Passa ai contenuti principali

LE ALI DELLA VITA, Vanessa Diffenbaugh


Non era troppo tardi per tornare indietro.


La mia lettura

Vorrei cercare di spendere meno parole possibili nella mia personale lettura di questo romanzo. Non come si fa di solito per glissare con eleganza libri poco amati, ma per rispettare la profondità e la semplicità di una scrittrice che usa le parole con parsimonia, arrivando dritta al punto. 

"Dicono che scrivere il secondo libro è difficile. Non so se è vero, ma io ci ho creduto, e per me è stata dura", così scrive nei Ringraziamenti Vanessa Diffenbaugh, che si è fatta subito amare dai lettori qualche anno fa con la sua opera prima Il linguaggio segreto dei fiori, il che da solo lascia intendere la sincerità di queste parole. E in un certo senso, guardando bene, Le ali della vita possiamo forse considerarlo come una sorta di seguito, come se in qualche modo l'autrice, seguendo il racconto delle vicende di Letty, ci mostrasse quello che non abbiamo potuto vedere di Victoria. Perché in effetti la storia di Letty comincia proprio dove si interrompeva quella di Victoria, sulla strada del ritorno verso casa. Ma presto sia la protagonista che il lettore scopriranno con amarezza che questo è solo il primo passo. Perché in quella casa a Bayshore, tenuta insieme fino ad allora come un delicato quadro di piume solo dalla infaticabile Maria Elena, in quella casa ci sono Alex e Luna, i suoi figli,ad aspettarla. E insieme scopriranno che anche nascosto sotto i silenzi e le debolezze di anni trascorsi sotto lo stesso tetto quasi senza conoscersi davvero, l'amore cova ancora segreto, in attesa soltanto di schiudersi e prendere il volo. 

Permettetemi di non svelarvi niente di più di questa storia, in cui ogni filo è ben intrecciato all'altro, a disegnare un percorso che sembra senza uscita, in cui si spiega lentamente la misura degli errori commessi e sembra che tutte le cose belle siano destinate a restare solo sogni. 

Tra le tante cose che ammiro di questa autrice ce ne sono almeno due: il modo in cui non lascia i suoi personaggi  (e noi lettori compresi!) a crogiolarsi nella sofficità di quel piumone che è il lieto fine, a esprimere che la vita semplicemente ... non si ferma mai! 
E poi la capacità di saper cogliere esattamente nei momenti cruciali il cuore, il nodo latente ma fondamentale che lega insieme la storia, e di scioglierlo, poi, sempre con le giuste parole alla fine.  



A questo punto vorrei solo ringraziare Stefania L'Annusalibri per la sua segnalazione dell'uscita di questo libro e ovviamente, amabilissimamente, mia madre, per avermelo regalato. 


Le ali della vita | Vanessa Diffenbaugh | Trad. di Alba Mantovani | Garzanti Libri 2015 | 334 p. | euro 18,60


Parole nuove: cera di campeche, manzanita, piro-piro. 

Bonus track: Nel covo dei pirati, Edoardo Bennato. Come mi ha insegnato mio fratello, il grande Edo ha sempre una risposta per tutto: Wendy, bambina insieme a Peter Pan, troverà proprio grazie ai suoi sogni la forza e il coraggio per diventare grande.





Il verdetto della Balena Parlante: ★★★★½




Commenti

Post popolari in questo blog

I preferiti, sotto l'albero, e tutto quello che resta da dire del 2018

L'avrete capito, no? È il momento dei listoni e cosa c'è di più banale. Eppure confesserò che a me non disturba poi granché, anzi. C'è qualcosa di così compiuto e perciò di rassicurante in una lista stilata con metodo. Per quanto, detto tra noi (ahi ahi ahi), la vostra Rosa qui presente quest'anno abbia letto una quantità di libri semplicemente miserevole. Non che i numeri significhino molto, okay, però oddio una soglia minima di 15 libri, per buona decenza, uno se la dà.
Invece ecco cosa risulta su Goodreads: You have read 13 of 30 books in 2018.
D'altra parte è vero che una Challenge offre una visione alquanto limitata della faccenda, perché, ad esempio, non tiene conto del fatto che per la prima volta da qualche anno non mi sia capitato neanche un libro veramente brutto brutto brutto o che tra i 13 suddetti sia compresa una delle più grandi narrazioni epiche mai concepite o ancora tre opere di saggistica lette a stralci ma che anche così lasciano un bagaglio rag…

Di cosa parliamo quando parliamo di Vani Sarca | Intervista ad Alice Basso

Ho incontrato Alice Basso il 15 dicembre, a Porto San Giorgio (un freddo demoniaco, ma ne valeva la pena, oh sì), durante una delle ultime presentazioni de La scrittrice del mistero (Garzanti 2018) e, a scanso di equivoci, mi sento in dovere di mettervi sull'avviso: questa donna è, realmente, quello che sembra, un concentrato di energia, il tipo con cui faresti ben volentieri notte fonda parlando sconclusionatamente di roba bellissima che non ti darà da vivere, libri libri libri film libri musica libri libri libri libri (proprio così, in loop). Soprattutto, però, quello che percepisci chiaramente, ascoltandola, leggendo i suoi libri (due racconti e quattro romanzi già pubblicati, più un quinto atteso per maggio), è che dietro il suo lavoro, di editor e di scrittrice, ci sono onestà e competenza in pari misura.
Nel 2013 è nel mondo dell'editoria da dieci anni, un ambiente «per niente asettico» (parola di Alice Basso) in cui succedono le cose più buffe e assurde, perché, molto …

GIACINTA, Luigi Capuana

"Colonnello!" disse la Giacinta, attaccandoglisi familiarmente al braccio e trascinandolo un po' verso la vetrata della terrazza con vivacità fanciullesca. (...) L'una e l'altro non riuscivano per qualche secondo a riattaccare discorso: poi la Giacinta spingeva gli occhi verso il colonnello che aveva ripreso la sua positura, e portando la punta del ventaglio alle labbra, lanciava un ebbene? un e poi? che provocava la risposta.

La mia lettura
Ho avuto un rapporto alquanto complesso con questo romanzo. Ad ogni pagina, per tutto il tempo, sentivo dolorosamente che qualcosa, qualcosa di decisamente importante, mancava. Quando finalmente sono riuscita a riporre ormai letto il libro nel suo angusto posticino nella libreria del mio studio, ho capito. Ho capito cosa non andava. Ma lascerò che sia qualcuno di più adatto allo scopo ad illuminarvi. "In generale mi piace dippiù la prima metà del tuo libro forse perché l'azione è più viva, o almeno è presentata con m…