Passa ai contenuti principali

Novità dalla bibliosfera #4

Rubrica in cui, ogni fine mese, vi terrò aggiornati su titoli, autori emergenti, voci di corridoio (etc) legati al mondo dei libri. Perché ogni buon lettore che si rispetti ... tiene sempre gli occhi aperti. 

Non ho resistito alla tentazione di cercare la parola "autunno" sul Dizionario Etimologico (cosa volete che vi dica? Sono una modernista con un segreto, palpitante cuore classicista!) e come spesso mi è capitato è stato come scartare un pacco a sorpresa, per ritrovarmi fra le mani l'ultima cosa che mi aspettavo: non malinconia, o freddo (eh già, sto pensando alle brutali raffiche di vento che ti agguantano il cervello se ti fai beccare senza cappello) o la precarietà di star "come d'autunno sugli alberi le foglie" ... no, state guardando dalla parte sbagliata, perché autunno è "ricchezza", "abbondanza"
Vediamo un po', cosa mi suggerisce personalmente il verbo augeo in questo periodo? Oh sì, il pentolino di nonna con le castagne lesse cullate dall'aroma dell'alloro, frizzanti e succosi mandarini, le strade che profumano di pioggia, il candido incantesimo della neve, la promessa di una tazza di Ciobar la mattina di Natale ... per farla breve l'autunno è come una canzone di Adele: tagliente, antico, vigoroso, familiare, fascinoso

E quali libri presenterò per voi, proprio mentre si appresta la notte più paurosa dell'anno?

Sicuramente questa è l'occasione perfetta per introdurvi un autore che mi ha più che incuriosita. Noto ai più per la sua novella Alice, Coraline, eroina dell'omonimo romanzo, Neil Gaiman è una creatura ibrida fra Dickens e Poe (facile immaginarlo a braccetto con Tim Burton). La storia che ci racconta è quella di Bod, adottato da bambino dai fantasmi degli Owens, cresciuto fra improbabili compagni di giochi nella casa più improbabile, l'unico luogo in cui l'assassino dei suoi genitori non può raggiungerlo. Ma Bod resisterà al richiamo della vita oltre il cancello del cimitero?   

 La bellezza dei sogni è forse più nella loro distanza dalla realtà che in quello che sono, perché visto da vicino anche il più incantevole dei sogni può trasformarsi in un incubo
La vita di Rose è una vita come tante, con i suoi piccoli successi quotidiani, una casa, un marito devoto, dei figli, una quotidianità che lei però avverte come una prigione. Perché la vita di tutti i giorni è così sbiadita, imperfetta rispetta a quella che vive accanto a Hugo, la figura che popola i suoi sogni da quando, bambina, è rimasta vittima di un incidente. Ma cosa ne sarà di ciò che ha costruito in questi anni se all'improvviso scoprisse che Hugo è una persona reale?

Aggiungo solo che per quanto mi riguarda le Edizioni E/O sono simbolo di garanzia.


  
Una bambina, il peso di un dono maledetto, una terra arcaica e superstiziosa. Nora ha da poco perso suo padre quando la morte segna di nuovo l'innocenza della sua giovanissima vita.  Respinta dalla sua famiglia e da tutti, imparerà a convivere solo con sé stessa, con un segreto nascosto nei suoi occhi e il cui segno è rimasto impresso sulla sua pelle. Finché la possibilità di un destino diverse sembrerebbe schiudersi per lei. 




Anche per questo mese è tutto, e mi raccomando approfittate della stagione prediletta dei lettori!

Commenti

Post popolari in questo blog

I preferiti, sotto l'albero, e tutto quello che resta da dire del 2018

L'avrete capito, no? È il momento dei listoni e cosa c'è di più banale. Eppure confesserò che a me non disturba poi granché, anzi. C'è qualcosa di così compiuto e perciò di rassicurante in una lista stilata con metodo. Per quanto, detto tra noi (ahi ahi ahi), la vostra Rosa qui presente quest'anno abbia letto una quantità di libri semplicemente miserevole. Non che i numeri significhino molto, okay, però oddio una soglia minima di 15 libri, per buona decenza, uno se la dà.
Invece ecco cosa risulta su Goodreads: You have read 13 of 30 books in 2018.
D'altra parte è vero che una Challenge offre una visione alquanto limitata della faccenda, perché, ad esempio, non tiene conto del fatto che per la prima volta da qualche anno non mi sia capitato neanche un libro veramente brutto brutto brutto o che tra i 13 suddetti sia compresa una delle più grandi narrazioni epiche mai concepite o ancora tre opere di saggistica lette a stralci ma che anche così lasciano un bagaglio rag…

Di cosa parliamo quando parliamo di Vani Sarca | Intervista ad Alice Basso

Ho incontrato Alice Basso il 15 dicembre, a Porto San Giorgio (un freddo demoniaco, ma ne valeva la pena, oh sì), durante una delle ultime presentazioni de La scrittrice del mistero (Garzanti 2018) e, a scanso di equivoci, mi sento in dovere di mettervi sull'avviso: questa donna è, realmente, quello che sembra, un concentrato di energia, il tipo con cui faresti ben volentieri notte fonda parlando sconclusionatamente di roba bellissima che non ti darà da vivere, libri libri libri film libri musica libri libri libri libri (proprio così, in loop). Soprattutto, però, quello che percepisci chiaramente, ascoltandola, leggendo i suoi libri (due racconti e quattro romanzi già pubblicati, più un quinto atteso per maggio), è che dietro il suo lavoro, di editor e di scrittrice, ci sono onestà e competenza in pari misura.
Nel 2013 è nel mondo dell'editoria da dieci anni, un ambiente «per niente asettico» (parola di Alice Basso) in cui succedono le cose più buffe e assurde, perché, molto …

GIACINTA, Luigi Capuana

"Colonnello!" disse la Giacinta, attaccandoglisi familiarmente al braccio e trascinandolo un po' verso la vetrata della terrazza con vivacità fanciullesca. (...) L'una e l'altro non riuscivano per qualche secondo a riattaccare discorso: poi la Giacinta spingeva gli occhi verso il colonnello che aveva ripreso la sua positura, e portando la punta del ventaglio alle labbra, lanciava un ebbene? un e poi? che provocava la risposta.

La mia lettura
Ho avuto un rapporto alquanto complesso con questo romanzo. Ad ogni pagina, per tutto il tempo, sentivo dolorosamente che qualcosa, qualcosa di decisamente importante, mancava. Quando finalmente sono riuscita a riporre ormai letto il libro nel suo angusto posticino nella libreria del mio studio, ho capito. Ho capito cosa non andava. Ma lascerò che sia qualcuno di più adatto allo scopo ad illuminarvi. "In generale mi piace dippiù la prima metà del tuo libro forse perché l'azione è più viva, o almeno è presentata con m…