Passa ai contenuti principali

In love with Shakespeare #2

Questa rubrica nasce dal desiderio di raccontarvi una delle mie più grandi passioni.
"Sentirete di atti carnali, sanguinosi e contro natura, di giudizi accidentali, di morti provocati dalla malizia o dalla necessità ... Su tutto posso raccontarvi la verità". 

Il mio buon giorno a voi, affezionati lettori! E naturalmente anche a te, nuovo lettore, che magari sei capitato qui per caso e stai ancora cercando di capire che aria si respira e se qui puoi sentirti a casa.
Ecco, allora, lo dico a chiare lettere: siete sempre i benvenuti, per una lunga permanenza o semplicemente per un breve salto.
Orbene, oggi per voi, buone, lietissime nuove dal mondo del piccolo schermo.
Avvicinatevi un po' di più, che vi racconto tutto.
Dovete sapere che sabato pomeriggio, riposto momentaneamente il manuale di Lepri, mi stavo dedicando al mio personale momento di Hakuna Matata: divano tutto per me, casatiello made in Sud, gentile omaggio della trasferta arianese dei miei nonni, amorevolmente affettato e disposto sul piatto, pronto per essere gustato, e in TV, su Rai 5, l'adattamento televisivo della tragedia di Otello, con Vittorio Gassman e Salvo Randone (tra parentesi: vedetelo!). Cioè ... cosa vuoi di più dalla vita?
Ecco qualcosa forse ... sfogliavo allegramente Guida TV, tra una pubblicità e l'altra, e cosa ti vedo?
La programmazione di Iris di questa settimana, che appare più o meno così:

Lunedì 18: Shakespeare in love (ore 21:00)
                  La bisbetica domata (ore 23:20)

Martedì: Romeo + Giulietta (ore 21:00)
               Romeo e Giulietta (ore 23:25)

Mercoledì: Sogno di una notte di mezza estate (ore 21:00)
                  As you like it (ore 23:20)

Giovedì: Otello (ore 21:00)
               Titus (ore 23:25)

Venerdì: West Side Story (ore 21:00)
               Il pianeta proibito (ore 24:00)

Sabato: Riccardo III - un uomo, un re (ore 21:00)
             Shakespeare in love (ore 23:10)

Ovviamente mi sono affrettata a comunicare per tempo a mio fratello come stavano le cose, così adesso ho la TV prenotata per cinque giorni, a partire da domani. Sono stata clemente: Shakespeare in love ha già il suo posticino nella mia videoteca personale, quindi insomma, il primo appuntamento non è esattamente urgente per la sottoscritta. Tuttavia.... tuttavia sto seriamente pensando che in questi giorni potrei fare le ore piccole, voglio dire ... quando ricapita un'occasione così?

Beh, nella speranza che abbiate preso nota e che non mancherete di deliziarvi con questa superfantafavolosa programmazione, vi saluto e ... vi auguro buona visione!


P.S. Controllate il badge dei lettori fissi per assicurarvi di esserci. A volte Blogger gioca spiacevoli tiri mancini.
 


Commenti

  1. Anche io ho visto la programmazione e mi sono venuti gli occhi a cuoricino! *w*
    Il 23 si avvicina u.u

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Giorni di gaudio per noi amanti dell'immenso Will!
      Se fossi stata pratica di codici Html, avrei preparato un countdown.

      Elimina
  2. Bella programmazione!!!Però però però...io alle 23.20 sono a nanna beatamente! Ah già che siamo nel 2016 e anche le tv registrano i programmi...E allora non vedo l'ora anche io di vedere tutto ciò!!!:)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Stanotte lo strappo ho avuto la forza di farlo: il cocktail Shakespeare+Zeffirelli era un richiamo decisamente irresistibile!
      Buona visione e buon divertimento, Nik!

      Elimina
  3. "Romeo ➕ Giulietta" con Leonardo DiCaprio è un film bellissimo😍 come "Shakespeare in love"! E pensare che dopo aver studiato "Romeo e Giulietta" a scuola in inglese, questa tragedia non mi piaceva! Poi complice la gita a Verona ho cambiato idea!💖 Purtroppo alla notte sono crollata, ahah, ma prima o poi guarderò la versione di Zeffirelli! A presto!👋

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho una strana storia con Romeo e Giulietta. E' la prima opera che ho letto di Shakespeare, ma all'epoca non mi aveva entusiasmato più di tanto. Mi riprometto sempre di rileggerla.
      Per "Shakespeare in love" ... STANDING OVATION!!!

      Elimina
  4. Che settimana super shakespeariana! Alla fine sei riuscita a vederli tutti? :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi sono persa solo West Side Story. Ma delle seconde serate l'unico per cui ho fatto le ore piccole è stato "La bisbetica domata".
      Quello che mi è piaciuto di più però è stato sicuramente "Riccardo III".

      Elimina
  5. Che peccato Rosa!!
    Ho letto solo ora il tuo post, e mi sono persa tutti i film:(
    Adoro Shakespere in Love e Una notte di mezza estate non l'ho mai visto.. quindi ci tenevo molto a guardarlo.
    Uffi!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oh Erin, quanto mi dispiace! E' proprio un gran peccataccio.
      Però spesso e volentieri, seppure a distanza di tempo, i film su Iris vengono ritrasmessi.

      Elimina
  6. Eccomi qui, nuova lettrice pronta a scoprire questo posticino che mi sembra un'oasi di serenità! Da ragazzina recitavo in una piccola compagnia teatrale e Shakespeare era uno dei miei preferiti, ADORO As you like it!
    Tornerò di sicuro, sono contenta di essere arrivata fin qui!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Passa pure quando vuoi!
      As you like it non l'ho ancora letto. Anzi, in realtà, sarebbe più esatto dire che non ho letto nessuna delle commedie.
      Sei stata fortunata, deve essere un'esperienza indimenticabile vivere il teatro di Shakespeare in prima persona!

      Elimina
    2. Siiii è stata un'esperienza meravigliosa :)

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

I preferiti, sotto l'albero, e tutto quello che resta da dire del 2018

L'avrete capito, no? È il momento dei listoni e cosa c'è di più banale. Eppure confesserò che a me non disturba poi granché, anzi. C'è qualcosa di così compiuto e perciò di rassicurante in una lista stilata con metodo. Per quanto, detto tra noi (ahi ahi ahi), la vostra Rosa qui presente quest'anno abbia letto una quantità di libri semplicemente miserevole. Non che i numeri significhino molto, okay, però oddio una soglia minima di 15 libri, per buona decenza, uno se la dà.
Invece ecco cosa risulta su Goodreads: You have read 13 of 30 books in 2018.
D'altra parte è vero che una Challenge offre una visione alquanto limitata della faccenda, perché, ad esempio, non tiene conto del fatto che per la prima volta da qualche anno non mi sia capitato neanche un libro veramente brutto brutto brutto o che tra i 13 suddetti sia compresa una delle più grandi narrazioni epiche mai concepite o ancora tre opere di saggistica lette a stralci ma che anche così lasciano un bagaglio rag…

Di cosa parliamo quando parliamo di Vani Sarca | Intervista ad Alice Basso

Ho incontrato Alice Basso il 15 dicembre, a Porto San Giorgio (un freddo demoniaco, ma ne valeva la pena, oh sì), durante una delle ultime presentazioni de La scrittrice del mistero (Garzanti 2018) e, a scanso di equivoci, mi sento in dovere di mettervi sull'avviso: questa donna è, realmente, quello che sembra, un concentrato di energia, il tipo con cui faresti ben volentieri notte fonda parlando sconclusionatamente di roba bellissima che non ti darà da vivere, libri libri libri film libri musica libri libri libri libri (proprio così, in loop). Soprattutto, però, quello che percepisci chiaramente, ascoltandola, leggendo i suoi libri (due racconti e quattro romanzi già pubblicati, più un quinto atteso per maggio), è che dietro il suo lavoro, di editor e di scrittrice, ci sono onestà e competenza in pari misura.
Nel 2013 è nel mondo dell'editoria da dieci anni, un ambiente «per niente asettico» (parola di Alice Basso) in cui succedono le cose più buffe e assurde, perché, molto …

GIACINTA, Luigi Capuana

"Colonnello!" disse la Giacinta, attaccandoglisi familiarmente al braccio e trascinandolo un po' verso la vetrata della terrazza con vivacità fanciullesca. (...) L'una e l'altro non riuscivano per qualche secondo a riattaccare discorso: poi la Giacinta spingeva gli occhi verso il colonnello che aveva ripreso la sua positura, e portando la punta del ventaglio alle labbra, lanciava un ebbene? un e poi? che provocava la risposta.

La mia lettura
Ho avuto un rapporto alquanto complesso con questo romanzo. Ad ogni pagina, per tutto il tempo, sentivo dolorosamente che qualcosa, qualcosa di decisamente importante, mancava. Quando finalmente sono riuscita a riporre ormai letto il libro nel suo angusto posticino nella libreria del mio studio, ho capito. Ho capito cosa non andava. Ma lascerò che sia qualcuno di più adatto allo scopo ad illuminarvi. "In generale mi piace dippiù la prima metà del tuo libro forse perché l'azione è più viva, o almeno è presentata con m…