Passa ai contenuti principali

Novità dalla bibliosfera #9

Rubrica in cui, ogni fine mese, vi terrò aggiornati su titoli, autori emergenti, voci di corridoio (etc) legati al mondo dei libri. Perché ogni buon lettore che si rispetti ... tiene sempre gli occhi aperti.

Zzzz ... zzzz ...
Uhm? Sono sveglia, sono sveglia, giuro che s ... zzzz ... zzzzzz ...
Sbadiglioso buongiorno a voi, lettori!
Sì, ho la testa leggermente ciondolante e un occhio mezzo chiuso, ma ci sono, eh (più o meno).
Il guaio è che stanotte anche con le finestre aperte non passava un filo d'aria, ho provato tutte e tre le posizioni, fianco destro, pancia in su, fianco destro, pancia in su ... fianco sinistro? Niente. Fianco destro ... alla fine ci alziamo tutti quanti alle 2:40, mettiamo qualcosa da bere al fresco, zapping notturno, alle 3:00 in punto scongeliamo il cartone di succo e ce lo scoliamo fino all'ultima, preziosa, linfatica goccia.
Torniamo faticosamente a letto.
A occhio e croce mi sarò aggiudicata forse quattro ore del tempo dell'avaro Morfeo.
Oggi però, dopo un balzo di un mese, torna la rubrica dedicata alle ultimissime novità letterarie, quindi, forza e coraggio, rimbocchiamoci le maniche, e vediamo un po' cosa ci hanno portato di bello le Case Editrici.
Ecco qua, visto? Ora che si arriva al momento clou sono di nuovo tutta pimpante!    

Spazio emergenti

Protagonista di questo piccolo spazio mensile, questa volta, è Ugo Cirilli, autore di un curioso esperimento di narrativa e musica, da cui viene fuori Un accordo maggiore in sottofondo, un romanzo di formazione degli anni 2000.

Il protagonista del romanzo è Stefano B., un giovane musicista che accoglie i lettori con una singolare premessa: quello che leggeranno è un diario da lui redatto in un periodo complicato della sua vita, quando si trovava in un luogo lontano da casa per "riordinare le idee".
Di che luogo si tratta? Che direzione ha preso la carriera di Stefano?

L'io narrante, nel suo diario, arriverà gradualmente a svelare tutti i particolari del suo percorso. Scopriremo che il successo di Stefano ha avuto origine da un brano musicale caricato quasi per scherzo su YouTube, la cui eco è giunta a un'etichetta discografica di livello nazionale, decisa a fare di lui un enigmatico dj. Così, il protagonista racconterà la girandola di movimentate esibizioni, apparizioni televisive, mondanità ridicole e incontri con personaggi chiave che lo ha travolto, conducendolo verso un epilogo inatteso. Parallelamente al racconto degli esordi, Stefano lascia trapelare qualche indizio sul luogo in cui si trovava, quando scriveva il diario; un elemento che introduce un lieve grado di suspense, fino al finale in cui tutto sarà chiaro.

Ugo Cirilli

Sono nato nel 1985 a Pietrasanta (LU), in Toscana.
Appassionato lettore fin dall’infanzia, ho conseguito la maturità classica e mi sono laureato in Psicologia Cognitiva Applicata. Negli anni, tra esperienze nel settore della comunicazione online e live come chitarrista di band più o meno stravaganti, mi sono cimentato spesso nella difficile, ma meravigliosa arte di scrivere.
Parallelamente ho continuato ad approfondire le tematiche della psiche umana, del benessere psicofisico e della prevenzione dello stress.
Tutti i miei interessi sono confluiti, in qualche modo, nella trama del mio romanzo “Un accordo maggiore in sottofondo”.

Per la realizzazione di questo progetto, attualmente ancora in corso, Ugo Cirilli ha scelto di affidarsi al portale Bookabook, su cui è attiva una compagna di crowdfonding per arrivare alla pubblicazione del romanzo. Qui potete trovare la pagina con l'anteprima (ancora priva di lavoro di editing) e lo specchietto con tutte le informazioni relative allo stato attuale della campagna.
Per chiunque fosse interessato a contribuire, vi ricordo che il termine ultimo è previsto per 25 ottobre 2016 e che, in caso di fallimento, la piattaforma provvederà a restituire ad ogni sostenitore l'importo versato.  

Il meglio del mese

Monica Wood
Piccole sorprese sulla strada della felicità
Sperling & Kupfer

Sinossi: 
«Per un attimo sentì di non essere ancora nata, come se la sua lunga vita fosse stata solo una prova prima dello spettacolo vero e il sipario stesse per alzarsi.»
La signorina Ona Vitkus ha vissuto una vita riservata e ineccepibile, i suoi segreti – e le sue pene – celati con cura a occhi indiscreti. 
Questo finché non arriva lui, il bambino insolito con la passione per i Guinness dei primati. 
Lei ha 104 anni, lui soltanto 11. 
Da bravo boy scout, dovrebbe semplicemente aiutarla nei lavori di casa ogni sabato, ma con la sua curiosità e il suo entusiasmo contagioso infrange pian piano la scorza diffidente e un po' burbera di Ona, riuscendo a farla parlare di sé, a cominciare da quelle lontane origini lituane, e persino a coinvolgerla in un progetto singolare: farle vincere il record di «Automobilista patentata più anziana».
Ona, che nel suo secondo secolo di vita credeva di avere ormai chiuso con l'amicizia, è conquistata da quel ragazzino con l'aria fragile e buffa che la fa sentire speciale. 
Ed è profondamente delusa quando quei sabati fatti di faccende domestiche, racconti e lezioni di guida s'interrompono di colpo. Passa un sabato, poi un altro: del bambino, nessuna traccia.
Fino a quando si presenta a casa sua uno sconosciuto, un uomo di nome Quinn. 
È il padre del ragazzino ed è lì per completare quello che suo figlio aveva iniziato prima di essere strappato alla vita troppo presto.
Da quel momento, Ona si ritroverà alle prese con i sensi di colpa di un padre, con il dolore di una famiglia spezzata, con un inatteso viaggio on the road che diventa un viaggio dell'anima. 
Perché quella vita che le ha riservato più schiaffi che carezze ha ancora qualcosa di bello da regalarle.
E, soprattutto, perché lei ha ancora tanto da offrire a chi ha smesso di sperare nella magia inattesa del destino.


Cristovão Tezza
La caduta delle consonanti intervocaliche
Fazi Editore

Sinossi: 
La caduta delle consonanti intervocaliche, avvenuta tra il X e l’XI secolo nella regione dove sarebbe poi nato il Portogallo, è il fenomeno linguistico che ha cominciato a separare il portoghese dallo spagnolo. Un passaggio importante per Heliseu da Motta e Silva, professore brasiliano di filologia romanza: la nascita della sua lingua, il fondamento del suo lavoro e, curiosamente, anche il motivo per cui ha conosciuto sua moglie.
Ormai in pensione, Heliseu si sveglia il giorno in cui l’università si appresta a omaggiarlo e inizia a preparare mentalmente il discorso di ringraziamento. Alla sua età, s’impone un bilancio. Ed ecco allora venirgli in mente la possibilità di ripercorrere la propria carriera attraverso gli avvenimenti, anche quelli più intimi, di un’esistenza apparentemente perfetta: l’inizio negli anni Sessanta, quando il paese (come il resto del mondo) era tutto un fermento libertario; il matrimonio con Mônica, il figlio maschio, lo stipendio fisso, il bell’appartamento, gli inizi della dittatura, l’infatuazione per una giovane dottoranda francese, la pubblicazione importante e, infine, il buen ritiro tranquillo e soddisfatto di chi ha avuto una vita piena.
Ma è andata veramente così? Nell’organizzazione del ricordo, dei ricordi, nella scelta delle cose da dire e da tacere, si insinuano continuamente dubbi, altre possibilità di racconto, deviazioni nella narrazione. Di perfetto, nella vita di Heliseu, c’è ben poco. Il disprezzo dei colleghi, l’estraneità del figlio, la tragica morte della moglie: tra fallimenti, mistificazioni, sensi di colpa, è andato tutto storto, ed è il momento di riconoscerlo. In questo romanzo toccante, di grande bellezza e di sottile poesia, Cristovão Tezza ci racconta con grande maestria una storia universale: la storia della nostra umana incapacità alla vita.


Carmela Scotti
L'imperfetta
Garzanti

Sinossi:
Nessuno può rubare la libertà a chi la custodisce dentro di sé.

Notte e giorno dicevo nella testa le parole dei libri di mio padre. Le avevo tutte nella memoria, nessuno può rubare i pensieri senza peso, sottrarli nel sonno a chi li tiene stretti.

Per Catena la notte è sempre stata un rifugio speciale. Un rifugio tra le braccia di suo padre, per disegnare insieme le costellazioni incastonate nel cielo, imparare i nomi delle stelle più lontane e delle erbe curative, leggere libri colmi di storie fantastiche. Ma da quando suo padre non c'è più, Catena ha imparato che la notte può anche fare paura e può nascondere ombre oscure. L'ombra delle mani della madre che la obbligano al duro lavoro nei campi e le impediscono di leggere, quella degli occhi gelidi e inquieti dello zio che la inseguono negli angoli più remoti della casa. Le sue sorelle sembrano non vederla più, ormai è la figlia imperfetta e il ricordo del calore dell'amore di suo padre non basta a riscaldare il gelo nelle ossa. Catena ha solo sedici anni e decide che non vuole più avere paura. E l'ultima notte nella sua vecchia casa si colora del rosso della vendetta. Poi, la fuga nel bosco, dove cerca riparo con la sola compagnia dei suoi amati libri. È grazie a loro e agli insegnamenti del padre che Catena riesce a sopravvivere nella foresta. Ma nel suo rifugio, fatto di un cielo di foglie e di rami intrecciati, la ragazza non è ancora al sicuro. La stanno cercando e per salvarsi Catena deve ridisegnare la sua vita, la vita di una bambina che è dovuta crescere troppo in fretta, ma che può ancora amare di un amore, forse imperfetto, ma forte come il vento. Con questo romanzo potente, finalista al prestigioso Premio Calvino, Carmela Scotti ci guida al cuore di una storia antica e insieme attualissima, illuminata da un'intensa e affilata voce femminile. La storia di una ragazza coraggiosa e troppo sola. Della sua voglia di vivere contro tutti e tutti. Di una stella che continua a brillare anche in un cielo coperto di nuvole. 


Veronica Veci Carratello
Freezer 
Bao Publishing

Sinossi:
Una saga familiare deliziosamente tratteggiata, un cast eclettico e perfettamente caratterizzato, con tanto di vicini ficcanaso, equivoci che coinvolgono la polizia, dating online che finisce malissimo, l'attesa spasmodica e terrorizzata del menarca da parte di una ragazzina ansiosa e un gatto che tenta ripetutamente il suicidio. Questo nuovo libro di Veronica "Veci" Carratello è irresistibile!


In arrivo



Dal 12 settembre
Qui la sinossi


Dal 1 settembre
Qui la sinossi


Dal 6 settembre
Qui la sinossi


Del nuovo romanzo di Stephenie Meyer
è prevista l'uscita dell'edizione originale
il 15 novembre
Qui la sinossi

(Se sentite un vago rumorio di sottofondo sono io: ancora aspetto il seguito de L'ospite).

Recensioni nel cuore

Ambulatorio 62, l'inchiostro che parla di cancro di Ivan Caldarese dal blog Desperate Bookswife
Olivia di Paola Calvetti dal blog Due lettrici quasi perfette
Cuori di carta di Elisa Puricelli Guerra dal blog Gli Alberi da Libro

Eh ragazzi, questo mese è stato proprio impossibile sceglierne una sola!

News in blogging

Audrey in Wonderland
Mr Ink: Diario di una dipendenza
L'angolo di Ariel
La lettrice sulle nuvole

Yawwwwnnn! 
Ops scusate, colpo di sonno. 
Okay, per questo mese è tutto dalla bibliosfera, spero di avervi dato qualche spunto utile per i vostri acquisti libreschi. Oh! E non mancate di visitare i blog proposti, davvero, sono uno più bello dell'altro.  

Ciao a tutti, 
godetevi le vacanze estive (o quel che ne rimane) e, mi raccomando, almeno per un'oretta al giorno trovate un bel posto all'ombra, con un po' di venticello, una bibita fresca ... e un buon libro, naturalmente! 



Commenti

  1. Anche io aspetto ancora il seguito de L'ospite! Il libro che più mi incuriosisce fra questi elencati è L'imperfetta, già solo per il titolo. Grazie mille per la segnalazione del mio angolino

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi sa che di questo passo ci toccherà firmare una petizione per avere finalmente questo benedetto seguito!
      Su "L'imperfetta" ho tante belle speranze, i libri con quell'aura di mistero e magia fanno sempre colpo su di me.
      E ovviamente sono felicissima di poter dare anche solo un minuscolo contributo al tuo blog, visto che l'affetto c'è già tutto!

      Elimina
  2. Verissimo Rosa, ma il sequel de "l'ospite"?? *sospiro rassegnato*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ehhhhh. Stiamo sospirando anche da TROPPO tempo per i miei gusti. E' vero che comprerei a scatola chiusa qualunque cosa porti la firma di Stephenie Meyer, però qui la curiosità di scoprire come andrà a finire ci sta divorando!

      Elimina
  3. Ciao Rosa, ti ho nominata al Liebster Award 2016
    http://appuntidiunalettrice.blogspot.it/2016/08/liebster-award-2016-tag.html
    Spero ti faccia piacere e che troverai il tempo per rispondere alle 11 domande :)
    A presto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oh Dany, grazie!
      Sei stata fortunata, perché non ho ancora pubblicato il mio Liebster Award, quindi faccio ancora in tempo ad aggiornarlo. Ne verrà fuori un post mastodontico, ma vi ringrazio tutti per queste nomination!

      Elimina
  4. Bellissimo il tuo blog, ti seguo!
    Queste novità sono tutte interessanti, mi incuriosisce molto Freezer :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sei la benvenuta!
      Eh sì, Freezer promette di essere un libro leggero ma frizzante!

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Cosa c'è in agenda? #3

Cosa leggo? Cosa scrivo? Questi sono i punti all'ordine del giorno della mia agenda letteraria. Qui li ricapitoliamo passo passo.
Dolce, malinconico agosto
Vestiti freschi e leggeri, ciabattine infradito, mattine al mare, cornetti Esagerati per gentile concessione Algida, cappelli di paglia, occhiali da sole (che io puntualmente dimentico di portarmi dietro), una capatina (solitamente proficua) alla casetta dei libri, quelle rare ma felici passeggiate con mio fratello lungo il viale alberato che porta all'abbazia (anche se incappiamo sempre in quel cagnaccio che ci abbaia contro e il marciapiede è così malandato che camminare in mezzo alla strada sarebbe più sicuro), le trasferte per seguire i concerti senza biglietto di Edoardo Bennato (ahhhh Biccari, con la  mia plateale caduta in pieno giorno al centro della piazza!).   Ecco, l'estate per me è tutto questo, un mondo intero in una stagione, che alla fin fine si riduce a poche settimane di sole. Un po' come con i fichi…

Maggio portafortuna, arrivederci e grazie

Sto guardando l'orologio.
Okay.
Dieci minuti.
In dieci minuti devo assolvere a tutti i miei doveri di brava e puntuale book-blogger.
(Male: tre minuti e ho già cancellato una decina di frasi).
Dunque io direi di procedere in maniera scientifica e razionale, spuntando mano a mano ogni singolo punto, così non ci si perde niente di importante per strada.

Prima di tutto.
Cosa c'è di nuovo nella mia libreria? 


L'ho messo in evidenza già dal titolo: maggio quest'anno è stato un mese molto fortunato e di grandi soddisfazioni. Questo libro infatti è giunto nella mia casetta a mezzo di corriere, vinto in blogtour-Giveway (il secondo, a poche settimane di distanza).
Un grazie tutto cuori e baci va a queste fantastiche donnine: Stefania, Nunzia, Francesca, Clarissa e Rosa (il cui blog è una scoperta fresca di questo mese). Voi sapete quanto affetto e quanta stima ho nei vostri riguardi.
E un grazie naturalmente è per la CE Nord.


Il canto del mondo reale, di Liliana Rampello (un rega…

Quello che non ti aspetti: i miei due anni da book-blogger

Non so come ci sono arrivata.  Ho iniziato perché scrivo. E perché leggo.  E oggi sono due anni.  Ma non è che io sia diventata una persona diversa solo perché ho aperto un blog.  I book-blogger non hanno super-poteri.  Sono ancora una studentessa di lettere moderne che non sa bene cosa fare di se stessa, e non c'è dubbio che sarò sempre la ragazza con la testa fra le nuvole e con il cuore nei libri.  Ho solo trovato un posto dove esserlo liberamente.  E condividerlo con voi. Ecco voi siete quello che non mi aspettavo.
Quei lettori che sono arrivati pian piano, i "silenziosi" e gli "immancabili", quelli che anche con una sola parola, un complimento, un grazie, mi fanno sapere che ci sono e che qualcosa di bello, in fondo, riesco a regalarlo.  Stefania, ricordo ancora con una certa emozione il suo primo commento, che era anche il primo commento in assoluto sul blog, me lo sono trovata lì, sotto il naso, ancora un po' attonita, incredula. Allora scrivevo anco…