Passa ai contenuti principali

MAGARI DOMANI RESTO, Lorenzo Marone



La mia lettura

"Stop".
E lo stomaco mi si aggroviglia. 
Ops.
Il fatto è che ora voi vorrete sapere come e perché si è aggrovigliato il suddetto organo, e dovrò essere io a spiegarvelo. E l'unico modo per farlo è cercare con pazienza di sgrovigliarlo.
Allora abbiate anche voi un po' di pazienza, lettori: dissolvenza cinematografica, e cominciamo a sfogliare questo libro partendo dall'inizio.
Siamo a Napoli, Quartieri Spagnoli. Io vivo qui. Il mio nome è Luce. E sono donna.
Ecco, Luce Di Notte (come ci piacciono i nomi-pasticcio di Lorenzo Marone) è esattamente il tipo di creatura che non ha bisogno di qualcuno che parli per lei, che a presentarsi è capacissima benissimo da sola, uno spirito senza paura, ecco cos'è, una di quelle meraviglie che puoi ammirare solo di lontano, ché tanto non si lasciano catturare, insomma una "femmena" del sud.
Ma, la DreamWorks insegna (beh per lo meno a chi come me piace ancora imparare dai cartoni), "chi è tosto tosto capisce", e nasconde, e soffre, di solito in silenzio. 
Le mute pareti di tufo della casa degli gnomi di nonna Giuseppina, quel fratello lontano, un lavoro che finirebbe per fare di lei la donna che non è che non vorrebbe mai essere, tutto, in quella Napoli dei Quartieri tra i cui i vicoli si è fatta le ossa, sembra sussurrare a Luce quelle suadenti parole, "vattenne di qua", non c'è niente per te. E invece, come una ventata d'aria nuova, uno a uno, degli strambi personaggi irromperanno nella sua vita, a rivoltargliela senza neanche tanti riguardi, e la costringeranno ad ammettere che dopotutto qualcosa per cui scegliere di restare c'è.
È una verità semplice e spaventosa quella che Luce scopre, in quell'attimo di paura per la rondinella Primavera, lanciata nel vuoto, l'istinto come unica guida: solo chi ha il coraggio di buttarsi può trovare le sue ali. 

Lorenzo Marone sa come raccontare la vita e lo fa come pochi, con garbo, con ironia, ma anche di pancia, con quella rabbia di chi con i giorni ci fa a botte silenziosamente, tirando fuori personaggi che sembra non vedano l'ora di prendere e dire e parlare di sé, coi loro tempi però, un capitolo alla volta, magari rimandando perfino le riposte all'ultima pagina; e allora ti spiazzano, e tu rimani così, con la faccia che a metà vuole aprirsi in un sorriso, metà è già rigata da una lacrima. È così che fioriscono, a sorpresa nel bel mezzo di un dialogo, o come capitoli a parte, quelle microstorie, quei pezzi di vita passata, che non sono flashback, e nemmeno ricordi (non solo), ma proprio storie nella storia. Perché alla fine (questa, credo, è la convinzione più bella che ti lasciano i libri di Marone) cosa siamo noi se non un insieme di storie? E mica storie solo nostre, no, nient'affatto, siamo storia di chi resta e di chi va, di chi ci sfiora solo un momento, di chi fa con noi solo un tratto di strada, il tempo di arrivare all'incrocio successivo o di indicarti la via, di chi è sempre lì ad aspettarci, davanti a una tavola e a una tazza di latte, storie di vita che caparbia ti resta addosso.

Ecco, se volete un motivo per leggere questo libro, vi dico, leggetelo per farvi del bene. Anche se il ritmo a volte mi è parso perdere appena appena di mordente, anche se uno o due personaggi avrei voluto guardarli meglio, giusto quel po' più da vicino (Thomàs più di tutti, il francese "soldatino di marzapane", che farà capitolare la nostra "femmina di bassotto incazzata") quello che ho trovato in fondo alla scatolina dei ricordi belli è più che abbastanza.


Magari domani resto | Lorenzo Marone | Giangiacomo Feltrinelli Editore 2017 | 320 p. | euro 16,50


Parole nuove: /

Bonus track: Tira a campare, Edoardo Bennato



Il verdetto della Balena Parlante: ★★★★




Commenti

  1. Che bella recensione Rosa!
    Un libro bellissimo questo <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma grazieeee! Sono particolarmente orgogliosa di questa recensione (mi sa che si è capito!), il fatto è che più un libro è bello e più tu vuoi con tutta te stessa trasmettere un po' di quella bellezza a chi viene a leggerti.
      Beh, ora che questo libro l'ho letto anch'io e l'ho pure recensito vengo subito a recuperare la tua di recensione!

      Elimina
  2. Non ho ancora letto niente di Lorenzo Marone,devo assolutamente recuperare perché veramente ho letto solo recensioni super positive :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Assolutamente sì, con Lorenzo Marone non esistono lettori insoddisfatti.

      Elimina
  3. Rosa! Mi hai fatto venir voglia di rileggere il libro. Bravissima, una recensione proprio bella.
    Un abbraccio, Stefi

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Accidenti Stefi, questo è un complimentone! (Tra l'altro, ho il netto sospetto che i libri di Lorenzo siano ancora più belli letti una seconda volta).
      Grazie della sua costante presenza, non solo sul blog.

      Elimina
    2. Ovviamente volevo dire "tua" (non è che ho iniziato di punto in bianco a darti del "lei").

      Elimina
  4. Eccomi qui Rosa! Sempre personali e di cuore le tue recensioni. Mi piacciono molto.
    un bacio da Lea

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

      Elimina
    2. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

      Elimina
    3. La mia dolce Lea, che emozione mi danno le tue parole e quanto mi fanno bene! Perché so (così oso dire) che non diresti mai qualcosa se non lo pensassi davvero e questo mi rende un pizzico più orgogliosa del "lavoro" che faccio sul blog.

      P.S. Un bacio a te!

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

I preferiti, sotto l'albero, e tutto quello che resta da dire del 2018

L'avrete capito, no? È il momento dei listoni e cosa c'è di più banale. Eppure confesserò che a me non disturba poi granché, anzi. C'è qualcosa di così compiuto e perciò di rassicurante in una lista stilata con metodo. Per quanto, detto tra noi (ahi ahi ahi), la vostra Rosa qui presente quest'anno abbia letto una quantità di libri semplicemente miserevole. Non che i numeri significhino molto, okay, però oddio una soglia minima di 15 libri, per buona decenza, uno se la dà.
Invece ecco cosa risulta su Goodreads: You have read 13 of 30 books in 2018.
D'altra parte è vero che una Challenge offre una visione alquanto limitata della faccenda, perché, ad esempio, non tiene conto del fatto che per la prima volta da qualche anno non mi sia capitato neanche un libro veramente brutto brutto brutto o che tra i 13 suddetti sia compresa una delle più grandi narrazioni epiche mai concepite o ancora tre opere di saggistica lette a stralci ma che anche così lasciano un bagaglio rag…

L'amore è per segugi | LA SCRITTRICE DEL MISTERO, Alice Basso

La mia lettura
«E dai, non potrà mica sempre andare bene, prima o poi il calo sarà fisiologico, ci scommetto che siamo arrivati a questo stadio, come quando fai i test a crocette e se escono troppi "sì" di fila sicuro che arriva anche il momento del "no", quindi crepi di fifa». Questa è la comicità di Alice Basso, in uno dei suoi irriverenti, scoppiettanti, dolcissimi post su Facebook (una droga pesante, stateci attenti) e se c'è una cosa che ormai dovreste aver capito di Alice Basso è che la comicità, nelle sue mani, è un fucile di precisione. Perché, se è vero che non uno tra noi lettori avrebbe esitato a vendere l'anima al diavolo per questo oggetto sacro e benedetto, La scrittrice del mistero, edito Garzanti, il quarto libro (signori, il Q U A R T O libro) di Vani Sarca, pure, quel tanto così di fifa blu c'era. Brutta faccenda avere aspettative altissime. Ancor più brutto, esser stati mollati proprio su un finale perfetto, da sipario che si chiude e…

I Nuovi Mostri | L'ELEGANZA DEL RICCIO, Muriel Barbery

| I Mostri Antichi li conosciamo, o quantomeno fingiamo di conoscerli, ma i Nuovi Mostri? Chi sono, dove sono?



La mia lettura

L'arte è la vita, ma su un altro ritmo.
Vi consiglio di prenderla molto sul serio questa frase, perché stavolta proveremo davvero a dire quanto contiene e significa questo libro.

Brevemente però, intanto, i prodromi.

Dovremmo osservare anzitutto, a beneficio del lettore che si accosti alla lettura, che la prima esperienza, come ogni rito iniziatico, imprime a fuoco il suo marchio.
Se poi sei giovane e dunque vorace, con una passione mortale per il grande romanzo russo ottocentesco, e se covi la pazza idea che la lingua racchiuda ermeticamente nei suoi segreti meccanismi la categoria del sublime, allora questa, sappilo, sarà la lettura che non ti lascerà scampo alcuno.
Per chi c'è già passato (e questo è il mio caso) il discorso si complica insolitamente: in mezzo si frappongono pur sempre quei sei o sette anni, che significano altre esperienze, altre le…