Passa ai contenuti principali

25 fatti libreschi su di me!

Dunque.
Sono le ventiquattro e quattordici minuti.
Le tende riparano gentilmente lo studio dal chiarore della luna. Almeno, così immagino, in realtà non l'ho neanche degnata di uno sguardo stasera (tutta colpa del Potatoe Party sul divano, davanti all'ultima puntata di Don Matteo!).
L'ora è quieta. Tutto tace.
Se mi dimentico del costante rumore della ventola del PC.

Ma non divaghiamo, è estremamente indelicato e scortese sprecare le parole. C'è una ragione se ho deciso di mettere le mani alla tastiera del portatile, a quest'ora.
Qualche giorno fa, Nik del blog Gli alberi da Libro mi ha invitata a stilare una lista di 25 punti. 25 fatti libreschi su di me. Si tratta di un insolito, carinissimo e incredibilmente creativo Book Tag a catena, in cui ogni blogger può invitarne altri a raccontare qualcosa di sé, o meglio, della propria vita fra i libri. Non so con precisione quale sia il blog da cui è partita l'iniziativa, ma l'ultimo a cui sono riuscita a risalire è questo qui.

Okay, ci siamo, mi sto carburando: 25 fatti libreschi su di me ... ciak, si gira!

1 Cinque sono i libri che hanno significato qualcosa di profondo, ciascuno a suo modo, nella mia vita di lettrice.
Il primo è questo.
Leopantera, una storia d'amore, di Józef e Piotr Wilkón. Una fiaba dolcissima, unica, a cui sono particolarmente affezionata. Ancora oggi, ogni tanto, scorrendo il dito tra i libri d'infanzia della mia cameretta, mi trovo a riprenderlo in mano e iniziare a leggere. E' un po' come tornare a casa.

2 Il gran sole di Hiroshima di Karl Bruckner. Quando mio cugino me l'aveva regalato per il mio compleanno, avevo forse sei o sette anni. Per molto tempo, mi sono ben guardata dal prenderlo in mano. Sembrava così imponente, così poco carino per una bambina.
Inutile dirlo. Leggerlo è stato folgorante, commovente.
Se questo libro fosse una persona, lo abbraccerei e lo ringrazierei per avermi aspettato pazientemente.

3 Jane Eyre.
Ed è cambiato tutto.
Come le cose sono effettivamente andate, ve lo racconterò un'altra volta.

4 Anna Karenina di Lev Tolstoj.
Ho varcato la soglia di un mondo completamente nuovo, un mondo di cui non sapevo assolutamente nulla: la letteratura russa.
Ah, e ho incontrato lo scrittore che è ancora oggi il mio idolo.

5 Amleto di William Shakespeare.
La prima volta resti basita, ammiri in dignitosa reverenza il potere delle parole.
La seconda riesci ad entrare nella storia.
La terza capisci che non ne avrai mai abbastanza.

6 Ecco, lo avrete capito, sono quel che si definisce una lettrice onnivora.
I classici sono i miei fratelli maggiori, mi aiutano a non perdere mai la strada.
Con i fantasy varco la soglia del mistero, vado alla ricerca di quei mille e più mondi possibili, dove la vita è così stranamente simile a quella reale.
Il romance? Miele per la mia anima romantica.

7 Odio i ragni, il raffreddore, i nomi stranieri italianizzati e odio senza mezze misure Gabriele d'Annunzio.

8 Frequento un'università intitolata a Gabriele d'Annunzio (la beffa della mia vita: ridete pure).

9 I poeti del mio cuore sono Dante, Foscolo, Pascoli e Ungaretti.

10 La mia libreria di fiducia si chiama Gulliver. E qui mi aspetta il mio fidatissimo libraio Nonno Sam (il soprannome gliel'ho affibbiato io, a sua insaputa).

11 Quando scelgo un libro mi affido al mio "naso". A volte penso che la gente potrebbe scambiarmi per una maga, una strega, mentre mi aggiro fra i libri, come fossero filtri magici. E una strega sa distinguere i loro poteri.

12 Una cosa che odio dei libri con la copertina morbida senza alette: non hanno la sinossi. Assurdo.
E' come andare dal pescivendolo senza sapere che pesce ti ha infilato nella busta.

13 Quasi due anni fa ho aperto un blog. Destino inevitabile di una lettrice che sogna il suo romanzo.

14 Mi restano circa venticinque centimetri di spazio disponibile in tutto per ospitare nuovi libri. Panico!

15 Scrivere per me significa dare una forma al caos, riuscire a vedere anche al buio. Sì, sono una sostenitrice del Metodo Petrarca.

16 Leggere la saga di Twilight è stata forse l'esperienza più incredibile della la mia vita.

17 Quando ho letto Cinquanta sfumature di grigio pensavo di aver toccato il fondo della storia di tutte le letterature. Questo perché non avevo ancora letto Grey.

18 Ho scoperto che la letteratura erotica si divide in tre categorie.
Alta. E qui facciamo i nomi di Lawrence o della terrificante Marguerite Duras.
Media. Grazie a dio esiste Abigail Barnette e grazie a dio ha scritto la serie The Boss.
Infima o pseudo-erotica. 50 sfumature & Co (quest'ultima categoria evitatela, non vi perdete niente).

19 Ho scoperto il mio amore per il fantasy grazie a Eragon di Christopher Paolini.

20 Penso che i verbi siano molto svalutati. Se ognuno di noi ne conoscesse di più, si farebbe uso degli aggettivi con più parsimonia e consapevolezza.

21 Da un po' di tempo, prediligo per le mie letture due segnalibri in particolare, li trovo meravigliosamente perfetti per ogni occasione letteraria.



22 Aborro le sottolineature a penna o con l'evidenziatore. Su qualunque libro, sia esso la letteratura italiana di Luperini o I malavoglia di Verga.

23 Gli unici due libri che non sono riuscita a leggere fino alla fine sono Il Milione di Marco Polo (ho perso il conto dei miei inutili tentativi) e Freya delle lande di ghiaccio di Philip Reeve, il romanzo più tosto che mi sia mai capitato fra le mani.

24 Leggendo Olga di carta mi sono sbizzarrita con la mia passione per i pastelli. Date un'occhiata a questa foto, in basso a destra.


25 Leggo, e sento di essere esattamente ciò che sono. E la cosa mi piace.


E adesso vi presento i blog che ho pensato di nominare.

The Book Lawyer
La spacciatrice di libri
Libropatia
Words of books

* Postilla. Devo anche i miei ringraziamenti per una seconda nomination di partecipazione a questo stesso Book Tag a Muriomu e Little Pigo di Café Litteraire. Vi invito a leggere qui i loro 25 punti.





Commenti

  1. Mi piace un sacco questo tag, è bello scoprire qualcosa di nuovo sulle persone attraverso i libri :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' vero?
      Io penso che i libri, fra le altre cose, siano un bellissimo modo per conoscersi e riconoscersi.

      Elimina
  2. Questo tag è davvero molto bello.
    Lo farò sicuramente :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E io non vedo l'ora di leggere cosa ne verrà fuori.

      Elimina
  3. Ciao rosa, ho letto con curiosità i tuoi punti e poi....mi sono ritrovata nominata a fine post!!! Grazie infinite. Spero di riuscire a raccogliere il tuo invito, perchè io ho un insolito problema con le liste, i punti da sviluppare e gli elenchi da fare. Non ti dico qui a casa mia quando c'è da andare a fare la spesa :/ Ma grazie infinite! Ti abbraccio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie per essere passata, Nunzia.
      Io sono stata giorni e giorni a rimuginarci sopra, prima di decidermi a scrivere. Quindi tranquilla, se sceglierai di buttartici, prenditi tutto il tempo che ti serve.
      Ti restituisco l'abbraccio!

      Elimina
  4. Ciao Rosa!!
    Mi hai fatto sorridere in molti punti!!
    Odi d'Annunzio e ti sei ritrovata a frequentare una scuola con il suo nome??!! pazzesco!!! :D

    Sul punto di 50 sfumature di grigio mi trovo perfettamente d'accordo con te!!!
    Senza contare l'ultimo punto.."Leggo, e sento di essere esattamente ciò che sono. E la cosa mi piace."
    Una frase incredibilmente dolce, su cui mi rispecchio alla perfezione.

    Un abbraccio :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Guarda, lasciamo perdere, anch'io a volte stento a crederci: è proprio vero quando si dice che la realtà supera la fantasia!
      Su 50 sfumature dico un'ultima cosa e giuro che è l'ultima: una storia che avrebbe potuto avere migliore sorte in mani più capaci.
      Sono felice di averti strappato qualche sorriso e un piccolo momento di riflessione.

      P.S. Ieri sera ho letto il tuo Tag. Ho trovato molto carino e originale il punto 25. Anche a me piacciono quelle graziose cianfrusaglie che compri anche senza avere un'idea precisa di come le utilizzerai.

      Elimina
  5. Su 50 sfumature mi sa che siamo un po' tutte d'accordo eh!!!
    Ero molto curiosa dei tuoi 25 fatti e a ragione perchè hai scritto delle cose molto interessanti!Avevo capito che ti piaceva Shakespeare ma non avevo capito che avevi una vera adorazione per Amleto!!E cosa intendi quando dici che leggere Twilight è stata un'esperienza incredibile per te?
    "I classici sono i miei fratelli maggiori, mi aiutano a non perdere mai la strada" è una frase bellissima e molto significativa nella quale mi ritrovo completamente!Sei sempre illuminante Rosa^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai sempre delle bellissime parole per me, ti sono molto grata Nik. E ti ringrazio anche per il tuo invito a questo Book Tag, è il primo a cui dedico un post!
      Amleto e Re Lear finora sono le mie tragedie preferite.
      Punto 16: ecco, leggendo Twilight ho provato delle emozioni uniche, di ogni genere. Anche se non tutti lo apprezzano, anche se c'è persino chi si vergogna di ammettere che lo ha letto e amato, io trovo che sia una lettura con una sua complessità e un suo valore.

      Elimina
  6. Grazie mille per aver pensato a me! *w* Lo farò sicuramente u.u
    ANCH'IO ODIO D'ANNUNZIO! .-.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Down with d'Annunzio forever!
      Felicissima di averti qui, Adele. Sono proprio curiosa di leggere i tuoi 25 punti!

      Elimina
  7. Non ti facevo una lettrice di erotici sai? Invece sei quasi un'esperta! XD
    Una lettrice davvero a tutto tondo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beccata! Eh sì, è vero, mi piace sperimentare.
      Ho iniziato dalla categoria più alta, con "L'amante di lady Chatterley", quindi sono stata profondamente delusa da 50 sfumature, e infine sono incappata miracolosamente nella serie The Boss.

      Elimina
  8. Bellissimo questo tag, io l'ho fatto ieri!😊 Amo il romanzo "Jane Eyre"❤ e anche "Twilight" mi è piaciuto molto! "Cinquanta sfumature di grigio" non l'ho letto e ho fatto bene allora, ahah! Se vuoi dare un'occhiata al mio tag sui libri➡ http://gattaracinefila.blogspot.it/

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Effettivamente sono proprio contenta, era da un po' che volevo dedicarmi a qualche Tag originale!
      Grazie per avermi lasciato il link, sono subita andata a leggere i tuoi 25 punti.
      E' bello quando nei libri acquistati trovi un segnalibro, per fortuna io li lascio lì, così non rischio di perderli!

      Elimina
  9. E' un tag davvero carino, originale e molto creativo. E poi permette di conoscere un po' meglio persone interessanti... I tuoi punti sono molto curiosi e svelano tanto di te. Condividiamo l'amore viscerale per Shakespeare: ho letto Romeo e Giulietta a 15 anni, e ovviamente... mi sono innamorata di Mercuzio!
    Se hai voglia di curiosare un po', ecco qui i miei 25 fatti libreschi:
    http://evapalumbo.blogspot.it/2016/04/25-fatti-libreschi-su-di-me.html

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Le parole nelle mani di Shakespeare assumono una forma a dir poco meravigliosa, ti ammaliano e ti sconvolgono.
      Restare indifferenti è impossibile.
      Grazie del link, passo a trovarti al più presto!

      Elimina
  10. Sarei come stata nominata anch'io ma non ho ancora avuto il tempo di scriverlo grrrrr
    Tu sei senza dubbio una lettrice molto "classica" e una scrittrice molto dotata.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se avrai modo di scriverlo, stai sicura che non mancherò di venire a presenziare!
      Purtroppo da un po' sono molto meno classica di quel che vorrei. E' questo che succede quando apri un blog e scopri tanti libri contemporanei che meritano un po' di tempo e affetto.

      Elimina
  11. Non vedo l'ora di leggere "Olga di Carta" anch'io! ^^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Visto che hai già letto Fairy Oak, Olga non potrà che rubarti il cuore!

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

GIACINTA, Luigi Capuana

"Colonnello!" disse la Giacinta, attaccandoglisi familiarmente al braccio e trascinandolo un po' verso la vetrata della terrazza con vivacità fanciullesca. (...) L'una e l'altro non riuscivano per qualche secondo a riattaccare discorso: poi la Giacinta spingeva gli occhi verso il colonnello che aveva ripreso la sua positura, e portando la punta del ventaglio alle labbra, lanciava un ebbene? un e poi? che provocava la risposta.

La mia lettura
Ho avuto un rapporto alquanto complesso con questo romanzo. Ad ogni pagina, per tutto il tempo, sentivo dolorosamente che qualcosa, qualcosa di decisamente importante, mancava. Quando finalmente sono riuscita a riporre ormai letto il libro nel suo angusto posticino nella libreria del mio studio, ho capito. Ho capito cosa non andava. Ma lascerò che sia qualcuno di più adatto allo scopo ad illuminarvi. "In generale mi piace dippiù la prima metà del tuo libro forse perché l'azione è più viva, o almeno è presentata con m…

Qualcosa si è mosso | Da SCRIVERE È UN MESTIERE PERICOLOSO a NON DITELO ALLO SCRITTORE, Alice Basso

La mia lettura
Bene. Io direi che tre giorni passati a sghignazzare di segreta soddisfazione, in una posa a metà tra genio del male che trama nell'ombra e ragazzina delle medie alla prima cotta, possono anche bastare. Adesso ricomponiamoci un attimo, per amor del cielo, e cerchiamo di affrontare la situazione con la serietà che merita. Niente di insostenibile, state sereni. Perché la storia di cui parliamo è pur sempre, fondamentalmente, una storia adorabile. Si ride sotto i baffi, ci si commuove il giusto, si annuisce con quel pizzico di consapevole malinconia, ma soprattutto ci si innamora, di brutto. (E poi non venitemi a dire che non vi avevo avvertito).

Per la serie dove eravamo rimasti, ricapitoliamo: epica vendetta ai danni di capo schiavista calcolatore e di ex fidanzato stronzo opportunista. Yeah. Uno a zero per Vani Sarca, signori, che dal finale del primo libro esce trionfante come una Erinni dei reietti, in mano un nuovo contratto rimpolpato da un sacrosanto aumento, u…

2017: tiriamo le somme

Fare un bilancio, per come la vedo io, significa essere onesti con se stessi e vedere un po' che si è combinato. Niente bluff. Ecco perché è un casino. Fuori di qui, resto sempre quella tipa lì, la nichilista, pseudo-romantica studentessa fuori corso (è il caso di festeggiare, sono entrata ufficialmente nel terzo anno già da un paio di mesi, mica uno scherzo) che va a letto con gli incubi, all'idea di avere tutta una tesi da scrivere, per non dire di un futuro nella grande spaventevole giostra del mondo in cui ancora non riesce a visualizzarsi. Passi avanti? Oh dai, ne abbiamo fatti. Per esempio, sul libretto, la mia carriera è ormai a un punto di non ritorno: tre firme ancora da apporre, gli ultimi tre esami, tre esami e puoi quasi dire di aver passato il primo step. Con quel pizzico di immaginazione che certo non ti manca puoi sentire fin qui la voce del presidente di commissione dichiararti dottoressa. Fa il suo effetto, perché negarlo. Un rito di passaggio deve fare il su…