Passa ai contenuti principali

Look!

Insomma … ad un certo punto, spulcia di qua e spulcia di là fra le tante colorate, accessoriate casette strappacuore che trovano spazio in questo universo parallelo chiamato blogosfera, un’occhiata al tuo umilissimo cantuccio, con buona pace, sei costretta ad ammetterlo: vabbe’ è vero, l’occhio vuole la sua parte.

Io, da parte mia, ho tenuto ben aperti tutti e due gli occhi, sapevo che era solo questione di tempo … e di giusti suggerimenti. E così alla fine ieri mattina ho trovato il coraggio di dire addio all'amatissimo verde dei miei alberelli di bosco.

Quindi oggi questo post è anche un modo per dire grazie al lavoro di blogger come Elena, che mettono a disposizione tonnellate di materiale salva-vita per blog appena nati, la loro passione per la creatività ti dà una carica pazzesca: con tutto il cuore, grazie di esserci! Grazie, perché adesso La Balena Parlante ed Io è un luogo più accogliente, ordinato, frizzante, vivace. Uff! Volete proprio guastarmi la festa eh? Okay, mi manca ancora un header fantasioso e soprattutto un menù funzionale, ma … pian pianino, un passo alla volta, realizzerò tutto quello che mi sono ripromessa.

Per oggi però io e B. P. siamo contenti così del nostro regalo tardivo.

Commenti

  1. scopro questo blog con troppo ritardo!!! da oggi hai una nuova lettrice! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Benvenuta Stefania, è una gioia averti qui.

      Elimina
    2. lo è anche per me, seguirò con piacere tutte le evoluzioni e i cambiamenti :)

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

I preferiti, sotto l'albero, e tutto quello che resta da dire del 2018

L'avrete capito, no? È il momento dei listoni e cosa c'è di più banale. Eppure confesserò che a me non disturba poi granché, anzi. C'è qualcosa di così compiuto e perciò di rassicurante in una lista stilata con metodo. Per quanto, detto tra noi (ahi ahi ahi), la vostra Rosa qui presente quest'anno abbia letto una quantità di libri semplicemente miserevole. Non che i numeri significhino molto, okay, però oddio una soglia minima di 15 libri, per buona decenza, uno se la dà.
Invece ecco cosa risulta su Goodreads: You have read 13 of 30 books in 2018.
D'altra parte è vero che una Challenge offre una visione alquanto limitata della faccenda, perché, ad esempio, non tiene conto del fatto che per la prima volta da qualche anno non mi sia capitato neanche un libro veramente brutto brutto brutto o che tra i 13 suddetti sia compresa una delle più grandi narrazioni epiche mai concepite o ancora tre opere di saggistica lette a stralci ma che anche così lasciano un bagaglio rag…

Di cosa parliamo quando parliamo di Vani Sarca | Intervista ad Alice Basso

Ho incontrato Alice Basso il 15 dicembre, a Porto San Giorgio (un freddo demoniaco, ma ne valeva la pena, oh sì), durante una delle ultime presentazioni de La scrittrice del mistero (Garzanti 2018) e, a scanso di equivoci, mi sento in dovere di mettervi sull'avviso: questa donna è, realmente, quello che sembra, un concentrato di energia, il tipo con cui faresti ben volentieri notte fonda parlando sconclusionatamente di roba bellissima che non ti darà da vivere, libri libri libri film libri musica libri libri libri libri (proprio così, in loop). Soprattutto, però, quello che percepisci chiaramente, ascoltandola, leggendo i suoi libri (due racconti e quattro romanzi già pubblicati, più un quinto atteso per maggio), è che dietro il suo lavoro, di editor e di scrittrice, ci sono onestà e competenza in pari misura.
Nel 2013 è nel mondo dell'editoria da dieci anni, un ambiente «per niente asettico» (parola di Alice Basso) in cui succedono le cose più buffe e assurde, perché, molto …

GIACINTA, Luigi Capuana

"Colonnello!" disse la Giacinta, attaccandoglisi familiarmente al braccio e trascinandolo un po' verso la vetrata della terrazza con vivacità fanciullesca. (...) L'una e l'altro non riuscivano per qualche secondo a riattaccare discorso: poi la Giacinta spingeva gli occhi verso il colonnello che aveva ripreso la sua positura, e portando la punta del ventaglio alle labbra, lanciava un ebbene? un e poi? che provocava la risposta.

La mia lettura
Ho avuto un rapporto alquanto complesso con questo romanzo. Ad ogni pagina, per tutto il tempo, sentivo dolorosamente che qualcosa, qualcosa di decisamente importante, mancava. Quando finalmente sono riuscita a riporre ormai letto il libro nel suo angusto posticino nella libreria del mio studio, ho capito. Ho capito cosa non andava. Ma lascerò che sia qualcuno di più adatto allo scopo ad illuminarvi. "In generale mi piace dippiù la prima metà del tuo libro forse perché l'azione è più viva, o almeno è presentata con m…