Passa ai contenuti principali

Esclusivo #1: VILLETTE di C. Brontë e ALICE di L. Carroll

Rubrica per definizione occasionale. Tutto su ristampe, edizioni illustrate e particolarità più sopraffine.

Lunedì.
E oggi lunedì significa anche per me ritorno alla quotidianità.
Dopo aver passato discretamente, con mia somma soddisfazione, lo scoglio filologia italiana ed essermi concessa dei piacevolissimi, rigeneranti giorni di letture di libri virtuali e cartacei ... eh sì, torno alla mia vita da pendolare fra casa e l'università. In più, se gettate lo sguardo appena un po' giù nella mia sidebar vedrete con sgomento una lista non indifferente di libri da passare al vaglio-recensione ... e adesso immaginatemi pure con la faccia colpevole.
Ma prometto che fra quel po' che resta di ottobre e novembre mi darò da fare sul serio, anche perché, come vi avevo accennato qualche tempo fa avrei ancora un certo progetto da mandare avanti.
Ah già, dimenticavo che nel frattempo dovrei trovare dello spazio per tenere in incubatrice la mia tesi di laurea.

Cavolo. Adesso che è tutto nero su bianco ho una percezione più nitida del casino in cui mi trovo.
Almeno per oggi però, diciamoci un bel "PACE!". Perché oggi, esclusivo, ho due presentazioni da farvi.

                                                 
Oddio. Non sono bellissimi?

Li ho trovati tutti e due (assolutamente per un puro, fortuito caso) nella mia libreria di fiducia mentre stavo scegliendo un regalo di compleanno per la mia carissima amica D.

Appena i miei occhi si sono scontrati con il titolo Villette mi sono praticamente ritrovata il cuore in gola: sapete quando vi affannate per cercare un libro, ma vi sentite ripetere costantemente le due parole più funeste, orripilanti, raccapriccianti a orecchio di lettore, "fuori catalogo"? Se la risposta è sì, allora senz'altro non avrete difficoltà a figurarvi la bolla di felicità in cui sono rimasta imprigionata al trovarmi inaspettatamente davanti proprio quello stesso libro. Tra l'altro non faccio mistero della mia totale passione per Charlotte Brontë. Non posso che ringraziare Fazi Editore per aver realizzato uno dei miei sogni più caldeggiati.

E che dire di questa edizione di Alice? Lo so, non mi state neanche più ascoltando, siete rimasti incantati a rimirare la cover. E non avete ancora visto l'interno! Va bene, sarò clemente, vi anticipo qualcosa: illustrazioni originali di epoca vittoriana di John Tenniel e note di Martin Gardner e Masolino D'Amico, una sorta di mappa-guida per orientarsi fra segreti e misteri di uno dei mondi più bizzarri della letteratura.

Beh non so voi, ma io direi che questa settimana non potrebbe avere un incipit migliore.

Commenti

  1. Avevo visto quest'edizione di Alice su amazon e mi aveva colpito la bellezza della copertina. Non ho avuto il piacere di sfogliarla sarei quindi curiosa di vederne alcune immagini. Ce le mostrerai? *-*

    RispondiElimina
  2. Benvenuta Muriomu!
    Se ne avrò l'opportunità io per prima sarò felicissima, ma non posso promettere nulla.
    Nel frattempo però mi incuriosiscono anche le illustrazioni di Dralon di cui hai parlato così bene.

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

2017: tiriamo le somme

Fare un bilancio, per come la vedo io, significa essere onesti con se stessi e vedere un po' che si è combinato. Niente bluff. Ecco perché è un casino. Fuori di qui, resto sempre quella tipa lì, la nichilista, pseudo-romantica studentessa fuori corso (è il caso di festeggiare, sono entrata ufficialmente nel terzo anno già da un paio di mesi, mica uno scherzo) che va a letto con gli incubi, all'idea di avere tutta una tesi da scrivere, per non dire di un futuro nella grande spaventevole giostra del mondo in cui ancora non riesce a visualizzarsi. Passi avanti? Oh dai, ne abbiamo fatti. Per esempio, sul libretto, la mia carriera è ormai a un punto di non ritorno: tre firme ancora da apporre, gli ultimi tre esami, tre esami e puoi quasi dire di aver passato il primo step. Con quel pizzico di immaginazione che certo non ti manca puoi sentire fin qui la voce del presidente di commissione dichiararti dottoressa. Fa il suo effetto, perché negarlo. Un rito di passaggio deve fare il su…

GIACINTA, Luigi Capuana

"Colonnello!" disse la Giacinta, attaccandoglisi familiarmente al braccio e trascinandolo un po' verso la vetrata della terrazza con vivacità fanciullesca. (...) L'una e l'altro non riuscivano per qualche secondo a riattaccare discorso: poi la Giacinta spingeva gli occhi verso il colonnello che aveva ripreso la sua positura, e portando la punta del ventaglio alle labbra, lanciava un ebbene? un e poi? che provocava la risposta.

La mia lettura
Ho avuto un rapporto alquanto complesso con questo romanzo. Ad ogni pagina, per tutto il tempo, sentivo dolorosamente che qualcosa, qualcosa di decisamente importante, mancava. Quando finalmente sono riuscita a riporre ormai letto il libro nel suo angusto posticino nella libreria del mio studio, ho capito. Ho capito cosa non andava. Ma lascerò che sia qualcuno di più adatto allo scopo ad illuminarvi. "In generale mi piace dippiù la prima metà del tuo libro forse perché l'azione è più viva, o almeno è presentata con m…

Qualcosa si è mosso | Da SCRIVERE È UN MESTIERE PERICOLOSO a NON DITELO ALLO SCRITTORE, Alice Basso

La mia lettura
Bene. Io direi che tre giorni passati a sghignazzare di segreta soddisfazione, in una posa a metà tra genio del male che trama nell'ombra e ragazzina delle medie alla prima cotta, possono anche bastare. Adesso ricomponiamoci un attimo, per amor del cielo, e cerchiamo di affrontare la situazione con la serietà che merita. Niente di insostenibile, state sereni. Perché la storia di cui parliamo è pur sempre, fondamentalmente, una storia adorabile. Si ride sotto i baffi, ci si commuove il giusto, si annuisce con quel pizzico di consapevole malinconia, ma soprattutto ci si innamora, di brutto. (E poi non venitemi a dire che non vi avevo avvertito).

Per la serie dove eravamo rimasti, ricapitoliamo: epica vendetta ai danni di capo schiavista calcolatore e di ex fidanzato stronzo opportunista. Yeah. Uno a zero per Vani Sarca, signori, che dal finale del primo libro esce trionfante come una Erinni dei reietti, in mano un nuovo contratto rimpolpato da un sacrosanto aumento, u…