Passa ai contenuti principali

FANGIRL, Rainbow Rowell



La mia lettura

Ci sono ogni tanto quei libri che ti stupiscono. Non parlo di quello stupore che ti prende a fine lettura e ti fa dire "Oh cavolo, che cosa ho letto!", e tu guardi e rimiri il libro come avessi chissà quale prodigio o mistero tra le mani; no, io pensavo a qualcosa di più piccolo, di più discreto, ma non meno significativo: sono dettagli, curiosità, parentesi di empatia inaspettata che ti strizzano il cuore almeno un po' e, cosa ancora più bella, ti fanno riflettere. Perché, vi garantisco, si può amare un libro anche per queste che ai più sembreranno sciocche piccolezze. 
Ad esempio Fangirl (e io prima di leggere la sentitissima recensione di Adele - qui - neppure sapevo esistesse la parola "fangirl"), che già a partire dal genere, la fa una sua candida rivoluzione, quando di recente il Young Adult proprio di quella spontaneità, di quell'ingenuità che nasce dalla confusione dei primi turbamenti e delle mille domande e insicurezze, si è tristemente impoverito, e quando tu invece, se ripensi a cose di una delicatezza unica come La ragazza che voleva essere Jane Austen, ancora ti senti smuovere qualcosa dentro e pensi a quanto sia profondamente ingiusto che oggi una ragazzina di dodici anni (dodici anni, capite? Quando alle medie lotti con le unghie e con i denti per sopravvivere a una te stessa ancora informe) non abbia una Julia Lefkowitz con cui fraternizzare.
Perciò è carino che a volte ancora spunti fuori una Rainbow Rowell a regalare a dei lettori adolescenti un personaggio come Cath. Lei sì che ha qualcosa da raccontare.
Sarà che io, seppur studentessa universitaria fuori corso da due anni, quei primi giorni di smarrimento, buttata così allo sbaraglio, senza piani, senza bussola, trincerata nella mia timidezza cronica, me li ricordo spaventosamente bene? Sarò io di parte, che eccome se la capisco quella sensazione di sentirsi bloccata, ogni santo giorno come se un ostacolo fisico si frapponesse fra te e quello che vuoi fare, quello che vuoi essere?
Onestamente, io direi di no.
Perché questa è solo una parte della storia.
Dietro quello scudo di insofferenza e diffidenza verso la vita, spostando lo sguardo oltre quel mondo segreto che è Carry On, il mondo della fan-fiction, la dimensione che Cath ha creato per sé, dove potersi sentire al sicuro, al riparo da una realtà troppo ... reale, che lei rifiuta ostinatamente, dietro tutto questo (che non è poi così poco, dato che di scrittori che si prendano la briga di raccontare l'adolescenza all'epoca del virtuale non è che in giro se ne trovino), c'è molto altro. Solo che tu lettore non lo scopri subito, anche se qualche indizio qua e là in effetti c'è: la gemella Wren, che ha fretta di allontanarsi dal nido e conquistare la sua indipendenza, papà Art, quanta tenerezza fa quest'uomo, con i suoi picchi di follia e il desiderio di essere un buon padre a tutti i costi, e poi quel grande vuoto, che tutti e tre si sforzano di far sembrare più piccolo, una madre assente, il cui unico regalo per le figlie è stato un nome da fare a metà (provate a pronunciare "Cather" e "Wren" come un'unica parola, ne verrà fuori qualcosa di simile a "Catherine"). Finché ad un certo punto, ecco la svolta. Anzi, posso dirvi il numero preciso della pagina, 247, capitolo 18, perché è da lì che inizio a leggere Fangirl con un occhio diverso: personaggi e situazioni che fino a poco fa non sapevo come o dove collocare, acquistano un senso e uno spazio definiti, intuisco qual è la vera Cath, quella di cui lei ha paura e che finora mi ha tenuto disperatamente nascosta; addirittura, ora che riesco a vederci più chiaro, trovo anche il tempo per realizzare che tanta genuina, squisita, adorabile pudicizia in un libro era un bel po' che non mi capitava, e sì che qui siamo ben lontani dalle scabrose nottate newyorkesi ormai praticamente da manuale, qui niente alcool nei bar, i ragazzi frequentano corsi di agronomia, Reagan, il tipetto più spigliato e grintoso fa clamorosa eccezione. Insomma il Nebraska in sottofondo si fa sentire.  
In particolare però c'è una cosa di cui mi accorgo: questo libro che, inevitabilmente. tutti leggono come l'Hakuna Matata dell'autentica fangirl, a me sembra che in fondo voglia essere tutt'altro. Alla fine il lettore non saprà mai se la grande impresa di Cath, scrivere il suo finale per Simon e Baz, battendo sul tempo l'uscita in libreria dell'epilogo della saga, davvero le riuscirà. Ma non è quello che conta, non più. La battaglia con una professoressa che non approva le fan-fiction, una compagna di stanza disinibita e soprattutto Levi, Levi che sa essere tutto quello di cui hai bisogno, il distributore automatico di sorrisi o il Grillo Parlante, porteranno la nostra protagonista a compiere quella che per ogni bravo scrittore è la scelta più coraggiosa: scrivere la storia che ha sempre avuto dentro di sé.

Fangirl, capite bene, è uno di quei libri che ha in sé più di quanto non sembri, puoi leggerlo in tutti i modi che vuoi, ad ogni età, troverai sempre ciò che ti serve: il primo batticuore, l'età teen in cui non esistono sogni impossibili, una famiglia un po' pazza che lotta per non andare in pezzi, una ragazza e la sua strada per diventare adulta.


Fangirl | Rainbow Rowell | Trad. di Federica Merani | Piemme 2016 | 516 p. | euro 17,00


Parole nuove: /

Se fosse una canzone: Here comes the sun, The Beatles




Il verdetto della Balena Parlante: ★★★



Commenti

  1. Sai già che ho amato questo libro! La tua recensione è bellissima ^^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Chissà perché avevo il sospetto che il tuo sarebbe stato il primo commento in arrivo?
      Diciamo che se Rowell nella prima parte l'avesse sfoltito un po', avrei apprezzato tutto molto di più. Resta il fatto però che secondo me ha realizzato qualcosa di veramente significativo.

      Elimina
  2. Quanto vorrei leggerlo! È almeno un anno che questo libro mi tenta! X3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tu devi leggerlo PER FORZA! La parte della love story con Levi magari è un tantino zuccherosa, ma sono sicura che Cath ti piacerà.

      Elimina
  3. vedo sempre questo libro quando vado in libreria ed ero molto curiosa, finalmente ne so qualcosa di più!!!
    http://www.audreyinwonderland.it/

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oh! Sai, ora che ci penso, mentre scrivevo la recensione davo praticamente per scontato che tutti lo conoscessero e di conseguenza forse non ho dato molto spazio alla trama, ma c'erano troppe cose più importanti che valeva la pena analizzare. Spero di esserti stata comunque utile.

      Elimina
  4. Che bella recensione Rosa! Questa frase racchiude anche il mio pensiero :"Fangirl, capite bene, è uno di quei libri che ha in sé più di quanto non sembri, puoi leggerlo in tutti i modi che vuoi, ad ogni età, troverai sempre ciò che ti serve." Sono i libri migliori ;-)
    un abbraccio da Lea

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sempre graditissime le tue parole, Lea (e anche i tuoi abbracci, se è per questo!).

      Elimina
  5. Ce l'ho in lista da secoli ma ancora non l'ho letto, la tua recensione è molto bella e mi invoglia ancora di più! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Spero che questa piccola spinta di porterà tra le braccia di un libro che ti piacerà.

      Elimina
  6. Come al solito mi provochi un fiume di parole.
    Innanzitutto mi complimento per la grafica nuova (scusa se non l'ho notata prima ma purtroppo continuo inevitabilmente ad assantarmi per lunghi periodi dal mondo blogger), è molto sobria ed elegante e al tempo stesso fresca e moderna.
    Detto questo non posso che rinnovarti i complimenti perchè hai uno stile di scrittura immersivo e coinvolgente, mi hai tenuta incollata alla recensione dall'inizio alla fine.
    Ho letto Fangirl, non recentemente, però ricordo alla perfezione le sensazioni che ho provato nel leggerlo, aiutata dal fatto che me le hai fatte rivivere con le tue parole.
    Penso che non puoi avere più ragione quando sostieni che più che un inno al "fangirlismo" sia una più delicata sonda introspettiva per il lettore.
    Proprio in quest'ottica non trovo scelta musicale più azzeccata di Here comes the sun che ne condivide la forza penetrativa e il calore che rilascia interiormente.
    Come al solito è sempre un piacere leggerti, a presto! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tranquilla, io i tuoi commenti-fiume li adoro! Anche perché riesci sempre a cogliere con esattezza tutto quello che vorrei passasse dalle mie recensioni. Ecco, mi dai una soddisfazione immensa.

      P.S. Non immagini che gioia (e che sollievo!) sapere che apprezzi il nuovo vestito del blog, tu che quanto a bellezza grafica sei al top.

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

GIACINTA, Luigi Capuana

"Colonnello!" disse la Giacinta, attaccandoglisi familiarmente al braccio e trascinandolo un po' verso la vetrata della terrazza con vivacità fanciullesca. (...) L'una e l'altro non riuscivano per qualche secondo a riattaccare discorso: poi la Giacinta spingeva gli occhi verso il colonnello che aveva ripreso la sua positura, e portando la punta del ventaglio alle labbra, lanciava un ebbene? un e poi? che provocava la risposta.

La mia lettura
Ho avuto un rapporto alquanto complesso con questo romanzo. Ad ogni pagina, per tutto il tempo, sentivo dolorosamente che qualcosa, qualcosa di decisamente importante, mancava. Quando finalmente sono riuscita a riporre ormai letto il libro nel suo angusto posticino nella libreria del mio studio, ho capito. Ho capito cosa non andava. Ma lascerò che sia qualcuno di più adatto allo scopo ad illuminarvi. "In generale mi piace dippiù la prima metà del tuo libro forse perché l'azione è più viva, o almeno è presentata con m…

Qualcosa si è mosso | Da SCRIVERE È UN MESTIERE PERICOLOSO a NON DITELO ALLO SCRITTORE, Alice Basso

La mia lettura
Bene. Io direi che tre giorni passati a sghignazzare di segreta soddisfazione, in una posa a metà tra genio del male che trama nell'ombra e ragazzina delle medie alla prima cotta, possono anche bastare. Adesso ricomponiamoci un attimo, per amor del cielo, e cerchiamo di affrontare la situazione con la serietà che merita. Niente di insostenibile, state sereni. Perché la storia di cui parliamo è pur sempre, fondamentalmente, una storia adorabile. Si ride sotto i baffi, ci si commuove il giusto, si annuisce con quel pizzico di consapevole malinconia, ma soprattutto ci si innamora, di brutto. (E poi non venitemi a dire che non vi avevo avvertito).

Per la serie dove eravamo rimasti, ricapitoliamo: epica vendetta ai danni di capo schiavista calcolatore e di ex fidanzato stronzo opportunista. Yeah. Uno a zero per Vani Sarca, signori, che dal finale del primo libro esce trionfante come una Erinni dei reietti, in mano un nuovo contratto rimpolpato da un sacrosanto aumento, u…

2017: tiriamo le somme

Fare un bilancio, per come la vedo io, significa essere onesti con se stessi e vedere un po' che si è combinato. Niente bluff. Ecco perché è un casino. Fuori di qui, resto sempre quella tipa lì, la nichilista, pseudo-romantica studentessa fuori corso (è il caso di festeggiare, sono entrata ufficialmente nel terzo anno già da un paio di mesi, mica uno scherzo) che va a letto con gli incubi, all'idea di avere tutta una tesi da scrivere, per non dire di un futuro nella grande spaventevole giostra del mondo in cui ancora non riesce a visualizzarsi. Passi avanti? Oh dai, ne abbiamo fatti. Per esempio, sul libretto, la mia carriera è ormai a un punto di non ritorno: tre firme ancora da apporre, gli ultimi tre esami, tre esami e puoi quasi dire di aver passato il primo step. Con quel pizzico di immaginazione che certo non ti manca puoi sentire fin qui la voce del presidente di commissione dichiararti dottoressa. Fa il suo effetto, perché negarlo. Un rito di passaggio deve fare il su…