare un piacevole tuffo nelle tue giornate estive, potevo quasi sentire la brezza marina e le note di Bennato. Per non parlare della voglia di fichi che mi hai fatto venire o di quella di pancake con gocce di cioccolato! *_* Ora mi tocca rimediare in qualche modo perchè il languorino si sta facendo sentire ma non prima di confessarti che io Gli uccelli di Hitchcock non riesco a vederlo perchè rappresenta alla perfezione la mia fobia. Mamma mia, brividi al solo pensiero!
    Sono, invece, curiosa di scoprire cosa pensi della serie della Kinsella e anche del libro della Genova. Curioserò volentieri la tua pagina FB, ma ora scappo a mangiare! A presto! :*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non immagini che gioia leggere queste parole! Soprattutto da te, con i tuoi post che, come sai, adoro alla follia.
      Sophie Kinsella e Lisa Genova, te lo dico subito, si contendono il mio cuore a pari merito. Ho la febbre al pensiero di dover mettere su una recensione decente per un libro così toccante come "Perdersi". Qualunque parola spenderò non sarà mai sufficiente a rendere l'idea.
      E Becky! Oh lei è la mia eroina dell'anno!

      Elimina
    2. Rosa sei sempre carinissima nei miei confronti. Ti ringrazio davvero! *_*
      Sono contentissima che ti sia piaciuta sia la Kinsella che la Genova, sicuramente si tratta di generi completamente diversi ma capisco come entrambe riescano a prendersi un pezzetto di cuore.
      Capisco anche la tua preoccupazione per la recensione di Perdersi, pensa che io ho tutt'ora in sospeso quella di Still Alice (il film tratto dal libro) proprio perchè ho trovato davvero difficile riportare su carta le emozioni e le sensazioni che mi ha suscitato. Sono sicura, però, che con la tua consueta delicatezza e sensibilità riuscirai a trovare le giuste parole e io sarò contentissima di leggerle. :D

      Elimina
  2. Rosa! Mi hai emozionata! Sono felice che un piccolo gesto sia stato fonte di tante emozioni, sia nel dare che nel ricevere e che questo mondo mi abbia fatto conoscere tante belle persone, come te 😉
    Ora però devo assolutamente andare a mangiare fichi e pancake!
    Un abbraccio grande dalla famigerata Bacci 😂😂😂

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oh no, adesso sei tu che mi fai emozionare!
      Anche per me è stata una bella sorpresa trovare tante persone diverse, ma vere, con tanta vitalità e spontaneità. Mi piace pensare che forse questo è un po' anche merito dei libri.
      Okay, ora fuggo prima che ci scappi una lacrima!

      Elimina
  3. Ciao Rosa, la Kinsella è una delle mie autrici rosa preferite e, tra i romanzi che hai nominato, mi è piaciuto molto "Il giro del mondo in 80 giorni"! Invece, pur essendo appassionata di Hitchcock non ho amato particolarmente "Gli uccelli", ti consiglio, se non li hai già visti, "Psycho"; "Marnie" e "L'uomo che sapeva troppo"

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sophie Kinsella è senza dubbio la regina della commedia rosa e di suo ormai voglio leggere tutto.
      Ma vedo che poi, oltre che della Kinsella, siamo tutte e due appassionate del grande Hitch! Questi li ho visti tutti, ma il mio preferito è ancora "La finestra sul cortile". Però "Gli uccelli" mi ha molto colpita: addirittura Tippi Hederen l'ho preferita più qui che in "Marnie".

      Elimina
  4. Che bellissimo riassunto di agosto, Rosa!!! Sei stata bravissima a coinvolgermi e a portarmi a spasso con te verso l'abbazia (mandaci qualche foto, che ora sono curiosissima!)!
    Non vedo l'ora di leggere la tua recensione di Perdersi , quel libro è bellissimo e emozionante, l'ho letto l'anno scorso e ho intenzione di vedere presto anche il film con Julianne Moore!
    Un abbraccio!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma grazie! Questo mi rende molto felice!
      Le foto purtroppo però, per me, sono un'impasse: sono tragicamente, imperdonabilmente sprovvista sia di macchina fotografica che di smartphone e non ti dico a quale era geologica risale il mio cellulare.
      "Perdersi" ... l'ho letto due volte e continuo ad avere bisogno di tutto il supporto della mia scorta di fazzoletti!

      Elimina
  5. E'stato bellissimo leggere il tuo post, mi pareva di viaggiare insieme a te e ho ricordato cose, dolci e malinconiche, nonostante io sia refrattaria alla malinconia. Immagino che si possa andare solo avanti, ma almeno le stagioni poi si susseguono.
    Confermo tutto quello che ha scritto la Bacci.
    E il merito forse è dei libri, o forse delle persone che li leggono, perchè leggere amplifica ogni sensazione e aumenta l'empatia. Almeno questo è quello in cui io credo.
    un abbraccio Rosa
    Lea

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oh Lea che bello! Mi piace portarvi insieme a me, anche solo il breve tempo di un post, visto che non posso avervi tutte qui.
      A volte penso davvero che una persona sia i libri che legge, che ogni lettura incrociandosi con un'altra sia una tessera di quel puzzle unico e originale che è ognuno di noi. E' questa diversità, questa peculiarità mia personale che cerco di condividere con voi. Mi considero fortunata, perché tutti voi in cambio mi restituite qualcosa che è solo vostro.

      Elimina
  6. Cara Rosa la tua descrizione dell'estate è assolutamente perfetta :) peccato sia già finita! La migliore offerta è un film stupendo mentre the danish girl mi ha un po' delusa, mi aspettavo di meglio ;) ottime letture e new entry.. anche io spero di leggere presto la meccanica del cuore e leaving ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Altroché se è già finita l'estate, Choco! Qui c'è un'aria gelida che proprio ... brrrrr!
      "La migliore offerta" è sicuramente uno dei migliori film degli ultimi anni e, personalmente, il migliore forse di Tornatore. "The Danish Girl" probabilmente non è altrettanto brillante e originale, ma ne ho molto apprezzato la delicatezza nel trattare un tema così ostico.

      Elimina
    2. Se non l'hai visto, ti consiglio "Lontano dal paradiso", con Julianne Moore. Qui però in realtà il tema è incentrato su diverse forme di discriminazione sia sessuale che "razziale".

      Elimina
  7. l'estate come i fichi mi piace proprio! Rende benissimo l'idea

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh eh eh. Ispirato a fatti realmente accaduti, cara Chiara!

      Elimina
  8. Eccomi qui, tornata al virtuale dopo cinque giorni di pieni di realtà! Hai in lista Viola, vertigini e vaniglia <3 _ <3 Aspetto recensione ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ziaaaaaaa!
      In realtà, a essere spietatamente onesta, Viola è in lista da Natale! Mi sa che mi tocca dargli la priorità assoluta. E poi è la perfetta lettura post-esame.

      Elimina
  9. Ciao :) Il tuo blog mi piace molto quindi ti ho nominata per il Liebster Award, se passi sul mio blog troverai tutte le indicazioni :)

    RispondiElimina
  10. Ciao Rosa!!!
    Secondo me devi essere una narratrice provetta o una futura scrittrice famosa, se no non mi spiego come sia possibile che tutto ciò che racconti diventa così bello, interessante e avventuroso! Mi piace sempre troppo venire ad ascoltare i racconti che ci proponi su di te e la tua famiglia!!:)
    I film che hai visto sono davvero tutti interessanti. Io purtroppo non amo il cinema e quindi mi sono persa quello che più mi ispirava, The Danish Girl, rimedierò!!
    Invece dei libri vorrei assolutamente leggere La meccanica del cuore, che ha una cover che mi ricorda la sposa cadavere (!!!) e Viola, vertigini e vaniglia, ma credo che aspetterò la tua opinione!!:)
    Un abbaraccione!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ben ritrovata Nik! Ecco, qui si sentiva decisamente la mancanza dei tuoi affettuosissimi commenti! Non sai che piacere cominciare la giornata così.
      Sia Viola che La meccanica del cuore spero di riuscire a leggerli subito dopo gli esami. E soprattutto spero di riuscire anche a recensirli per voi. Ho buone aspettative per entrambi, in ogni caso.

      P.S. Se non sbaglio nelle prossime settimane su Iris dovrebbero ritrasmettere le recenti prime TV di Canale 5, tra cui The Danish Girl. Occhio!

      Elimina
  11. Cara Rosa, che bello condividere la tua quotidianità, mi piace la tua idea di estate, mi somiglia per non parlare delle letture! Leaving è Acquanera due gioielli nella mia libreria! È sempre un piacere leggerti un abbraccio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie per il tuo delizioso commento notturno, Francesca!
      Ecco, diciamo che nonostante nella mia estate manchino le gite fuori porta, alla fine non mi lamento di quello che ho. Per le prossime letture ho ottime aspettative e finalmente posso dedicarmici in tutta tranquillità!

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Una silenziosa (inutile) quarantena per decidermi a scrivere ... Pausa!

So che sembra assurdo, anzi, confessarlo per iscritto è abbastanza imbarazzante, ma è solo l'altro giorno che la proverbiale lampadina si è accesa per togliermi dall'impaccio di un prolungato silenzio che si trascina pietosamente da settimane: "Rosellina sciocca, lo sai vero, che esiste il cartello PAUSA?".  Ehmmmm ... no, veramente no. Cioè sì, ovvio che sì. Quello che voglio dire è che mi è passato di mente. Completamente.  Morale della favola: ci si rilegge a ... uh già, a quando?  Diamo una scorsa veloce ed elegante alla mia agenda (grazie Lea, non so come ho fatto finora senza un'agenda, mi hai salvato la vita!). Allora allora, direi che è ragionevole stabilire che ogni  pubblicazione sul blog riprenderà a partire dal 15 dicembre. Fermo restando che, come sempre, rimane attiva la pagina Facebook.  Nel frattempo però convengo che sia il minimo tenervi aggiornati sulle ultimissime novità, dato che novembre si sta rivelando un mese tutto da spolpare come una s…

Maggio portafortuna, arrivederci e grazie

Sto guardando l'orologio.
Okay.
Dieci minuti.
In dieci minuti devo assolvere a tutti i miei doveri di brava e puntuale book-blogger.
(Male: tre minuti e ho già cancellato una decina di frasi).
Dunque io direi di procedere in maniera scientifica e razionale, spuntando mano a mano ogni singolo punto, così non ci si perde niente di importante per strada.

Prima di tutto.
Cosa c'è di nuovo nella mia libreria? 


L'ho messo in evidenza già dal titolo: maggio quest'anno è stato un mese molto fortunato e di grandi soddisfazioni. Questo libro infatti è giunto nella mia casetta a mezzo di corriere, vinto in blogtour-Giveway (il secondo, a poche settimane di distanza).
Un grazie tutto cuori e baci va a queste fantastiche donnine: Stefania, Nunzia, Francesca, Clarissa e Rosa (il cui blog è una scoperta fresca di questo mese). Voi sapete quanto affetto e quanta stima ho nei vostri riguardi.
E un grazie naturalmente è per la CE Nord.


Il canto del mondo reale, di Liliana Rampello (un rega…