Passa ai contenuti principali

Tweeting about books #1

Questa rubrica nasce da un'idea estemporanea. Insomma mi è venuta proprio di punto in bianco.
Un minuto prima non c'era e adesso ... eccomi, buttata giù dal letto, a scrivere, miei cari lettori.

Ora, dovete sapere, quando ancora muovevo i miei primi passi su Twitter (in assoluto il primo social su cui ho costruito un account personale - all'epoca aborrivo Facebook, ma ancora oggi resto comunque dell'idea che Twitter sia organizzato in maniera più razionale) non avevo esattamente una vita social entusiasmante ... finché non ho trovato @CasaLettori.
La cosa davvero curiosa è che questa meravigliosa, calda, accogliente Casa per i lettori era praticamente appena nata (proprio come me!). E così ho iniziato a deliziarmi di cinguettii letterari, tweet-interviste, contest, hashtag giornalieri ... tutto all'insegna dell'amore per la lettura.
Ma, vorrete dunque sapere a questo punto, cos'è @CasaLettori?
Ecco @CasaLettori è uno spazio di condivisione di esperienze di lettura, ideato e gestito da Maria Anna Patti, che spesso crea piccoli, grandi incontri con autori, a cui è possibile partecipare liberamente su Twitter (vi garantisco, per esperienza, la massima disponibilità da parte di organizzatori e collaboratori a rispondere a domande e curiosità di tutti in tempo reale).
Un'altro tipo di evento letterario che ho avuto modo di sbirciare in questi giorni è anche la #letturacondivisa: attraverso citazioni, pensieri propri, eventuali domande, notizie sull'autore/autrice si ricostruisce brevemente la trama di un libro (di solito fresco di uscita)  nei suoi passaggi fondamentali.
In questa rubrica dunque sarà mia cura e premura tenervi informati (e tempestivamente aggiornati, in caso di possibili imprevisti) sul calendario di questi incontri.
Iniziamo subito.
Oggi, alle 18:00, è prevista la #letturacondivisa di Non adesso per favore (qui la sinossi) di Annalisa De Simone.
Inoltre è prevista, in data ancora da definirsi, una #letturacondivisa, rullo di tamburi ... de La tristezza ha il sonno leggero, il nuovo romanzo di Lorenzo Marone, che in pochi giorni sta già dilagando nel web e fra i lettori.
State tranquilli, non vi agitate: in questi giorni sto scandagliando il profilo di @CasaLettori metodicamente, ossessivamente in cerca del tweet tanto atteso che mi illumini su data e ora.

Molto bene, per il momento queste sono le notizie di cui sono in possesso, ma se dovesse arrivarmi qualche news dell'ultimo minuto provvederò ad avvisarvi subitaneamente.
Quindi, se vi va, io vi aspetto questa sera con @CasaLettori @MarsilioEditori e @annalisadesi (non so dire con certezza, tuttavia, se l'autrice interverrà o meno) per questa nuova proposta di lettura.

Auguro a tutti voi una buona giornata e buone letture.



Commenti

  1. Ciao Rosa! Che bella idea hai avuto!!! Amo le letture condivise penso che siamo molto stimolanti!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille!
      Mi fa molto piacere che abbiate accolto con tanto entusiasmo questa nuova rubrica. Anzi, non so proprio come mai non mi sia venuto in mente prima di condividere con voi queste esperienze così interessanti.

      Elimina
  2. Ciao Rosa! Che bella idea hai avuto!!! Amo le letture condivise penso che siamo molto stimolanti!

    RispondiElimina
  3. Bellissimo Rosa! Geniale idea! Non conoscevo né una né l'altra quindi grazie della segnalazione. L'idea della lettura condivisa mi interessa tantissimo..vado subito a vedere in prima persona!! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono molto molto contenta di farti scoprire qualcosa di nuovo.
      Consiglio davvero di cuore a tutti di fare un salto qualche volta a questi incontri. Ne vale la pena.
      E, ovviamente, grazie Nik.

      Elimina
  4. Rosa, lo dico io che sei una boccata d'aria fresca! Brava!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oh ma che bello! Sei carinissima Nunzia.
      Spero sinceramente di continuare a meritare un complimento così lieto.
      Nei prossimi giorni vi farò un resoconto dettagliato di questo incontro.

      Elimina
  5. Rosa non sapevo fossi su twitter! Ti ho subito aggiunta. Seguo le iniziative di CasaLettori da un po' sono sempre interessanti e danno modo di condividere il proprio amore per i libri con chi lo capisce e nutre a sua volta.

    RispondiElimina
  6. Oddio, Muriomu, devo proprio ringraziarti!
    Ho appena realizzato (orrore!) che non ero ancora una tua follower.
    In effetti non ho indicato il mio profilo twitter nello spazio social, ma solo per coerenza, visto che aggiorno lo status del blog in maniera diligente solo su Facebook.

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

2017: tiriamo le somme

Fare un bilancio, per come la vedo io, significa essere onesti con se stessi e vedere un po' che si è combinato. Niente bluff. Ecco perché è un casino. Fuori di qui, resto sempre quella tipa lì, la nichilista, pseudo-romantica studentessa fuori corso (è il caso di festeggiare, sono entrata ufficialmente nel terzo anno già da un paio di mesi, mica uno scherzo) che va a letto con gli incubi, all'idea di avere tutta una tesi da scrivere, per non dire di un futuro nella grande spaventevole giostra del mondo in cui ancora non riesce a visualizzarsi. Passi avanti? Oh dai, ne abbiamo fatti. Per esempio, sul libretto, la mia carriera è ormai a un punto di non ritorno: tre firme ancora da apporre, gli ultimi tre esami, tre esami e puoi quasi dire di aver passato il primo step. Con quel pizzico di immaginazione che certo non ti manca puoi sentire fin qui la voce del presidente di commissione dichiararti dottoressa. Fa il suo effetto, perché negarlo. Un rito di passaggio deve fare il su…

GIACINTA, Luigi Capuana

"Colonnello!" disse la Giacinta, attaccandoglisi familiarmente al braccio e trascinandolo un po' verso la vetrata della terrazza con vivacità fanciullesca. (...) L'una e l'altro non riuscivano per qualche secondo a riattaccare discorso: poi la Giacinta spingeva gli occhi verso il colonnello che aveva ripreso la sua positura, e portando la punta del ventaglio alle labbra, lanciava un ebbene? un e poi? che provocava la risposta.

La mia lettura
Ho avuto un rapporto alquanto complesso con questo romanzo. Ad ogni pagina, per tutto il tempo, sentivo dolorosamente che qualcosa, qualcosa di decisamente importante, mancava. Quando finalmente sono riuscita a riporre ormai letto il libro nel suo angusto posticino nella libreria del mio studio, ho capito. Ho capito cosa non andava. Ma lascerò che sia qualcuno di più adatto allo scopo ad illuminarvi. "In generale mi piace dippiù la prima metà del tuo libro forse perché l'azione è più viva, o almeno è presentata con m…

Qualcosa si è mosso | Da SCRIVERE È UN MESTIERE PERICOLOSO a NON DITELO ALLO SCRITTORE, Alice Basso

La mia lettura
Bene. Io direi che tre giorni passati a sghignazzare di segreta soddisfazione, in una posa a metà tra genio del male che trama nell'ombra e ragazzina delle medie alla prima cotta, possono anche bastare. Adesso ricomponiamoci un attimo, per amor del cielo, e cerchiamo di affrontare la situazione con la serietà che merita. Niente di insostenibile, state sereni. Perché la storia di cui parliamo è pur sempre, fondamentalmente, una storia adorabile. Si ride sotto i baffi, ci si commuove il giusto, si annuisce con quel pizzico di consapevole malinconia, ma soprattutto ci si innamora, di brutto. (E poi non venitemi a dire che non vi avevo avvertito).

Per la serie dove eravamo rimasti, ricapitoliamo: epica vendetta ai danni di capo schiavista calcolatore e di ex fidanzato stronzo opportunista. Yeah. Uno a zero per Vani Sarca, signori, che dal finale del primo libro esce trionfante come una Erinni dei reietti, in mano un nuovo contratto rimpolpato da un sacrosanto aumento, u…