Passa ai contenuti principali

In love with Shakespeare #1: Reading Challenge

Questa rubrica nasce dal desiderio di raccontarvi una delle mie più grandi passioni.
"Sentirete di atti carnali, sanguinosi e contro natura, di giudizi accidentali, di morti provocati dalla malizia o dalla necessità ... Su tutto posso raccontarvi la verità". 

Oh voi mortali creature che ogni mattina trascinate le vostre esistenze nella brutale mischia del mondo ... uhm, un po' troppo altisonante come inizio?
Vabbe' dai, vi chiedo scusa, mentre voi andate a ripescare le vostre mandibole dal pavimento, mi affretto ad abbassare i toni. Che volete che vi dica, mi sono lasciata prendere la mano, basta il nome William Shakespeare ... e peregrino l'animo fugge via del cor, che lacci più per lui non ha. Ops ... non ditemelo: ci sono cascata di nuovo, eh?
Insomma ... a questo punto avrete capito l'antifona. Quando nella mia presentazione mi definisco innamorata alla follia di Shakespeare sono mortalmente, irrevocabilmente, irrazionalmente seria.
Orbene, ricorderete probabilmente la mia promessa di una rubrica tutta per Will e si da il caso che qualche giorno fa abbia avuto una piccola spinta del tutto inaspettata: The Shakespeare Challenge un'idea di Adele del blog The Book Lawyer.
E NOTATE BENE due sono le particolarità di questa Reading Challenge:
1 L'unico obiettivo è leggere tutte le opere teatrali di W. S.
2 La RC non ha un limite di tempo per raggiungere il suddetto obiettivo.
A mia personale discrezione ho aggiunto un solo punto:
3 Seguire un ordine di genere.
Ah, ho dimenticato qualcosa? Vi presento il mio venerato, imprescindibile bagaglio.


Così mi sono detta: "Rosa, tanto per cominciare, meglio mettere subito le carte sul tavolo".

Beh, al momento, questo per me è il punto della situazione per quanto riguarda le tragedie (escluse le tragedie storiche).

Troilo e Cressida
Coriolano
Tito Andronico
Romeo e Giulietta (in attesa di una rilettura che gli renda maggiore giustizia)
Timone d'Atene
Giulio Cesare
Macbeth
Amleto (ben 4 volte: più lo leggo più lo amo, insomma ... cosa aspettate a leggerlo???)
Re Lear (2 volte: il mio secondo preferito)
Otello (in attesa di essere spulciato fino all'ultima briciola)
Antonio e Cleopatra
Cimbelino
Pericle

E voi, oh gentili spiriti, oh animal benigni (grrrr, mozzati lingua!), che ne dite? Siete pronti a raccogliere la sfida?





Commenti

  1. Mi vergogno un po'a dirlo, ma non ho ancora letto nulla di Shakespeare. Prima o poi rimedierò, lo prometto >.<

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' un dato di fatto. Se sei un lettore appassionato leggi, leggi, leggi ... eppure non leggi mai tutti i libri che vorresti.
      Shakespeare è un autore che va gustato con calma e soprattutto più di una volta: giuro che ogni volta che ho letto l'Amleto l'ho trovato più ricco, con qualcosa in più che non avevo notato in precedenza.
      Ti consiglierei di cominciare le tragedie. Le commedie potranno anche essere più spassose, ma, a mio parere, anche molto più complesse.

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Cosa c'è in agenda? #3

Cosa leggo? Cosa scrivo? Questi sono i punti all'ordine del giorno della mia agenda letteraria. Qui li ricapitoliamo passo passo.
Dolce, malinconico agosto
Vestiti freschi e leggeri, ciabattine infradito, mattine al mare, cornetti Esagerati per gentile concessione Algida, cappelli di paglia, occhiali da sole (che io puntualmente dimentico di portarmi dietro), una capatina (solitamente proficua) alla casetta dei libri, quelle rare ma felici passeggiate con mio fratello lungo il viale alberato che porta all'abbazia (anche se incappiamo sempre in quel cagnaccio che ci abbaia contro e il marciapiede è così malandato che camminare in mezzo alla strada sarebbe più sicuro), le trasferte per seguire i concerti senza biglietto di Edoardo Bennato (ahhhh Biccari, con la  mia plateale caduta in pieno giorno al centro della piazza!).   Ecco, l'estate per me è tutto questo, un mondo intero in una stagione, che alla fin fine si riduce a poche settimane di sole. Un po' come con i fichi…

Quello che non ti aspetti: i miei due anni da book-blogger

Non so come ci sono arrivata.  Ho iniziato perché scrivo. E perché leggo.  E oggi sono due anni.  Ma non è che io sia diventata una persona diversa solo perché ho aperto un blog.  I book-blogger non hanno super-poteri.  Sono ancora una studentessa di lettere moderne che non sa bene cosa fare di se stessa, e non c'è dubbio che sarò sempre la ragazza con la testa fra le nuvole e con il cuore nei libri.  Ho solo trovato un posto dove esserlo liberamente.  E condividerlo con voi. Ecco voi siete quello che non mi aspettavo.
Quei lettori che sono arrivati pian piano, i "silenziosi" e gli "immancabili", quelli che anche con una sola parola, un complimento, un grazie, mi fanno sapere che ci sono e che qualcosa di bello, in fondo, riesco a regalarlo.  Stefania, ricordo ancora con una certa emozione il suo primo commento, che era anche il primo commento in assoluto sul blog, me lo sono trovata lì, sotto il naso, ancora un po' attonita, incredula. Allora scrivevo anco…

Cosa si nasconde dietro la fontana?

Buon lunedì lettori che spasimate per un po' d'aria fresca! Qui da me il tempo è sereno, non così soffocante come ieri (BP stava rischiando di arenarsi), e dalla mia postazione in cucina, fortunatamente, c'è un discreto passaggio di aria.  Oggi, Pip ed io abbiamo bypassato il mare, un salto con mamma e papà a prendersi tutta l'aria condizionata all'ufficio postale, unica cosa carina degna di nota che mi ha strappato un sorriso, due vecchietti che parlottavano sulla presenza nella Bibbia di Satana e, non ci crederete ... della muffa (lo dico io, che dovrei proprio mettermi a leggerne una paginetta alla volta: salta sempre fuori qualcuno con "Hai letto questo?", "Lo sai che?" e tu lì a chiederti sconcertata, allibita - praticamente offesa a livello personale - "Ma davvero?").  Ma di cos'è che dovevo parlarvi oggi? Fatemi ricontrollare gli appunti ... Marone, Kinsella, Morganti, Genova, Liebster Award ... oh sì, ecco qua, vi avevo ac…