Passa ai contenuti principali

Book Shopping Time o ... momenti di estatico masochismo

Breve ma illuminante dialogo fra due creature apparentemente (e solo apparentemente) appartenenti alla stessa specie.
Papà (vocione profondo dal non modificabile impasto abruzzese): "Se avessi dieci euro, cosa ti compreresti da mangiare?".
Io (espressione disgustata da tanta ostentata prosaicità): "Da mangiare?!!!", (tono sognante da lettrice adorante affetta da bibliofilia acuta) "Se ci esce, mi ci compro un libro!".
Papà (ridacchiando - e, lo so!, già ci sta ricamando sopra una bella storiella da raccontare al primo sfortunato che incontrerà per strada): "Hai ripreso tutto da me".
Ecco come stanno le cose, ragazzi.
Le persone si dividono in due categorie: i lettori e i non lettori (sì, sembro un po' papà Gus de Il mio grosso, grasso matrimonio greco).
E ci sono due cose che fanno la suprema, inviolabile felicità di un lettore.
Isolarsi dal mondo reale circostante e immergersi in un mondo letterario non meno reale ...
... e, ma è ovvio: l'ora del Book Shopping!

Dunque, devo ammettere (cuore gongolante, straripante di gioia librosa) che quest'anno si è avviato molto bene su questo fronte ... Ehi, un momento! Ma io non vi ho ancora aggiornato sui miei recenti acquisti!
Rimediamo subito.  

Nuove entrate di gennaio:
Philip Pullman, Queste oscure materie. La trilogia completa
Vanessa Roggeri, Fiore di fulmine
Lorenzo Marone, La tentazione di essere felici
Il mio acquisto più recente vanta la data di ieri, lunedì 7 marzo.
Per poco non mi sono messa a saltellare come un canguro in pieno giorno (ora di punta) nel bel mezzo del centro commerciale.
In lizza per contendersi un posticino tutto per sé nella mia libreria c'erano Sara Rattaro, con Un uso qualunque di te e Joanne Harris, con Chocolat. The Help escluso immediatamente, causa copertina morbida (che posso dire? Se la Mondadori pretende più di dieci euro, allora io pretendo almeno una copertina rigida con sovraccoperta, che diamine!).
Chi delle due, infine, l'avrà spuntata?
Diamo un'occhiata alla mia scrivania in cameretta.


   
Ebbene sì.
Mi sono portata a casa Chocolat.
Ma con Sara ci siamo già chiarite: l'anno prossimo sarà tutto suo!
Oh? Cosa si intravede nella foto?
Beccata. Olga di carta sarà la mia prossima lettura. Ho già accuratamente disposto la carta della barretta Kinder tra le pagine.



E questa notte mi ha tenuto compagnia, vegliando sui miei sogni insieme a Chocolat (adesso che ci penso ... credo di non aver avuto incubi).
Ma, vi rivelerò un segreto non lettori, sapete una cosa?
Il Book Shopping Time non è solo l'ora dell'acquisto libresco. È un momento di estatico masochismo. Ti aggiri tra gli scaffali, incantata come Alice quando seguì il Bianconiglio nel Paese delle Meraviglie e guardi e tocchi e, soprattutto, scopri. Con la consapevolezza, tuttavia, di dover fare, alla fine, una scelta.
Ma per un momento, un magico, estatico momento quei libri li hai tenuti in mano. Oddio, come si racconta l'emozione di tenere un libro fra le mani?
E così i miei scalpitanti polpastrelli hanno sfiorato (finalmente!) Terapia di coppia per amanti, Il cavaliere d'inverno, Le scarpe rosse (accomodato strategicamente sotto Chocolat), Ally nella tempesta, Harry Potter (giurerei di aver visto il severo indice ammonitore di Piton!), ho scoperto un nuovissimo libro di John Boyne Il bambino in cima alla montagna (edito Rizzoli, gennaio 2016), e, devo riconoscerlo, Accadde a Natale di Sarah Morgan, per essere uno di quei libricini rosa sfarfallanti, mi ha incuriosito.
Unica cocente delusione: non ho ancora avuto l'onore di vedere dal vivo Vita degli elfi di Muriel Barbery. Disappunto, notevole disappunto.
Ora che vi ho raccontato tutto nei minimi particolari (e prima che entri in scena una Rosa irrimediabilmente delirante) vi saluto tutti, lettori, non lettori ... e anche tu, tu che leggi di nascosto e non vuoi farti scoprire.

P.S. Messaggio per Stefania L'Annusalibri, in merito alla TopFive numero 61 sui rituali post-acquisto libresco. Ho trovato un altro punto da aggiungere: armarsi di unghie e pazienza per staccare quelle fastidiosissime etichette con il prezzo e grattare via i residui appiccicaticci della colla.       


 

Commenti

  1. Ahaahhaha mi fai morire!
    Che dirti se non che mi interessa tutto ciò che hai citato?!
    Quello che mi ha colpito di più però è Olga di carta!! Non so assolutamente di cosa parli questo libro, lo sai? E non voglio nemmeno saperlo. L'unica certezza è che mi affascina tantissimo e lo voglio leggere quanto prima!
    Ti piace proprio tanto il cioccolato eh? Non si nota mica dai tuoi post^_^ Pazzi chi non lo amano!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Giusto ieri sera, con in mano un cucchiaio di Nutella (ma tu guarda la combinazione!), proponevo a mia madre e mio fratello di andare in pellegrinaggio sulla tomba del suo inventore.
      Va bene, non ti svelerò nulla su "Olga di carta", però sono molto felice di averti permesso di scoprirla.

      Elimina
  2. ahahahah
    Queste oscure materie un giorno sarà mio, per forza! So già anche dove lo metterò sulla libreria! u.u

    Per le etichette (odiose!) ho usato vari metodi, tra cui l'acetone che si è rivelato il più utile, ma bisogna fare molta attenzione u.u

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' da troppo che non inciampo in un bel fantasy con i contrafiocchi, mi aspetto moltissimo da questa saga.
      Le etichette, che piaga!

      Elimina
  3. Bellissimi i tuoi acquisti Rosa :) E ti capisco benissimo quando parli della magica sensazione di aggirarsi fra gli scaffali di una libreria *_*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ecco, vedi, Choco tu mi capisci: purtroppo non tutti parlano fluentemente la lingua librosa.
      Nelle mie ultime volontà scriverò così: seppellitemi in una libreria!

      Elimina
  4. Ciao Rosa, ma che bei acquisti! La tentazione di essere felici l'ho letto tempo fa e come storia lascia il segno anche se Cesare, il personaggio principale, non mi ha fatto impazzire! Sono, invece curiosa di leggere Olga di carta magari aspetto di leggere la tua recensione! Notte!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie per essere passata, Rosa!
      Sto giusto finendo di scrivere la mia ultima recensione arretrata, potrei cominciare a leggere "Olga di carta" anche questo pomeriggio.

      Elimina
  5. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina
  6. *-*
    Chocolat è bellissimo! DEvo decidermi a leggere i seguiti!
    Bramo anch'io "Queste oscure materie" Che bel volumone *-*
    E ovviamente accordo sia la passione per il cioccolato *-* che con l'odio per i fastidiosissimi adesivi con il prezzo. NON DOVETE ROVINARMI LE COPERTINE!!!

    P.s: Sono proprio curiosa di leggere la tua opinione su Olga di carta

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma ciao Muriomu!
      Sai, proprio poco fa, mentre leggevo "Olga di carta" pensavo a te e mi sono detta: "Chissà Muriomu quanto avrà odiato la vecchia, bavosa Cherbia!".
      E il tasso canterino? Quanto mi piacerebbe disquisire amabilmente con lui, intorno ad una bella cenetta.

      Elimina
    2. Lo hai terminato? Voglio sapere se ti è piaciuto quanto è piaciuto a me.
      Il tasso l'ho adorato si, mi sarebbe piaciuto conoscerlo.
      Cherbia proprio odiata no, però me la sono immaginata come una persona che conosco XD

      Elimina
    3. L'ho quasi finito. La mia amata Elisabetta Gnone non delude mai.
      Se tutto va bene (mi rimetto nelle mani di quella canaglia di BP), potrei riuscire a scrivere la recensione nei prossimi giorni.

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

2017: tiriamo le somme

Fare un bilancio, per come la vedo io, significa essere onesti con se stessi e vedere un po' che si è combinato. Niente bluff. Ecco perché è un casino. Fuori di qui, resto sempre quella tipa lì, la nichilista, pseudo-romantica studentessa fuori corso (è il caso di festeggiare, sono entrata ufficialmente nel terzo anno già da un paio di mesi, mica uno scherzo) che va a letto con gli incubi, all'idea di avere tutta una tesi da scrivere, per non dire di un futuro nella grande spaventevole giostra del mondo in cui ancora non riesce a visualizzarsi. Passi avanti? Oh dai, ne abbiamo fatti. Per esempio, sul libretto, la mia carriera è ormai a un punto di non ritorno: tre firme ancora da apporre, gli ultimi tre esami, tre esami e puoi quasi dire di aver passato il primo step. Con quel pizzico di immaginazione che certo non ti manca puoi sentire fin qui la voce del presidente di commissione dichiararti dottoressa. Fa il suo effetto, perché negarlo. Un rito di passaggio deve fare il su…

GIACINTA, Luigi Capuana

"Colonnello!" disse la Giacinta, attaccandoglisi familiarmente al braccio e trascinandolo un po' verso la vetrata della terrazza con vivacità fanciullesca. (...) L'una e l'altro non riuscivano per qualche secondo a riattaccare discorso: poi la Giacinta spingeva gli occhi verso il colonnello che aveva ripreso la sua positura, e portando la punta del ventaglio alle labbra, lanciava un ebbene? un e poi? che provocava la risposta.

La mia lettura
Ho avuto un rapporto alquanto complesso con questo romanzo. Ad ogni pagina, per tutto il tempo, sentivo dolorosamente che qualcosa, qualcosa di decisamente importante, mancava. Quando finalmente sono riuscita a riporre ormai letto il libro nel suo angusto posticino nella libreria del mio studio, ho capito. Ho capito cosa non andava. Ma lascerò che sia qualcuno di più adatto allo scopo ad illuminarvi. "In generale mi piace dippiù la prima metà del tuo libro forse perché l'azione è più viva, o almeno è presentata con m…

Qualcosa si è mosso | Da SCRIVERE È UN MESTIERE PERICOLOSO a NON DITELO ALLO SCRITTORE, Alice Basso

La mia lettura
Bene. Io direi che tre giorni passati a sghignazzare di segreta soddisfazione, in una posa a metà tra genio del male che trama nell'ombra e ragazzina delle medie alla prima cotta, possono anche bastare. Adesso ricomponiamoci un attimo, per amor del cielo, e cerchiamo di affrontare la situazione con la serietà che merita. Niente di insostenibile, state sereni. Perché la storia di cui parliamo è pur sempre, fondamentalmente, una storia adorabile. Si ride sotto i baffi, ci si commuove il giusto, si annuisce con quel pizzico di consapevole malinconia, ma soprattutto ci si innamora, di brutto. (E poi non venitemi a dire che non vi avevo avvertito).

Per la serie dove eravamo rimasti, ricapitoliamo: epica vendetta ai danni di capo schiavista calcolatore e di ex fidanzato stronzo opportunista. Yeah. Uno a zero per Vani Sarca, signori, che dal finale del primo libro esce trionfante come una Erinni dei reietti, in mano un nuovo contratto rimpolpato da un sacrosanto aumento, u…