Passa ai contenuti principali

Novità dalla bibliosfera #4

Rubrica in cui, ogni fine mese, vi terrò aggiornati su titoli, autori emergenti, voci di corridoio (etc) legati al mondo dei libri. Perché ogni buon lettore che si rispetti ... tiene sempre gli occhi aperti. 

Non ho resistito alla tentazione di cercare la parola "autunno" sul Dizionario Etimologico (cosa volete che vi dica? Sono una modernista con un segreto, palpitante cuore classicista!) e come spesso mi è capitato è stato come scartare un pacco a sorpresa, per ritrovarmi fra le mani l'ultima cosa che mi aspettavo: non malinconia, o freddo (eh già, sto pensando alle brutali raffiche di vento che ti agguantano il cervello se ti fai beccare senza cappello) o la precarietà di star "come d'autunno sugli alberi le foglie" ... no, state guardando dalla parte sbagliata, perché autunno è "ricchezza", "abbondanza"
Vediamo un po', cosa mi suggerisce personalmente il verbo augeo in questo periodo? Oh sì, il pentolino di nonna con le castagne lesse cullate dall'aroma dell'alloro, frizzanti e succosi mandarini, le strade che profumano di pioggia, il candido incantesimo della neve, la promessa di una tazza di Ciobar la mattina di Natale ... per farla breve l'autunno è come una canzone di Adele: tagliente, antico, vigoroso, familiare, fascinoso

E quali libri presenterò per voi, proprio mentre si appresta la notte più paurosa dell'anno?

Sicuramente questa è l'occasione perfetta per introdurvi un autore che mi ha più che incuriosita. Noto ai più per la sua novella Alice, Coraline, eroina dell'omonimo romanzo, Neil Gaiman è una creatura ibrida fra Dickens e Poe (facile immaginarlo a braccetto con Tim Burton). La storia che ci racconta è quella di Bod, adottato da bambino dai fantasmi degli Owens, cresciuto fra improbabili compagni di giochi nella casa più improbabile, l'unico luogo in cui l'assassino dei suoi genitori non può raggiungerlo. Ma Bod resisterà al richiamo della vita oltre il cancello del cimitero?   

 La bellezza dei sogni è forse più nella loro distanza dalla realtà che in quello che sono, perché visto da vicino anche il più incantevole dei sogni può trasformarsi in un incubo
La vita di Rose è una vita come tante, con i suoi piccoli successi quotidiani, una casa, un marito devoto, dei figli, una quotidianità che lei però avverte come una prigione. Perché la vita di tutti i giorni è così sbiadita, imperfetta rispetta a quella che vive accanto a Hugo, la figura che popola i suoi sogni da quando, bambina, è rimasta vittima di un incidente. Ma cosa ne sarà di ciò che ha costruito in questi anni se all'improvviso scoprisse che Hugo è una persona reale?

Aggiungo solo che per quanto mi riguarda le Edizioni E/O sono simbolo di garanzia.


  
Una bambina, il peso di un dono maledetto, una terra arcaica e superstiziosa. Nora ha da poco perso suo padre quando la morte segna di nuovo l'innocenza della sua giovanissima vita.  Respinta dalla sua famiglia e da tutti, imparerà a convivere solo con sé stessa, con un segreto nascosto nei suoi occhi e il cui segno è rimasto impresso sulla sua pelle. Finché la possibilità di un destino diverse sembrerebbe schiudersi per lei. 




Anche per questo mese è tutto, e mi raccomando approfittate della stagione prediletta dei lettori!

Commenti

Post popolari in questo blog

Cosa c'è in agenda? #3

Cosa leggo? Cosa scrivo? Questi sono i punti all'ordine del giorno della mia agenda letteraria. Qui li ricapitoliamo passo passo.
Dolce, malinconico agosto
Vestiti freschi e leggeri, ciabattine infradito, mattine al mare, cornetti Esagerati per gentile concessione Algida, cappelli di paglia, occhiali da sole (che io puntualmente dimentico di portarmi dietro), una capatina (solitamente proficua) alla casetta dei libri, quelle rare ma felici passeggiate con mio fratello lungo il viale alberato che porta all'abbazia (anche se incappiamo sempre in quel cagnaccio che ci abbaia contro e il marciapiede è così malandato che camminare in mezzo alla strada sarebbe più sicuro), le trasferte per seguire i concerti senza biglietto di Edoardo Bennato (ahhhh Biccari, con la  mia plateale caduta in pieno giorno al centro della piazza!).   Ecco, l'estate per me è tutto questo, un mondo intero in una stagione, che alla fin fine si riduce a poche settimane di sole. Un po' come con i fichi…

Quello che non ti aspetti: i miei due anni da book-blogger

Non so come ci sono arrivata.  Ho iniziato perché scrivo. E perché leggo.  E oggi sono due anni.  Ma non è che io sia diventata una persona diversa solo perché ho aperto un blog.  I book-blogger non hanno super-poteri.  Sono ancora una studentessa di lettere moderne che non sa bene cosa fare di se stessa, e non c'è dubbio che sarò sempre la ragazza con la testa fra le nuvole e con il cuore nei libri.  Ho solo trovato un posto dove esserlo liberamente.  E condividerlo con voi. Ecco voi siete quello che non mi aspettavo.
Quei lettori che sono arrivati pian piano, i "silenziosi" e gli "immancabili", quelli che anche con una sola parola, un complimento, un grazie, mi fanno sapere che ci sono e che qualcosa di bello, in fondo, riesco a regalarlo.  Stefania, ricordo ancora con una certa emozione il suo primo commento, che era anche il primo commento in assoluto sul blog, me lo sono trovata lì, sotto il naso, ancora un po' attonita, incredula. Allora scrivevo anco…

Cosa si nasconde dietro la fontana?

Buon lunedì lettori che spasimate per un po' d'aria fresca! Qui da me il tempo è sereno, non così soffocante come ieri (BP stava rischiando di arenarsi), e dalla mia postazione in cucina, fortunatamente, c'è un discreto passaggio di aria.  Oggi, Pip ed io abbiamo bypassato il mare, un salto con mamma e papà a prendersi tutta l'aria condizionata all'ufficio postale, unica cosa carina degna di nota che mi ha strappato un sorriso, due vecchietti che parlottavano sulla presenza nella Bibbia di Satana e, non ci crederete ... della muffa (lo dico io, che dovrei proprio mettermi a leggerne una paginetta alla volta: salta sempre fuori qualcuno con "Hai letto questo?", "Lo sai che?" e tu lì a chiederti sconcertata, allibita - praticamente offesa a livello personale - "Ma davvero?").  Ma di cos'è che dovevo parlarvi oggi? Fatemi ricontrollare gli appunti ... Marone, Kinsella, Morganti, Genova, Liebster Award ... oh sì, ecco qua, vi avevo ac…