Passa ai contenuti principali

MAGARI DOMANI RESTO, Lorenzo Marone



La mia lettura

"Stop".
E lo stomaco mi si aggroviglia. 
Ops.
Il fatto è che ora voi vorrete sapere come e perché si è aggrovigliato il suddetto organo, e dovrò essere io a spiegarvelo. E l'unico modo per farlo è cercare con pazienza di sgrovigliarlo.
Allora abbiate anche voi un po' di pazienza, lettori: dissolvenza cinematografica, e cominciamo a sfogliare questo libro partendo dall'inizio.
Siamo a Napoli, Quartieri Spagnoli. Io vivo qui. Il mio nome è Luce. E sono donna.
Ecco, Luce Di Notte (come ci piacciono i nomi-pasticcio di Lorenzo Marone) è esattamente il tipo di creatura che non ha bisogno di qualcuno che parli per lei, che a presentarsi è capacissima benissimo da sola, uno spirito senza paura, ecco cos'è, una di quelle meraviglie che puoi ammirare solo di lontano, ché tanto non si lasciano catturare, insomma una "femmena" del sud.
Ma, la DreamWorks insegna (beh per lo meno a chi come me piace ancora imparare dai cartoni), "chi è tosto tosto capisce", e nasconde, e soffre, di solito in silenzio. 
Le mute pareti di tufo della casa degli gnomi di nonna Giuseppina, quel fratello lontano, un lavoro che finirebbe per fare di lei la donna che non è che non vorrebbe mai essere, tutto, in quella Napoli dei Quartieri tra i cui i vicoli si è fatta le ossa, sembra sussurrare a Luce quelle suadenti parole, "vattenne di qua", non c'è niente per te. E invece, come una ventata d'aria nuova, uno a uno, degli strambi personaggi irromperanno nella sua vita, a rivoltargliela senza neanche tanti riguardi, e la costringeranno ad ammettere che dopotutto qualcosa per cui scegliere di restare c'è.
È una verità semplice e spaventosa quella che Luce scopre, in quell'attimo di paura per la rondinella Primavera, lanciata nel vuoto, l'istinto come unica guida: solo chi ha il coraggio di buttarsi può trovare le sue ali. 

Lorenzo Marone sa come raccontare la vita e lo fa come pochi, con garbo, con ironia, ma anche di pancia, con quella rabbia di chi con i giorni ci fa a botte silenziosamente, tirando fuori personaggi che sembra non vedano l'ora di prendere e dire e parlare di sé, coi loro tempi però, un capitolo alla volta, magari rimandando perfino le riposte all'ultima pagina; e allora ti spiazzano, e tu rimani così, con la faccia che a metà vuole aprirsi in un sorriso, metà è già rigata da una lacrima. È così che fioriscono, a sorpresa nel bel mezzo di un dialogo, o come capitoli a parte, quelle microstorie, quei pezzi di vita passata, che non sono flashback, e nemmeno ricordi (non solo), ma proprio storie nella storia. Perché alla fine (questa, credo, è la convinzione più bella che ti lasciano i libri di Marone) cosa siamo noi se non un insieme di storie? E mica storie solo nostre, no, nient'affatto, siamo storia di chi resta e di chi va, di chi ci sfiora solo un momento, di chi fa con noi solo un tratto di strada, il tempo di arrivare all'incrocio successivo o di indicarti la via, di chi è sempre lì ad aspettarci, davanti a una tavola e a una tazza di latte, storie di vita che caparbia ti resta addosso.

Ecco, se volete un motivo per leggere questo libro, vi dico, leggetelo per farvi del bene. Anche se il ritmo a volte mi è parso perdere appena appena di mordente, anche se uno o due personaggi avrei voluto guardarli meglio, giusto quel po' più da vicino (Thomàs più di tutti, il francese "soldatino di marzapane", che farà capitolare la nostra "femmina di bassotto incazzata") quello che ho trovato in fondo alla scatolina dei ricordi belli è più che abbastanza.


Magari domani resto | Lorenzo Marone | Giangiacomo Feltrinelli Editore 2017 | 320 p. | euro 16,50


Parole nuove: /

Bonus track: Tira a campare, Edoardo Bennato



Il verdetto della Balena Parlante: ★★★★




Commenti

  1. Che bella recensione Rosa!
    Un libro bellissimo questo <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma grazieeee! Sono particolarmente orgogliosa di questa recensione (mi sa che si è capito!), il fatto è che più un libro è bello e più tu vuoi con tutta te stessa trasmettere un po' di quella bellezza a chi viene a leggerti.
      Beh, ora che questo libro l'ho letto anch'io e l'ho pure recensito vengo subito a recuperare la tua di recensione!

      Elimina
  2. Non ho ancora letto niente di Lorenzo Marone,devo assolutamente recuperare perché veramente ho letto solo recensioni super positive :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Assolutamente sì, con Lorenzo Marone non esistono lettori insoddisfatti.

      Elimina
  3. Rosa! Mi hai fatto venir voglia di rileggere il libro. Bravissima, una recensione proprio bella.
    Un abbraccio, Stefi

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Accidenti Stefi, questo è un complimentone! (Tra l'altro, ho il netto sospetto che i libri di Lorenzo siano ancora più belli letti una seconda volta).
      Grazie della sua costante presenza, non solo sul blog.

      Elimina
    2. Ovviamente volevo dire "tua" (non è che ho iniziato di punto in bianco a darti del "lei").

      Elimina
  4. Eccomi qui Rosa! Sempre personali e di cuore le tue recensioni. Mi piacciono molto.
    un bacio da Lea

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

      Elimina
    2. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

      Elimina
    3. La mia dolce Lea, che emozione mi danno le tue parole e quanto mi fanno bene! Perché so (così oso dire) che non diresti mai qualcosa se non lo pensassi davvero e questo mi rende un pizzico più orgogliosa del "lavoro" che faccio sul blog.

      P.S. Un bacio a te!

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

2017: tiriamo le somme

Fare un bilancio, per come la vedo io, significa essere onesti con se stessi e vedere un po' che si è combinato. Niente bluff. Ecco perché è un casino. Fuori di qui, resto sempre quella tipa lì, la nichilista, pseudo-romantica studentessa fuori corso (è il caso di festeggiare, sono entrata ufficialmente nel terzo anno già da un paio di mesi, mica uno scherzo) che va a letto con gli incubi, all'idea di avere tutta una tesi da scrivere, per non dire di un futuro nella grande spaventevole giostra del mondo in cui ancora non riesce a visualizzarsi. Passi avanti? Oh dai, ne abbiamo fatti. Per esempio, sul libretto, la mia carriera è ormai a un punto di non ritorno: tre firme ancora da apporre, gli ultimi tre esami, tre esami e puoi quasi dire di aver passato il primo step. Con quel pizzico di immaginazione che certo non ti manca puoi sentire fin qui la voce del presidente di commissione dichiararti dottoressa. Fa il suo effetto, perché negarlo. Un rito di passaggio deve fare il su…

GIACINTA, Luigi Capuana

"Colonnello!" disse la Giacinta, attaccandoglisi familiarmente al braccio e trascinandolo un po' verso la vetrata della terrazza con vivacità fanciullesca. (...) L'una e l'altro non riuscivano per qualche secondo a riattaccare discorso: poi la Giacinta spingeva gli occhi verso il colonnello che aveva ripreso la sua positura, e portando la punta del ventaglio alle labbra, lanciava un ebbene? un e poi? che provocava la risposta.

La mia lettura
Ho avuto un rapporto alquanto complesso con questo romanzo. Ad ogni pagina, per tutto il tempo, sentivo dolorosamente che qualcosa, qualcosa di decisamente importante, mancava. Quando finalmente sono riuscita a riporre ormai letto il libro nel suo angusto posticino nella libreria del mio studio, ho capito. Ho capito cosa non andava. Ma lascerò che sia qualcuno di più adatto allo scopo ad illuminarvi. "In generale mi piace dippiù la prima metà del tuo libro forse perché l'azione è più viva, o almeno è presentata con m…

Qualcosa si è mosso | Da SCRIVERE È UN MESTIERE PERICOLOSO a NON DITELO ALLO SCRITTORE, Alice Basso

La mia lettura
Bene. Io direi che tre giorni passati a sghignazzare di segreta soddisfazione, in una posa a metà tra genio del male che trama nell'ombra e ragazzina delle medie alla prima cotta, possono anche bastare. Adesso ricomponiamoci un attimo, per amor del cielo, e cerchiamo di affrontare la situazione con la serietà che merita. Niente di insostenibile, state sereni. Perché la storia di cui parliamo è pur sempre, fondamentalmente, una storia adorabile. Si ride sotto i baffi, ci si commuove il giusto, si annuisce con quel pizzico di consapevole malinconia, ma soprattutto ci si innamora, di brutto. (E poi non venitemi a dire che non vi avevo avvertito).

Per la serie dove eravamo rimasti, ricapitoliamo: epica vendetta ai danni di capo schiavista calcolatore e di ex fidanzato stronzo opportunista. Yeah. Uno a zero per Vani Sarca, signori, che dal finale del primo libro esce trionfante come una Erinni dei reietti, in mano un nuovo contratto rimpolpato da un sacrosanto aumento, u…