Passa ai contenuti principali

LE ALI DELLA VITA, Vanessa Diffenbaugh


Non era troppo tardi per tornare indietro.


La mia lettura

Vorrei cercare di spendere meno parole possibili nella mia personale lettura di questo romanzo. Non come si fa di solito per glissare con eleganza libri poco amati, ma per rispettare la profondità e la semplicità di una scrittrice che usa le parole con parsimonia, arrivando dritta al punto. 

"Dicono che scrivere il secondo libro è difficile. Non so se è vero, ma io ci ho creduto, e per me è stata dura", così scrive nei Ringraziamenti Vanessa Diffenbaugh, che si è fatta subito amare dai lettori qualche anno fa con la sua opera prima Il linguaggio segreto dei fiori, il che da solo lascia intendere la sincerità di queste parole. E in un certo senso, guardando bene, Le ali della vita possiamo forse considerarlo come una sorta di seguito, come se in qualche modo l'autrice, seguendo il racconto delle vicende di Letty, ci mostrasse quello che non abbiamo potuto vedere di Victoria. Perché in effetti la storia di Letty comincia proprio dove si interrompeva quella di Victoria, sulla strada del ritorno verso casa. Ma presto sia la protagonista che il lettore scopriranno con amarezza che questo è solo il primo passo. Perché in quella casa a Bayshore, tenuta insieme fino ad allora come un delicato quadro di piume solo dalla infaticabile Maria Elena, in quella casa ci sono Alex e Luna, i suoi figli,ad aspettarla. E insieme scopriranno che anche nascosto sotto i silenzi e le debolezze di anni trascorsi sotto lo stesso tetto quasi senza conoscersi davvero, l'amore cova ancora segreto, in attesa soltanto di schiudersi e prendere il volo. 

Permettetemi di non svelarvi niente di più di questa storia, in cui ogni filo è ben intrecciato all'altro, a disegnare un percorso che sembra senza uscita, in cui si spiega lentamente la misura degli errori commessi e sembra che tutte le cose belle siano destinate a restare solo sogni. 

Tra le tante cose che ammiro di questa autrice ce ne sono almeno due: il modo in cui non lascia i suoi personaggi  (e noi lettori compresi!) a crogiolarsi nella sofficità di quel piumone che è il lieto fine, a esprimere che la vita semplicemente ... non si ferma mai! 
E poi la capacità di saper cogliere esattamente nei momenti cruciali il cuore, il nodo latente ma fondamentale che lega insieme la storia, e di scioglierlo, poi, sempre con le giuste parole alla fine.  



A questo punto vorrei solo ringraziare Stefania L'Annusalibri per la sua segnalazione dell'uscita di questo libro e ovviamente, amabilissimamente, mia madre, per avermelo regalato. 


Le ali della vita | Vanessa Diffenbaugh | Trad. di Alba Mantovani | Garzanti Libri 2015 | 334 p. | euro 18,60


Parole nuove: cera di campeche, manzanita, piro-piro. 

Se fosse una canzone: Nel covo dei pirati, Edoardo Bennato. Come mi ha insegnato mio fratello, il grande Edo ha sempre una risposta per tutto: Wendy, bambina insieme a Peter Pan, troverà proprio grazie ai suoi sogni la forza e il coraggio per diventare grande.





Il verdetto della Balena Parlante: ★★★★½




Commenti

Post popolari in questo blog

TERAPIA DI COPPIA PER AMANTI, Diego De Silva

La mia lettura
De Silva ha un'audacia piratesca, prende uno spunto veramente buono (e uno spunto veramente buono è il modo migliore per compromettersi) e quel che ne fa è un libro che... Ragazzi, non vi dico... Questo autore ha un modo, un gran bel modo, di sbrogliare il discorso, di dettare e scandire il ritmo della narrazione. Un capitolo ascolti le confessioni a cuore aperto di Viviana - lei è quella sentimentale, che arrossisce e si arrabbia alla parola "scopare", quella pallosa insomma, si potrebbe dire malignamente, quella che vuole risposte sicure e le vuole subito, che ha bisogno di sapere dove sta andando questa relazione che il buon costume definisce "squallida" - poi volti pagina e trovi tutt'altra musica, ecco Modesto, poveraccio, che fa il figo per nascondere che se la sta facendo addosso per come le cose sono pericolosamente cambiate e gli sono sfuggite di mano, perché è stato così stupido da credere alla balla che trovi un'amante trovi L&…

GIACINTA, Luigi Capuana

"Colonnello!" disse la Giacinta, attaccandoglisi familiarmente al braccio e trascinandolo un po' verso la vetrata della terrazza con vivacità fanciullesca. (...) L'una e l'altro non riuscivano per qualche secondo a riattaccare discorso: poi la Giacinta spingeva gli occhi verso il colonnello che aveva ripreso la sua positura, e portando la punta del ventaglio alle labbra, lanciava un ebbene? un e poi? che provocava la risposta.

La mia lettura
Ho avuto un rapporto alquanto complesso con questo romanzo. Ad ogni pagina, per tutto il tempo, sentivo dolorosamente che qualcosa, qualcosa di decisamente importante, mancava. Quando finalmente sono riuscita a riporre ormai letto il libro nel suo angusto posticino nella libreria del mio studio, ho capito. Ho capito cosa non andava. Ma lascerò che sia qualcuno di più adatto allo scopo ad illuminarvi. "In generale mi piace dippiù la prima metà del tuo libro forse perché l'azione è più viva, o almeno è presentata con m…

Qualcosa si è mosso | Da SCRIVERE È UN MESTIERE PERICOLOSO a NON DITELO ALLO SCRITTORE, Alice Basso

La mia lettura
Bene. Io direi che tre giorni passati a sghignazzare di segreta soddisfazione, in una posa a metà tra genio del male che trama nell'ombra e ragazzina delle medie alla prima cotta, possono anche bastare. Adesso ricomponiamoci un attimo, per amor del cielo, e cerchiamo di affrontare la situazione con la serietà che merita. Niente di insostenibile, state sereni. Perché la storia di cui parliamo è pur sempre, fondamentalmente, una storia adorabile. Si ride sotto i baffi, ci si commuove il giusto, si annuisce con quel pizzico di consapevole malinconia, ma soprattutto ci si innamora, di brutto. (E poi non venitemi a dire che non vi avevo avvertito).

Per la serie dove eravamo rimasti, ricapitoliamo: epica vendetta ai danni di capo schiavista calcolatore e di ex fidanzato stronzo opportunista. Yeah. Uno a zero per Vani Sarca, signori, che dal finale del primo libro esce trionfante come una Erinni dei reietti, in mano un nuovo contratto rimpolpato da un sacrosanto aumento, u…