Passa ai contenuti principali

Esclusivo #1: VILLETTE di C. Brontë e ALICE di L. Carroll

Rubrica per definizione occasionale. Tutto su ristampe, edizioni illustrate e particolarità più sopraffine.

Lunedì.
E oggi lunedì significa anche per me ritorno alla quotidianità.
Dopo aver passato discretamente, con mia somma soddisfazione, lo scoglio filologia italiana ed essermi concessa dei piacevolissimi, rigeneranti giorni di letture di libri virtuali e cartacei ... eh sì, torno alla mia vita da pendolare fra casa e l'università. In più, se gettate lo sguardo appena un po' giù nella mia sidebar vedrete con sgomento una lista non indifferente di libri da passare al vaglio-recensione ... e adesso immaginatemi pure con la faccia colpevole.
Ma prometto che fra quel po' che resta di ottobre e novembre mi darò da fare sul serio, anche perché, come vi avevo accennato qualche tempo fa avrei ancora un certo progetto da mandare avanti.
Ah già, dimenticavo che nel frattempo dovrei trovare dello spazio per tenere in incubatrice la mia tesi di laurea.

Cavolo. Adesso che è tutto nero su bianco ho una percezione più nitida del casino in cui mi trovo.
Almeno per oggi però, diciamoci un bel "PACE!". Perché oggi, esclusivo, ho due presentazioni da farvi.

                                                 
Oddio. Non sono bellissimi?

Li ho trovati tutti e due (assolutamente per un puro, fortuito caso) nella mia libreria di fiducia mentre stavo scegliendo un regalo di compleanno per la mia carissima amica D.

Appena i miei occhi si sono scontrati con il titolo Villette mi sono praticamente ritrovata il cuore in gola: sapete quando vi affannate per cercare un libro, ma vi sentite ripetere costantemente le due parole più funeste, orripilanti, raccapriccianti a orecchio di lettore, "fuori catalogo"? Se la risposta è sì, allora senz'altro non avrete difficoltà a figurarvi la bolla di felicità in cui sono rimasta imprigionata al trovarmi inaspettatamente davanti proprio quello stesso libro. Tra l'altro non faccio mistero della mia totale passione per Charlotte Brontë. Non posso che ringraziare Fazi Editore per aver realizzato uno dei miei sogni più caldeggiati.

E che dire di questa edizione di Alice? Lo so, non mi state neanche più ascoltando, siete rimasti incantati a rimirare la cover. E non avete ancora visto l'interno! Va bene, sarò clemente, vi anticipo qualcosa: illustrazioni originali di epoca vittoriana di John Tenniel e note di Martin Gardner e Masolino D'Amico, una sorta di mappa-guida per orientarsi fra segreti e misteri di uno dei mondi più bizzarri della letteratura.

Beh non so voi, ma io direi che questa settimana non potrebbe avere un incipit migliore.

Commenti

  1. Avevo visto quest'edizione di Alice su amazon e mi aveva colpito la bellezza della copertina. Non ho avuto il piacere di sfogliarla sarei quindi curiosa di vederne alcune immagini. Ce le mostrerai? *-*

    RispondiElimina
  2. Benvenuta Muriomu!
    Se ne avrò l'opportunità io per prima sarò felicissima, ma non posso promettere nulla.
    Nel frattempo però mi incuriosiscono anche le illustrazioni di Dralon di cui hai parlato così bene.

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Cosa c'è in agenda? #3

Cosa leggo? Cosa scrivo? Questi sono i punti all'ordine del giorno della mia agenda letteraria. Qui li ricapitoliamo passo passo.
Dolce, malinconico agosto
Vestiti freschi e leggeri, ciabattine infradito, mattine al mare, cornetti Esagerati per gentile concessione Algida, cappelli di paglia, occhiali da sole (che io puntualmente dimentico di portarmi dietro), una capatina (solitamente proficua) alla casetta dei libri, quelle rare ma felici passeggiate con mio fratello lungo il viale alberato che porta all'abbazia (anche se incappiamo sempre in quel cagnaccio che ci abbaia contro e il marciapiede è così malandato che camminare in mezzo alla strada sarebbe più sicuro), le trasferte per seguire i concerti senza biglietto di Edoardo Bennato (ahhhh Biccari, con la  mia plateale caduta in pieno giorno al centro della piazza!).   Ecco, l'estate per me è tutto questo, un mondo intero in una stagione, che alla fin fine si riduce a poche settimane di sole. Un po' come con i fichi…

Quello che non ti aspetti: i miei due anni da book-blogger

Non so come ci sono arrivata.  Ho iniziato perché scrivo. E perché leggo.  E oggi sono due anni.  Ma non è che io sia diventata una persona diversa solo perché ho aperto un blog.  I book-blogger non hanno super-poteri.  Sono ancora una studentessa di lettere moderne che non sa bene cosa fare di se stessa, e non c'è dubbio che sarò sempre la ragazza con la testa fra le nuvole e con il cuore nei libri.  Ho solo trovato un posto dove esserlo liberamente.  E condividerlo con voi. Ecco voi siete quello che non mi aspettavo.
Quei lettori che sono arrivati pian piano, i "silenziosi" e gli "immancabili", quelli che anche con una sola parola, un complimento, un grazie, mi fanno sapere che ci sono e che qualcosa di bello, in fondo, riesco a regalarlo.  Stefania, ricordo ancora con una certa emozione il suo primo commento, che era anche il primo commento in assoluto sul blog, me lo sono trovata lì, sotto il naso, ancora un po' attonita, incredula. Allora scrivevo anco…

Cosa si nasconde dietro la fontana?

Buon lunedì lettori che spasimate per un po' d'aria fresca! Qui da me il tempo è sereno, non così soffocante come ieri (BP stava rischiando di arenarsi), e dalla mia postazione in cucina, fortunatamente, c'è un discreto passaggio di aria.  Oggi, Pip ed io abbiamo bypassato il mare, un salto con mamma e papà a prendersi tutta l'aria condizionata all'ufficio postale, unica cosa carina degna di nota che mi ha strappato un sorriso, due vecchietti che parlottavano sulla presenza nella Bibbia di Satana e, non ci crederete ... della muffa (lo dico io, che dovrei proprio mettermi a leggerne una paginetta alla volta: salta sempre fuori qualcuno con "Hai letto questo?", "Lo sai che?" e tu lì a chiederti sconcertata, allibita - praticamente offesa a livello personale - "Ma davvero?").  Ma di cos'è che dovevo parlarvi oggi? Fatemi ricontrollare gli appunti ... Marone, Kinsella, Morganti, Genova, Liebster Award ... oh sì, ecco qua, vi avevo ac…