Passa ai contenuti principali

Novità dalla bibliosfera #11

Rubrica in cui, ogni fine mese, vi terrò aggiornati su titoli, autori emergenti, voci di corridoio (etc) legati al mondo dei libri. Perché ogni buon lettore che si rispetti ... tiene sempre gli occhi aperti.

Lettori, buondì a voi.
Questa mattina mi trovo a scrivere in lingua telegrafica e non che la cosa mi renda felice, ma la pressione a una decina di giorni dall'esame di storia medievale è ... beh, come metterla in maniera carina? 
Insopportabile! 
(Uhm, sì, molto carino mi è venuto). 
Se siete svegli e attenti io parto col telegrafo.

Il meglio del mese

J. K. Rowling, John Tiffany e Jack Thorne
Harry Potter e la maledizione dell'erede
Salani Editore
Sinossi:
È sempre stato difficile essere Harry Potter e non è molto più facile ora che è un impiegato del Ministero della Magia oberato di lavoro, marito e padre di tre figli in età scolare. Mentre Harry Potter fa i conti con un passato che si rifiuta di rimanere tale, il secondogenito Albus deve lottare con il peso dell'eredità famigliare che non ha mai voluto. Il passato e il presente si fondono minacciosamente e padre e figlio apprendono una scomoda verità: talvolta l'oscurità proviene da luoghi inaspettati. 
Basato su una nuova storia originale scritta da J.K. Rowling, Jack Thorne e John Tiffany, Harry Potter and the Cursed Child, una nuova opera teatrale di Jack Thorne, è la prima storia ufficiale di Harry Potter rappresentata a teatro.

Alessia Gazzola
Un po' di follia in primavera
Longanesi
Sinossi: Quella di Ruggero D'Armento non è una morte qualunque. Perché non capita tutti i giorni che un uomo venga ritrovato assassinato nel proprio ufficio. E anche perché Ruggero D'Armento non è un uomo qualunque. Psichiatra molto in vista, studioso e luminare dalla fulgida carriera accademica, personalità carismatica e affascinante... Alice Allevi se lo ricorda bene, dagli anni di studio ma anche per la recente consulenza del professore su un caso di suicidio di cui Alice si è occupata. Impossibile negare il magnetismo di quell'uomo all'apparenza insondabile ma in realtà capace di conquistare tutti con la sua competenza e intelligenza. Eppure, in una primavera romana che sembra portare piccole ventate di follia, la morte violenta di Ruggero D'Armento crea sensazione. Pochi e ingannevoli indizi, quasi nessuna traccia da seguire. L'indagine su questo omicidio è impervia, per Alice, ma per fortuna non lo è più la sua vita sentimentale. Ebbene sì, Alice ha fatto una scelta... Ma sarà quella giusta?
                                           
Andrea De Carlo
L'imperfetta meraviglia
Giunti
Sinossi: Succede in Provenza, d'autunno, stagione che mescola le prime umide nebbie con un lungo strascico di calore quasi estivo. I borghi e le ville si stanno vuotando di abitanti e turisti. Ancora un grande evento però si prepara. Quasi a sorpresa, sul locale campo di aviazione, si terrà il concerto di una celebre band inglese, i Bebonkers, un po' per fini umanitari un po' per celebrare il terzo matrimonio di Nick Cruickshank, vocalist del gruppo e carismatico leader. I preparativi fervono, tutti organizzati dal piglio fermo di Aileen, futura moglie di Nick. In paese c'è una gelateria gestita da Milena Migliari, una giovane donna italiana che i gelati li crea, li pensa, li esperimenta con tensione d'artista. Un rovello continuo che ruota attorno all'equilibrio instabile del gelato, alla sua meraviglia imperfetta perché concepita per essere consumata o per liquefarsi, per non durare ...

Geraldine Brooks
L'armonia segreta
Neri Pozza
Sinossi: Questo libro è la storia di David, re di Israel, narrata da Natan, il Profeta, la voce della sua coscienza. Ha inizio nel tempo in cui Israel era un’esile lingua di terra abitata da un’accozzaglia di tribù armate di spade di rame, che non potevano nulla contro le armi forgiate dai Filistei, il Popolo del Mare che aveva accesso alle miniere di ferro. David era allora soltanto uno spietato brigante che non esitava, nelle sue crudeli imprese, a versare sangue innocente. Il suo passato di giovane pastore che, nelle grotte di Bet Lehem, traeva armonie segrete dalla sua arpa era stato dimenticato. Così come la sua fama di valente guerriero, capace di mettere in fuga i Filistei a Emeq Elah, uccidendo con un colpo di fionda ben assestato il gigante Golyat. A nulla valeva la constatazione che era diventato un brigante soltanto dopo che Shaul, il capriccioso re che lo aveva messo alla testa delle proprie armate, lo aveva costretto a darsi alla macchia dopo avergli scagliato contro una lancia. Quando si imbatte per la prima volta in lui, Natan è un ragazzino che il padre spedisce volentieri a pascolare capre oltre i torrenti che scendono dalla montagna. Daga in pugno, David e i suoi uomini penetrano di notte nel villaggio della sua famiglia e uccidono il padre e lo zio, colpevoli di aver osato rifiutare loro i necessari approvvigionamenti. All’alba, col volto rigato di lacrime, al cospetto dell’assassino di suo padre, Natan proferisce delle parole che lui non riesce a sentire, ma che turbano profondamente David e i suoi compagni. Parole dettate da una Voce che parla attraverso il bambino. Parole che annunciano la grande profezia: il figlio di Yshay di Bet Lehem, il brigante traditore, sarà incoronato re di Yudah, farà un solo popolo delle tribù del Nome, fonderà il regno imperituro di Israel. Da pastore a eroe, da re amato a despota sanguinario, tutti i volti di re David emergono in questo libro, in cui l’autrice di Annus mirabilis ripercorre l’appassionante storia di un uomo che oscilla tra verità e leggenda, creando un magnifico romanzo d’avventura e, insieme, una magistrale epopea sulla fede, il desiderio, l’ambizione, l’amore e il tradimento.

Alejandro Palomas
Un figlio
Neri Pozza
Sinossi: Guille non ha niente in comune con i suoi compagni di quarta elementare: è taciturno, non ama il calcio e ha sempre la testa tra le nuvole. Sarà perché non si è ancora ambientato nella nuova scuola, dice suo padre, Manuel Antúnez, quando la maestra Sonia lo convoca d’urgenza in aula docenti. Sonia, però, scuote la testa. Quella mattina, prima dell’intervallo, ha chiesto agli alunni che cosa avrebbero voluto fare da grandi. C’è chi ha risposto il veterinario, chi Beyoncé, chi ancora l’astronauta, Rafael Nadal o la vincitrice di The Voice. Guille ha risposto... Mary Poppins.


Recensione nel cuore   

La sovrana lettrice di Alan Bennett, dal blog Due lettrici quasi perfette 


Curiosando e sbirciando ...

dal blog 
What we talk about when we talk about books?

dal blog 
Sofasophia

dal blog 
The Book Lawyer

da
Il blog di Veci


News in blogging

(consigliatissima anche la pagina FB)



Con questo vi lascio. Ora devo proprio tornare al Vitolo. 
State bene e, ovvio, come sempre, buone letture a tutti voi!



Commenti

  1. La Gazzola mi fissa! Oggi è in arrivo il secondo volume della serie, lo so sono indietrissimo :) Ti è piaciuta la fiction? A me tanto, mi ha fatto venire voglia di leggere tutto di continuo senza mangiare e dormire, pensa un po' :D Bacio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non ne parliamo! Muoio dalla voglia di leggerli tutti!
      La fiction è simpaticissima e Lino Guanciale è proprio perfetto nel ruolo dell'affascinante bastardo C.C.

      Elimina
  2. Io di Gazzola ho visto la fiction tratta dai suoi libri con Alessandra Mastronardi, mi è piaciuta molto!😊

    RispondiElimina
  3. Ciao Rosa, non ho visto la fiction della Gazzola, ma conto di recuperarla sul sito della rai prima o poi. Prima vorrei di vederla vorrei leggere "L'allieva", di lei ho letto solo "Sindrome da cuore in sospeso" ma non mi era piaciuto molto...

    P.s. In bocca al lupo per storia medievale, anch'io l'avevo fatto e avevo studiato proprio dal Vitolo ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In realtà il mio piano originale era lo stesso tuo, ma poi mi sono detta "Pazienza!". In ogni caso, almeno i primi due li leggerò, poi si vedrà.

      P.S. Che bello! Anche tu il Vitolo? E' vero, lo chiamo il Mostro Viola, ma la verità è che è un libro fantastico, è fatto proprio bene.

      Elimina
  4. Io con la Gazzola passo. Lessi il primo (almeno in parte) tempo fa e no, non fa per me!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non so perché ma ne ero sicura. Capperi, sono una preveggente?

      Elimina
  5. Rosa, che dire? Ora mi metto una tua foto sul comodino e ogni volta che sto un po' giù la guardo, sei un toccasana per l'autostima! Grazie, di cuore.
    Un abbraccio grande, Stefi

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ooooooh che cosa tenera! Sto gongolando: sono il toccasana della Stefy!
      Abbracciooooo!!!

      Elimina
  6. Risposte
    1. Lea, ma tu e Stefania vi siete messe d'accordo per farmi piangere? Le mie ghiandole lacrimali sono estremamente sensibili!

      Elimina
  7. Io sto corteggiando "Un figlio", prima o poi sarà mio!
    In bocca al lupo per l'esame!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Spero proprio che tu lo legga ... così io poi posso passare a leggere la tua recensione! No, seriamente nella mia libreria non c'è neanche un Neri Pozza. E così non va bene.
      Crepi questo lupo nero! Grazie del sostegno, Nunzia.

      Elimina
  8. sto leggendo quello della gazzola e come sempre mi sta piacendo, anche se l'ultimo mi aveva un po' deluso a livello di intrigo quindi spero che questo sia più "misterioso"!! carina anche la serie tv.
    http://www.audreyinwonderland.it/

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che invidia, tutti che leggono Alessia Gazzola tranne me!
      Mi consolo con la serie TV: dalla seconda puntata mi ha preso di più!
      Grazie di essere passata, Amrita, non sai che piacere (e che onore!).

      Elimina
  9. sto leggendo quello della gazzola e come sempre mi sta piacendo, anche se l'ultimo mi aveva un po' deluso a livello di intrigo quindi spero che questo sia più "misterioso"!! carina anche la serie tv.
    http://www.audreyinwonderland.it/

    RispondiElimina
  10. Passo a trovarti e trovo questa bellissima sorpresa *_*
    Che dire? Grazie Rosa, mi fa un piacere immenso <3
    p.s. bellissimo il tuo blog!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sorpresa l'ho ricevuta io, quando ti ho vista tra i lettori!

      P.S. Detto da te, Pamela, che gestisci un blog veramente stupendo e che mi dispiace solo non aver scoperto prima ... beh, è un gran complimento!

      Elimina
  11. Un figlio, un libro bellissimo <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Me lo immagino. Già la sinossi è parecchio evocativa e in più stamattina ho letto la bellissima recensione di Stefania. A questo punto spero proprio di leggerlo presto!

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

GIACINTA, Luigi Capuana

"Colonnello!" disse la Giacinta, attaccandoglisi familiarmente al braccio e trascinandolo un po' verso la vetrata della terrazza con vivacità fanciullesca. (...) L'una e l'altro non riuscivano per qualche secondo a riattaccare discorso: poi la Giacinta spingeva gli occhi verso il colonnello che aveva ripreso la sua positura, e portando la punta del ventaglio alle labbra, lanciava un ebbene? un e poi? che provocava la risposta.

La mia lettura
Ho avuto un rapporto alquanto complesso con questo romanzo. Ad ogni pagina, per tutto il tempo, sentivo dolorosamente che qualcosa, qualcosa di decisamente importante, mancava. Quando finalmente sono riuscita a riporre ormai letto il libro nel suo angusto posticino nella libreria del mio studio, ho capito. Ho capito cosa non andava. Ma lascerò che sia qualcuno di più adatto allo scopo ad illuminarvi. "In generale mi piace dippiù la prima metà del tuo libro forse perché l'azione è più viva, o almeno è presentata con m…

Qualcosa si è mosso | Da SCRIVERE È UN MESTIERE PERICOLOSO a NON DITELO ALLO SCRITTORE, Alice Basso

La mia lettura
Bene. Io direi che tre giorni passati a sghignazzare di segreta soddisfazione, in una posa a metà tra genio del male che trama nell'ombra e ragazzina delle medie alla prima cotta, possono anche bastare. Adesso ricomponiamoci un attimo, per amor del cielo, e cerchiamo di affrontare la situazione con la serietà che merita. Niente di insostenibile, state sereni. Perché la storia di cui parliamo è pur sempre, fondamentalmente, una storia adorabile. Si ride sotto i baffi, ci si commuove il giusto, si annuisce con quel pizzico di consapevole malinconia, ma soprattutto ci si innamora, di brutto. (E poi non venitemi a dire che non vi avevo avvertito).

Per la serie dove eravamo rimasti, ricapitoliamo: epica vendetta ai danni di capo schiavista calcolatore e di ex fidanzato stronzo opportunista. Yeah. Uno a zero per Vani Sarca, signori, che dal finale del primo libro esce trionfante come una Erinni dei reietti, in mano un nuovo contratto rimpolpato da un sacrosanto aumento, u…

2017: tiriamo le somme

Fare un bilancio, per come la vedo io, significa essere onesti con se stessi e vedere un po' che si è combinato. Niente bluff. Ecco perché è un casino. Fuori di qui, resto sempre quella tipa lì, la nichilista, pseudo-romantica studentessa fuori corso (è il caso di festeggiare, sono entrata ufficialmente nel terzo anno già da un paio di mesi, mica uno scherzo) che va a letto con gli incubi, all'idea di avere tutta una tesi da scrivere, per non dire di un futuro nella grande spaventevole giostra del mondo in cui ancora non riesce a visualizzarsi. Passi avanti? Oh dai, ne abbiamo fatti. Per esempio, sul libretto, la mia carriera è ormai a un punto di non ritorno: tre firme ancora da apporre, gli ultimi tre esami, tre esami e puoi quasi dire di aver passato il primo step. Con quel pizzico di immaginazione che certo non ti manca puoi sentire fin qui la voce del presidente di commissione dichiararti dottoressa. Fa il suo effetto, perché negarlo. Un rito di passaggio deve fare il su…