Passa ai contenuti principali

LE ALI DELLA VITA, Vanessa Diffenbaugh


Non era troppo tardi per tornare indietro.



SCHEDA LIBRO

TITOLO: Le ali della vita
AUTORE: Vanessa Diffenbaugh
CASA EDITRICE: Garzanti
TRADUZIONE: Alba Mantovani
PUBBLICAZIONE: 2015
PAGINE: 334
FORMATO LETTURA: cartaceo
PREZZO: euro 18,60

SINOSSI: Qui

La mia lettura

Vorrei cercare di spendere meno parole possibili nella mia personale lettura di questo romanzo. Non come si fa di solito per glissare con eleganza libri poco amati, ma per rispettare la profondità e la semplicità di una scrittrice che usa le parole con parsimonia, arrivando dritta al punto. 

"Dicono che scrivere il secondo libro è difficile. Non so se è vero, ma io ci ho creduto, e per me è stata dura", così scrive nei Ringraziamenti Vanessa Diffenbaugh, che si è fatta subito amare dai lettori qualche anno fa con la sua opera prima Il linguaggio segreto dei fiori, il che da solo lascia intendere la sincerità di queste parole. E in un certo senso, guardando bene, Le ali della vita possiamo forse considerarlo come una sorta di seguito, come se in qualche modo l'autrice, seguendo il racconto delle vicende di Letty, ci mostrasse quello che non abbiamo potuto vedere di Victoria. Perché in effetti la storia di Letty comincia proprio dove si interrompeva quella di Victoria, sulla strada del ritorno verso casa. Ma presto sia la protagonista che il lettore scopriranno con amarezza che questo è solo il primo passo. Perché in quella casa a Bayshore, tenuta insieme fino ad allora come un delicato quadro di piume solo dalla infaticabile Maria Elena, in quella casa ci sono Alex e Luna, i suoi figli,ad aspettarla. E insieme scopriranno che anche nascosto sotto i silenzi e le debolezze di anni trascorsi sotto lo stesso tetto quasi senza conoscersi davvero, l'amore cova ancora segreto, in attesa soltanto di schiudersi e prendere il volo. 

Permettetemi di non svelarvi niente di più di questa storia, in cui ogni filo è ben intrecciato all'altro, a disegnare un percorso che sembra senza uscita, in cui si spiega lentamente la misura degli errori commessi e sembra che tutte le cose belle siano destinate a restare solo sogni. 

Tra le tante cose che ammiro di questa autrice ce ne sono almeno due: il modo in cui non lascia i suoi personaggi  (e noi lettori compresi!) a crogiolarsi nella sofficità di quel piumone che è il lieto fine, a esprimere che la vita semplicemente ... non si ferma mai! 
E poi la capacità di saper cogliere esattamente nei momenti cruciali il cuore, il nodo latente ma fondamentale che lega insieme la storia, e di scioglierlo, poi, sempre con le giuste parole alla fine.  



A questo punto vorrei solo ringraziare Stefania L'Annusalibri per la sua segnalazione dell'uscita di questo libro e ovviamente, amabilissimamente, mia madre, per avermelo regalato. 


Parole nuove: cera di campeche, manzanita, piro-piro. 

Se fosse una canzone: Nel covo dei pirati, Edoardo Bennato. Come mi ha insegnato mio fratello, il grande Edo ha sempre una risposta per tutto: Wendy, bambina insieme a Peter Pan, troverà proprio grazie ai suoi sogni la forza e il coraggio per diventare grande.





Il giudizio di BP: Bello




Commenti

Post popolari in questo blog

Cosa c'è in agenda? #3

Cosa leggo? Cosa scrivo? Questi sono i punti all'ordine del giorno della mia agenda letteraria. Qui li ricapitoliamo passo passo.
Dolce, malinconico agosto
Vestiti freschi e leggeri, ciabattine infradito, mattine al mare, cornetti Esagerati per gentile concessione Algida, cappelli di paglia, occhiali da sole (che io puntualmente dimentico di portarmi dietro), una capatina (solitamente proficua) alla casetta dei libri, quelle rare ma felici passeggiate con mio fratello lungo il viale alberato che porta all'abbazia (anche se incappiamo sempre in quel cagnaccio che ci abbaia contro e il marciapiede è così malandato che camminare in mezzo alla strada sarebbe più sicuro), le trasferte per seguire i concerti senza biglietto di Edoardo Bennato (ahhhh Biccari, con la  mia plateale caduta in pieno giorno al centro della piazza!).   Ecco, l'estate per me è tutto questo, un mondo intero in una stagione, che alla fin fine si riduce a poche settimane di sole. Un po' come con i fichi…

Quello che non ti aspetti: i miei due anni da book-blogger

Non so come ci sono arrivata.  Ho iniziato perché scrivo. E perché leggo.  E oggi sono due anni.  Ma non è che io sia diventata una persona diversa solo perché ho aperto un blog.  I book-blogger non hanno super-poteri.  Sono ancora una studentessa di lettere moderne che non sa bene cosa fare di se stessa, e non c'è dubbio che sarò sempre la ragazza con la testa fra le nuvole e con il cuore nei libri.  Ho solo trovato un posto dove esserlo liberamente.  E condividerlo con voi. Ecco voi siete quello che non mi aspettavo.
Quei lettori che sono arrivati pian piano, i "silenziosi" e gli "immancabili", quelli che anche con una sola parola, un complimento, un grazie, mi fanno sapere che ci sono e che qualcosa di bello, in fondo, riesco a regalarlo.  Stefania, ricordo ancora con una certa emozione il suo primo commento, che era anche il primo commento in assoluto sul blog, me lo sono trovata lì, sotto il naso, ancora un po' attonita, incredula. Allora scrivevo anco…

Cosa si nasconde dietro la fontana?

Buon lunedì lettori che spasimate per un po' d'aria fresca! Qui da me il tempo è sereno, non così soffocante come ieri (BP stava rischiando di arenarsi), e dalla mia postazione in cucina, fortunatamente, c'è un discreto passaggio di aria.  Oggi, Pip ed io abbiamo bypassato il mare, un salto con mamma e papà a prendersi tutta l'aria condizionata all'ufficio postale, unica cosa carina degna di nota che mi ha strappato un sorriso, due vecchietti che parlottavano sulla presenza nella Bibbia di Satana e, non ci crederete ... della muffa (lo dico io, che dovrei proprio mettermi a leggerne una paginetta alla volta: salta sempre fuori qualcuno con "Hai letto questo?", "Lo sai che?" e tu lì a chiederti sconcertata, allibita - praticamente offesa a livello personale - "Ma davvero?").  Ma di cos'è che dovevo parlarvi oggi? Fatemi ricontrollare gli appunti ... Marone, Kinsella, Morganti, Genova, Liebster Award ... oh sì, ecco qua, vi avevo ac…