Passa ai contenuti principali

Brevemente me

Rosa, classe '93, avida divoratrice e per giunta instancabile mappatrice di tutto il letterariamente esistente, scrittoressa in formazione, costantemente a caccia del fantasy perfetto (o del perfetto soggetto per cui mettere alla prova la mia indiscutibile perizia con i pastelli), se finisse il mondo e fosse nelle mie mani il potere di preservare in una fiala lo spirito di un unico genio, probabilmente sceglierei comunque Billy Wilder. Sto ancora aspettando il giorno in cui Zucchero un po' alticcio chiamerà Adele da una sperduta cabina di Cuba per scrivere una super-hit blues/soul a quattro mani.

Informazioni, collaborazioni, salotto, per tutta questa roba ci sentiamo direttamente qui:

rosasusi93@gmail.com

Se poi, fatte le cose per benino, prese le misure alla Balena Parlante (qui), vagabondato tra le letture proposte, scoperto cosa può succedere quando si finisce nel Crogiolo, avrete deciso che non è ancora abbastanza, ci sono altre zone limitrofe che posso offrirvi:





Beh, direi che ci si vede in giro.

Commenti

  1. Ciao, volevo avvisarti che ti ho nominato a questo link party http://piccolemacchiedinchiostro.blogspot.it/2016/03/festeggiamo-insieme-il-primo-anno-di.html
    :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti ringrazio per avermi avvisata.
      Corro subito a vedere.

      Elimina
  2. Ciao Rosa,
    Mi sono fatta un giro per il blog, molto carino! :)
    Sono una scrittrice e vorrei contattarti privatamente ma non so come fare.
    Hai un indirizzo mail?
    Grazie.
    Sabrina

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti ringrazio per essere passata e felice che il blog ti piaccia.
      Puoi contattarmi qui:
      rosasusi93@gmail.com

      Elimina
  3. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina
  4. Ciao! Ho scoperto questo blog grazie al link parti di Amelia!
    Ho gironzolato qua e la nel tuo blog e mi è piaciuto così tanto che ho deciso di diventare una tua lettrice fissa!

    Se ti fa piacere ti lascio il link del mio angolino virtuale: http://bookisallyouneediaia.blogspot.it/

    Buon proseguimento!
    -iaia-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' un piacere averti qui, ti ringrazio, e verrò presto a trovarti!

      Elimina
  5. Posso invitarvi a questo concorso?
    In palio un mio libro cartaceo! :)
    Grazie! ❤

    http://bookstwiningtea.altervista.org/giveawayilmondodellaltrove/

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie della segnalazione Sabrina, andrò sicuramente a dare un'occhiata!

      Elimina
  6. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina
  7. Ciao Rosa, volevo dirti che ti ho nominata per il Liebster :D
    http://otiumentis.blogspot.it/2016/05/liebster-award-2016.html
    Spero parteciperai!

    RispondiElimina
  8. ciaooo ma è bellissimo il tuo blog mi sono appena iscritta se ti va di passare ti lascio il mio blog http://unlibropersognare1.blogspot.it/

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie di cuore e benvenuta a bordo, spero ti divertirai. Uno di questo giorni passerò senz'altro a trovarti.

      Elimina
  9. Ciao :) Ti ho appena scovata sul web! Grazie al tuo modo di scrivere che sembra così spontaneo ho deciso di cominciare a seguirti! Spero ti faccia piacere ♥ Un bacione, a presto!

    RispondiElimina
  10. Bel blog, Rosa *.* Se ti va ti aspetto nel mio http://sognintrisinellinchiostro.blogspot.it/

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

GIACINTA, Luigi Capuana

"Colonnello!" disse la Giacinta, attaccandoglisi familiarmente al braccio e trascinandolo un po' verso la vetrata della terrazza con vivacità fanciullesca. (...) L'una e l'altro non riuscivano per qualche secondo a riattaccare discorso: poi la Giacinta spingeva gli occhi verso il colonnello che aveva ripreso la sua positura, e portando la punta del ventaglio alle labbra, lanciava un ebbene? un e poi? che provocava la risposta.

La mia lettura
Ho avuto un rapporto alquanto complesso con questo romanzo. Ad ogni pagina, per tutto il tempo, sentivo dolorosamente che qualcosa, qualcosa di decisamente importante, mancava. Quando finalmente sono riuscita a riporre ormai letto il libro nel suo angusto posticino nella libreria del mio studio, ho capito. Ho capito cosa non andava. Ma lascerò che sia qualcuno di più adatto allo scopo ad illuminarvi. "In generale mi piace dippiù la prima metà del tuo libro forse perché l'azione è più viva, o almeno è presentata con m…

Qualcosa si è mosso | Da SCRIVERE È UN MESTIERE PERICOLOSO a NON DITELO ALLO SCRITTORE, Alice Basso

La mia lettura
Bene. Io direi che tre giorni passati a sghignazzare di segreta soddisfazione, in una posa a metà tra genio del male che trama nell'ombra e ragazzina delle medie alla prima cotta, possono anche bastare. Adesso ricomponiamoci un attimo, per amor del cielo, e cerchiamo di affrontare la situazione con la serietà che merita. Niente di insostenibile, state sereni. Perché la storia di cui parliamo è pur sempre, fondamentalmente, una storia adorabile. Si ride sotto i baffi, ci si commuove il giusto, si annuisce con quel pizzico di consapevole malinconia, ma soprattutto ci si innamora, di brutto. (E poi non venitemi a dire che non vi avevo avvertito).

Per la serie dove eravamo rimasti, ricapitoliamo: epica vendetta ai danni di capo schiavista calcolatore e di ex fidanzato stronzo opportunista. Yeah. Uno a zero per Vani Sarca, signori, che dal finale del primo libro esce trionfante come una Erinni dei reietti, in mano un nuovo contratto rimpolpato da un sacrosanto aumento, u…

2017: tiriamo le somme

Fare un bilancio, per come la vedo io, significa essere onesti con se stessi e vedere un po' che si è combinato. Niente bluff. Ecco perché è un casino. Fuori di qui, resto sempre quella tipa lì, la nichilista, pseudo-romantica studentessa fuori corso (è il caso di festeggiare, sono entrata ufficialmente nel terzo anno già da un paio di mesi, mica uno scherzo) che va a letto con gli incubi, all'idea di avere tutta una tesi da scrivere, per non dire di un futuro nella grande spaventevole giostra del mondo in cui ancora non riesce a visualizzarsi. Passi avanti? Oh dai, ne abbiamo fatti. Per esempio, sul libretto, la mia carriera è ormai a un punto di non ritorno: tre firme ancora da apporre, gli ultimi tre esami, tre esami e puoi quasi dire di aver passato il primo step. Con quel pizzico di immaginazione che certo non ti manca puoi sentire fin qui la voce del presidente di commissione dichiararti dottoressa. Fa il suo effetto, perché negarlo. Un rito di passaggio deve fare il su…