Passa ai contenuti principali

Cosa si nasconde dietro la fontana?

Buon lunedì lettori che spasimate per un po' d'aria fresca!
Qui da me il tempo è sereno, non così soffocante come ieri (BP stava rischiando di arenarsi), e dalla mia postazione in cucina, fortunatamente, c'è un discreto passaggio di aria. 
Oggi, Pip ed io abbiamo bypassato il mare, un salto con mamma e papà a prendersi tutta l'aria condizionata all'ufficio postale, unica cosa carina degna di nota che mi ha strappato un sorriso, due vecchietti che parlottavano sulla presenza nella Bibbia di Satana e, non ci crederete ... della muffa (lo dico io, che dovrei proprio mettermi a leggerne una paginetta alla volta: salta sempre fuori qualcuno con "Hai letto questo?", "Lo sai che?" e tu lì a chiederti sconcertata, allibita - praticamente offesa a livello personale - "Ma davvero?"). 
Ma di cos'è che dovevo parlarvi oggi? Fatemi ricontrollare gli appunti ... Marone, Kinsella, Morganti, Genova, Liebster Award ... oh sì, ecco qua, vi avevo accennato qualcosa nell'ultimo post, dunque, sono incredibilmente, spropositatamente orgogliosa di dirvi ... che da lunedì 27 giugno nella mia piccola città ahimè senza libreria è stata istituita ufficialmente una Piazza dei Lettori. 
Ora beh, si fa presto quando si tratta di nomi, poi bisogna vedere un po' meglio, un po' più da vicino la realtà dei fatti. 
La Piazza dei Lettori nasce come luogo dedicato ovviamente alla lettura, ai libri, ai lettori (qui, onestamente, non ne conosco nessuno personalmente, chissà dove si nascondono?) e il posto è ... è carinissimo, davvero, e l'idea, ciò che da un senso a questa semplice istituzione, è che nella casetta dei libri (se da qualche metro prima, guardi davanti a te, appena un po' sulla sinistra, la vedi distintamente dietro la fontana, in un piccolo spazio quadrangolare che somiglia moltissimo al tuo giardino dietro casa), chiunque, in qualsiasi momento, si trovi a passare di qui, può e deve trovare dei libri.  Insomma, il punto è che tutti posso prendere liberamente un libro dalla minuscola casetta dei libri, nessuno ti rincorrerà perché non hai tirato fuori i soldi, non servono, perché quello che serve alla casetta per esistere è altro: i libri! Quindi, è chiaro, no? Prendi un libro, lasci un libro: semplice, chiaro, indolore. 
Ma, come io e il mio socio (nonché fratello) Pip abbiamo potuto amaramente constatare solo l'altro giorno, il concetto sembrerebbe non essere ancora entrato a pieno diritto nelle coscienze dei nostri concittadini. 
Io mi stavo concentrando sui titoli da prendere in considerazione, quando due ragazzine ci sono sguisciate davanti, hanno preso bellamente in mano un libricino e bellamente se ne sono andate. Pip ed io ci siamo scambiati uno sguardo e abbiamo pensato tutti e due la stessa cosa: "Ecco qua, non è cambiato niente dall'anno scorso!". 
Sì, perché tutto ebbe inizio da quel giorno dell'estate passata, quando Mami mi lanciò questa bella notizia: una brava donna aveva pensato di lanciare qui da noi l'iniziativa "Libera un libro", in cui per due giorni tutti potevano andare in giro per la cittadina in cerca di libri (un po' una caccia al tesoro) da scambiare con i propri. Tutto bello ed eccitante, certo, peccato che nessuno avesse capito lo spirito di questa intelligente iniziativa: forse causa (ma non scusante) l'allettante biglietto allegato ad ogni pacco che recitava "Prendi questo libro, è tuo!", sta di fatto che nessuno ha pensato a questa semplicissima, naturale possibilità: "Ehi, un momento! Se io lascio un libro e tu lasci un libro e lui/lei lascia un libro ... fra qualche giorno potrei trovare qualcos'altro di bello!". 
E invece ... no, guardate, non voglio neanche parlarne, sennò divento rossa di un rosso incandescente per l'imbarazzo. 
Quest'anno questa stessa brava donna si è nuovamente armata di coraggio (guadagnandosi tutta la mia stima e la mia ammirazione) e ha messo su questa Piazza con la casetta dei libri (che a me ricorda un grande orologio a cucù). Ecco, io posso dire che da parte mia, avrà tutto il sostegno possibile. 
Sostegno che mi sono già preoccupata di dispensare, come vi dicevo poco più su (e che dispenserò ancora nel corso delle settimane venture, a piccole, misurate dosi). 
Dunque, cosa mai avrò scambiato, per la prima volta, nella mia appena trovata casetta ideale?

Questo ...


... con questo!


Vi faccio notare la mia soddisfatta, sorniona espressione! 
Qui, devo ringraziare le numerose bookblogger che hanno scritto tanto bene di Andrea Vitali, così che quando mi è saltato all'occhio, ho capito all'istante che doveva essere MIOOOOO. 

Per il momento è tutto da F (provincia di Chieti), città al momento poco librosa, ma che, si spera, possa vedere tempi migliori.  


Commenti

  1. Che bella iniziativa!
    E come al solito le persone sanno come sfruttarla .-.
    Penso che anche da me succederebbe lo stesso, ma qui neanche ci pensano a fare qualcosa del genere...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti quando ho sentito di questa proposta ho avuto un sacco di dubbi, ma sono fiduciosa, e da qualche parte bisogna pur iniziare: c'è da sperare che con un po' di organizzazione e con un po' di tempo, la gente riuscirà finalmente ad aprire gli occhi.

      Elimina
  2. bella bella bellissima iniziativa *_*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Manna per noi lettori voraci!
      Spero di fare altre belle scoperte.

      Elimina
  3. Ciao Rosa, l'iniziativa è davvero bella, peccato, come dici tu, che le persone non abbiano ancora capito che nella vita non si può sempre essere furbetti. Tristezza infinita! Ogni mondo è paese.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tristezza sì, tanta tristezza!
      Purtroppo l'unica lingua parlata correntemente in Abruzzo è il porchettese.

      Elimina
    2. Abruzzo ♥ io ho un pezzo di cuore mio lì, Teramo, Montorio al Vomano, Roseto ♥

      Elimina
    3. Roseto è abbastanza vicino a me, ma non ci sono mai stata.
      Se capiti qui un'altra volta non devi perderti la costa dei trabocchi: chissà, potremmo anche incontrarci!

      Elimina
  4. Bellissima iniziativa, sarebbe bello riuscire a realizzare un onesto scambio di libri. Hai fatto bene a scegliere un romanzo di Vitali, sarà sicuramente una lettura piacevolissima :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Era un po' che volevo buttarmi su Vitali, un'occasione così non potevo proprio farmela sfuggire!
      E la casa dei libri ... è un'invenzione stupenda!

      Elimina
  5. Rosa ciao! Uh anche qui nella piazza della chiesa, di fronte al comune quella casetta lì è piena di....harmony!!!! Signur mi sono detta ma che cavolo, sarebbe bello scambiare qualcosa di decente no? Ok io qualche erotico e libro d'amore lo leggo pure, ma gli harmony no! Mai e poi mai! Quindi ho rinunciato...Tu devo dire che hai fatto un ottimo scambio, La signorina Tecla Manzi ti farà ridere.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dio ce ne scampi! Tutto, ma gli Harmony ... NO! Insomma, esistono dei limiti, no?
      In effetti l'anno scorso giravano proprio romanzetti della suddetta risma e il mio entusiasmo è leggermente calato ... stavolta però ho notato con immenso piacere
      libri di una certa qualità.

      Elimina
  6. che belle queste iniziative, e tu hai fatto un ottimo scambio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Uuuuh che bello, è venuta a trovarmi Chiara Ropolo!
      E sì iniziative così, mi fanno sentire proprio carica di euforia!!!

      Elimina
  7. Bellissima iniziativa, peccato che ci sia sempre qualcuno che vuole fare il furbetto danneggiando la piacevolezza dello scambio! Non ho mai letto nulla di Vitali ma ne sento sempre parlar bene :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Benvenuta Ariel!
      Eh sì, anche per me questo sarà il primo faccia a faccia con Vitali: ho buone aspettative!

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

2017: tiriamo le somme

Fare un bilancio, per come la vedo io, significa essere onesti con se stessi e vedere un po' che si è combinato. Niente bluff. Ecco perché è un casino. Fuori di qui, resto sempre quella tipa lì, la nichilista, pseudo-romantica studentessa fuori corso (è il caso di festeggiare, sono entrata ufficialmente nel terzo anno già da un paio di mesi, mica uno scherzo) che va a letto con gli incubi, all'idea di avere tutta una tesi da scrivere, per non dire di un futuro nella grande spaventevole giostra del mondo in cui ancora non riesce a visualizzarsi. Passi avanti? Oh dai, ne abbiamo fatti. Per esempio, sul libretto, la mia carriera è ormai a un punto di non ritorno: tre firme ancora da apporre, gli ultimi tre esami, tre esami e puoi quasi dire di aver passato il primo step. Con quel pizzico di immaginazione che certo non ti manca puoi sentire fin qui la voce del presidente di commissione dichiararti dottoressa. Fa il suo effetto, perché negarlo. Un rito di passaggio deve fare il su…

Qualcosa si è mosso | Da SCRIVERE È UN MESTIERE PERICOLOSO a NON DITELO ALLO SCRITTORE, Alice Basso

La mia lettura
Bene. Io direi che tre giorni passati a sghignazzare di segreta soddisfazione, in una posa a metà tra genio del male che trama nell'ombra e ragazzina delle medie alla prima cotta, possono anche bastare. Adesso ricomponiamoci un attimo, per amor del cielo, e cerchiamo di affrontare la situazione con la serietà che merita. Niente di insostenibile, state sereni. Perché la storia di cui parliamo è pur sempre, fondamentalmente, una storia adorabile. Si ride sotto i baffi, ci si commuove il giusto, si annuisce con quel pizzico di consapevole malinconia, ma soprattutto ci si innamora, di brutto. (E poi non venitemi a dire che non vi avevo avvertito).

Per la serie dove eravamo rimasti, ricapitoliamo: epica vendetta ai danni di capo schiavista calcolatore e di ex fidanzato stronzo opportunista. Yeah. Uno a zero per Vani Sarca, signori, che dal finale del primo libro esce trionfante come una Erinni dei reietti, in mano un nuovo contratto rimpolpato da un sacrosanto aumento, u…

GIACINTA, Luigi Capuana

"Colonnello!" disse la Giacinta, attaccandoglisi familiarmente al braccio e trascinandolo un po' verso la vetrata della terrazza con vivacità fanciullesca. (...) L'una e l'altro non riuscivano per qualche secondo a riattaccare discorso: poi la Giacinta spingeva gli occhi verso il colonnello che aveva ripreso la sua positura, e portando la punta del ventaglio alle labbra, lanciava un ebbene? un e poi? che provocava la risposta.

La mia lettura
Ho avuto un rapporto alquanto complesso con questo romanzo. Ad ogni pagina, per tutto il tempo, sentivo dolorosamente che qualcosa, qualcosa di decisamente importante, mancava. Quando finalmente sono riuscita a riporre ormai letto il libro nel suo angusto posticino nella libreria del mio studio, ho capito. Ho capito cosa non andava. Ma lascerò che sia qualcuno di più adatto allo scopo ad illuminarvi. "In generale mi piace dippiù la prima metà del tuo libro forse perché l'azione è più viva, o almeno è presentata con m…