Passa ai contenuti principali

Strega comanda colore ...

Ecco, un po' mi vien da ridere. Perché lo so, lo so che tutti voi quando eravate dei pulcini appena usciti dal guscio giocavate a "Strega comanda color ...". 
Io no. Dico davvero. 
Certo è probabile che ci sia una spiegazione logica a questo. Non ero quel che si dice una gran compagnona in quei giorni in cui scorrazzavo nel giardinetto dell'asilo, e fino a qualche anno fa in mezzo a ragazzi della mia età mi sentivo un po' un pesce fuor d'acqua o la ruota di scorta. 
E oggi? Beh, direi che ci sto lavorando.  
E, perché no?, a suo modo, anche un simpatico Book Tag può essere buono per recuperare qualcosa di quel tempo strano, lontano e vicino, che è l'infanzia.
Allora, ecco che ve lo presento!




Come ogni Book Tag, anche questo qui ha le sue regole ... semplicissime, tranquilli!

1 Usare l'immagine del tag

2 Citare l'inventore del tag (bloody ivy) e ringraziare chi ti ha nominato

Io ringrazio Scheggia tra le pagine che spesso e volentieri mi propone qualche bel Book Tag. 

3 Trovare e illustrare brevemente:

Una cosa che si legge (con la copertina o con un disegno in copertina dove quel colore prevalga)


Strega Scheggia ha comandato il suo color ... color ... il giallo!  
Trovare un libro con questo colore è stato molto più difficile di quanto pensassi. 
In un Tag mi sembra giusto dare spazio ai libri che hanno un particolare significato per chi legge (così poi chi viene a sbirciare può prendere appunti interessanti!). 
Alla fine l'occhio mi è caduto su I love shopping a New York. Come sequel è a dir poco fantastico: Sophie Kinsella ripropone con uno slancio tutto nuovo la formula del primo e riesce a fare centro, grazie ad un'intelligente ironia, un intreccio solido ... e ad una protagonista che non delude mai i suoi lettori.


Una cosa che si indossa (capi di abbigliamento, collane, borsa, giacca, trucco ...)


Ho queste ballerine della Replay da ... pff! Neanche mi ricordo da quanto. Tipo una decina d'anni. 
Okay, in realtà sono color oro, ma è una tonalità abbastanza prossima al giallo. 
Comodissime. Vanno bene su tutto e si armonizzano perfettamente con qualunque mise.
Hanno calpestato mezza Europa. In gita me le portavo sempre dietro. 
Ogni volta che arriva la fine di settembre e facciamo il cambio di stagione, mamma esordisce con "Che dici? Le buttiamo?" e io tutte le volte "NOOO!!! Guarda qua: sono ancora buonissime!". 


Una cosa che si mangia/beve


Mie cari lettori vi presento (rullo di tamburi, fiato alle trombe) i favolosi, unici, mitici, leggendari ... ravioli con ripieno di ricotta e prezzemolo fatti a mano da Mami saltati in pentola con burro e salvia. 
Quando ho voglia di un bel pranzo che mi regali venti minuti di assoluto, perfetto, paradisiaco piacere e relax ... ecco, questa è la mia ricetta segreta!


Se anche voi avete voglia di giocare e tornare ad essere piccoli per qualche secondo ... consideratevi pure taggati. 
E strega Rosa comanda color ... color ... bianco

Buon divertimento!


Commenti

  1. Ecco! Ho visto i ravioli e m'è venuta fame! XD

    RispondiElimina
  2. anch'io voglio i ravioli di mamma! xD sembrano una squisitezza!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vedo che quei succulenti ravioli stanno spopolando.
      Eh sì, sono una superba squisitezza.

      Elimina
  3. Ma che bellissimo tag!Un altro modo per conoscerci meglio!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Uno dei più carini che ho trovato ... e poi si fa molto facilmente!

      Elimina
  4. Scusa se vengo solo ora a rispondere! Ti dico la verità, non ho mai letto la serie I Love Shopping e non amo le ballerine ma... quei ravioli? Mi hai fatto venire fame e non sono neanche le 10!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oh Scheggia, almeno il primo della serie devi proprio leggerlo! Per l'estate poi, è il libro perfetto per una lettura senza troppi pensieri. E in più Becky è un'eroina che trasmette una carica di energia positiva pazzesca.
      Quel piatto di ravioli, mmmmh ... eh lo so, adesso che lo guardo di nuovo, viene fame anche a me!

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

I preferiti, sotto l'albero, e tutto quello che resta da dire del 2018

L'avrete capito, no? È il momento dei listoni e cosa c'è di più banale. Eppure confesserò che a me non disturba poi granché, anzi. C'è qualcosa di così compiuto e perciò di rassicurante in una lista stilata con metodo. Per quanto, detto tra noi (ahi ahi ahi), la vostra Rosa qui presente quest'anno abbia letto una quantità di libri semplicemente miserevole. Non che i numeri significhino molto, okay, però oddio una soglia minima di 15 libri, per buona decenza, uno se la dà.
Invece ecco cosa risulta su Goodreads: You have read 13 of 30 books in 2018.
D'altra parte è vero che una Challenge offre una visione alquanto limitata della faccenda, perché, ad esempio, non tiene conto del fatto che per la prima volta da qualche anno non mi sia capitato neanche un libro veramente brutto brutto brutto o che tra i 13 suddetti sia compresa una delle più grandi narrazioni epiche mai concepite o ancora tre opere di saggistica lette a stralci ma che anche così lasciano un bagaglio rag…

L'amore è per segugi | LA SCRITTRICE DEL MISTERO, Alice Basso

La mia lettura
«E dai, non potrà mica sempre andare bene, prima o poi il calo sarà fisiologico, ci scommetto che siamo arrivati a questo stadio, come quando fai i test a crocette e se escono troppi "sì" di fila sicuro che arriva anche il momento del "no", quindi crepi di fifa». Questa è la comicità di Alice Basso, in uno dei suoi irriverenti, scoppiettanti, dolcissimi post su Facebook (una droga pesante, stateci attenti) e se c'è una cosa che ormai dovreste aver capito di Alice Basso è che la comicità, nelle sue mani, è un fucile di precisione. Perché, se è vero che non uno tra noi lettori avrebbe esitato a vendere l'anima al diavolo per questo oggetto sacro e benedetto, La scrittrice del mistero, edito Garzanti, il quarto libro (signori, il Q U A R T O libro) di Vani Sarca, pure, quel tanto così di fifa blu c'era. Brutta faccenda avere aspettative altissime. Ancor più brutto, esser stati mollati proprio su un finale perfetto, da sipario che si chiude e…

I Nuovi Mostri | L'ELEGANZA DEL RICCIO, Muriel Barbery

| I Mostri Antichi li conosciamo, o quantomeno fingiamo di conoscerli, ma i Nuovi Mostri? Chi sono, dove sono?



La mia lettura

L'arte è la vita, ma su un altro ritmo.
Vi consiglio di prenderla molto sul serio questa frase, perché stavolta proveremo davvero a dire quanto contiene e significa questo libro.

Brevemente però, intanto, i prodromi.

Dovremmo osservare anzitutto, a beneficio del lettore che si accosti alla lettura, che la prima esperienza, come ogni rito iniziatico, imprime a fuoco il suo marchio.
Se poi sei giovane e dunque vorace, con una passione mortale per il grande romanzo russo ottocentesco, e se covi la pazza idea che la lingua racchiuda ermeticamente nei suoi segreti meccanismi la categoria del sublime, allora questa, sappilo, sarà la lettura che non ti lascerà scampo alcuno.
Per chi c'è già passato (e questo è il mio caso) il discorso si complica insolitamente: in mezzo si frappongono pur sempre quei sei o sette anni, che significano altre esperienze, altre le…