Passa ai contenuti principali

Books, chocolate and ... friends: conclusione del GdL

Oggi si conclude ufficialmente il gruppo di lettura Books, chocolate and ... friends che anche quest'anno Muriomu ha organizzato, in collaborazione con La ragazza che annusava i libri, Penna d'oro e Il salotto del gatto libraio.
Colgo l'occasione (l'ultima, ormai, ahimè) per ringraziare tutte voi per la splendida organizzazione e ovviamente Little Pigo, che ha ispirato la scelta del libro. Scelta assolutamente perfetta e dolcissima per questo Natale, che sicuramente ognuna di noi avrà sentito e vissuto in modo diverso, con una percezione più profonda del suo mistero e della sua magia, imparando ad essere grati per ciò che abbiamo, sperando di poter dire un giorno, come Nikolas "Sono stato fortunato a vivere questa vita".

Immagino però che anche voi, come me, abbiate già un po' di nostalgia per il nostro GdL, e così ho pensato di proporvi "Miracolo in una notte d'Inverno" in un piccolo riepilogo, attraverso le citazioni e i passaggi che ci hanno emozionato di più.
Buona (ri)lettura!

"Immaginate di avere le ali, come un'aquila" esordì il nonno. "Ali che vi fanno librare nell'aria e volare fino all'isola della famiglia dei Pukki. Le ali della fantasia".

"Sta arrivando l'inverno anche quest'anno" rispose Einar indicando il cielo. "E sembra davvero minaccioso".

"E' un regalo per Ada" bisbigliò. "Per Natale".
"Ah sì?" chiese Einar meravigliato. "Ma a Natale non usa fare regali".

Voleva fissare tutto nella memoria per non dimenticarlo mai. Si riempì i polmoni dell'odore familiare di casa. No, non avrebbe dimenticato. Non sarebbe accaduto.

"Addio papà. Addio mamma." (...) "Ma a te non dico addio piccola Ada".

Per lui il Natale era un momento di grande dolore, ma non c'era motivo che lo fosse anche per Emil e Helena.

Quando era arrivato la prima volta in paese si era imbattuto in Isak, e ora che andarsene stava diventando una possibilità concreta lo incontrava di nuovo. Il destino sembrava volerci mettere lo zampino.

"Il premio della gara è tuo. Tra tutti noi sei quello che lo merita di più. E' il nostro regalo di Natale, così ti ricorderai di noi".

Il corso delle stagioni era talmente armonioso e regolare da far dimenticare a Nikolas che il tempo non è una ruota, che può girare all'infinito nello stesso cerchio, senza logorarsi.
Ma ogni stagione lasciava il segno sulla pelle di Nikolas e Isak. Ogni anno che passa lascia un anello nel tronco degli alberi e lo stesso fa con le persone.

"Il mare ha imposto a entrambi un duro sacrificio, ma ci ha anche restituito tanto".

Non sarebbe mai riuscito a sfuggire alla sofferenza, anche se avesse camminato fino ai confini del mondo.
Seduto su quella pietra lasciò che il dolore lo raggiungesse.

L'enorme sagoma in movimento del poderoso rapace si proiettava sul pendio, come a voler mostrare l'esistenza di un'altra dimensione, un regno delle ombre, un riflesso nascosto del mondo reale.

"Un giorno ho capito che avevo fatto regali solo alle persone che mi avevano aiutato" continuò sedendosi di fronte a Emil. "Pensa che egoista sono stato!".

"Vedi, io ho un sogno" spiegò Nikolas. "Vorrei che questa tradizione continuasse anche quando io non ci sarò più".

Pensava spesso ad Ada come a una vite selvatica, e a se stesso come a un muro conquistato da quella pianta, i cui rigogliosi tralci si arrampicavano lungo la parete nascondendone le crepe, e donandole nuovo splendore.

"Anch'io ho imparato molto da te".
"Da me?"
"Sì. Da te ho imparato la gioia di dare senza ricevere"

Ora era tutto chiaro. Aveva finalmente chiuso i conti con il passato. Pensò che l'inverno successivo, quando la neve che entrava dal vetro rotto si sarebbe di nuovo accumulata, l'alberello non sarebbe più sembrato tanto piccolo. Sarebbe stato un albero grande, e poi sarebbe invecchiato. Forse sarebbe diventato cavo e avrebbe ospitato il nido di una civetta delle nevi. 

"Un amico del mio babbo" disse sorridendo al piccolo Nikolas. "Quello che ci è volato sopra la testa la notte di Natale, era un amico del mio babbo."
"Babbo Natale! Babbo Natale".

"Pensate se qualcuno tra cento o duecento anni ritroverà lo scrigno, come è capitato a voi l'estate scorsa" continuò il nonno. "Pensate che meraviglia!". 

Commenti

  1. Che meraviglia sarebbe trovare nel mare uno dei regalini che Nikolas ha costruito per la sua Ada, la sua dolce Sirenetta *-*
    Ancora grazie per la tua partecipazione ❤️

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

I preferiti, sotto l'albero, e tutto quello che resta da dire del 2018

L'avrete capito, no? È il momento dei listoni e cosa c'è di più banale. Eppure confesserò che a me non disturba poi granché, anzi. C'è qualcosa di così compiuto e perciò di rassicurante in una lista stilata con metodo. Per quanto, detto tra noi (ahi ahi ahi), la vostra Rosa qui presente quest'anno abbia letto una quantità di libri semplicemente miserevole. Non che i numeri significhino molto, okay, però oddio una soglia minima di 15 libri, per buona decenza, uno se la dà.
Invece ecco cosa risulta su Goodreads: You have read 13 of 30 books in 2018.
D'altra parte è vero che una Challenge offre una visione alquanto limitata della faccenda, perché, ad esempio, non tiene conto del fatto che per la prima volta da qualche anno non mi sia capitato neanche un libro veramente brutto brutto brutto o che tra i 13 suddetti sia compresa una delle più grandi narrazioni epiche mai concepite o ancora tre opere di saggistica lette a stralci ma che anche così lasciano un bagaglio rag…

L'amore è per segugi | LA SCRITTRICE DEL MISTERO, Alice Basso

La mia lettura
«E dai, non potrà mica sempre andare bene, prima o poi il calo sarà fisiologico, ci scommetto che siamo arrivati a questo stadio, come quando fai i test a crocette e se escono troppi "sì" di fila sicuro che arriva anche il momento del "no", quindi crepi di fifa». Questa è la comicità di Alice Basso, in uno dei suoi irriverenti, scoppiettanti, dolcissimi post su Facebook (una droga pesante, stateci attenti) e se c'è una cosa che ormai dovreste aver capito di Alice Basso è che la comicità, nelle sue mani, è un fucile di precisione. Perché, se è vero che non uno tra noi lettori avrebbe esitato a vendere l'anima al diavolo per questo oggetto sacro e benedetto, La scrittrice del mistero, edito Garzanti, il quarto libro (signori, il Q U A R T O libro) di Vani Sarca, pure, quel tanto così di fifa blu c'era. Brutta faccenda avere aspettative altissime. Ancor più brutto, esser stati mollati proprio su un finale perfetto, da sipario che si chiude e…

I Nuovi Mostri | L'ELEGANZA DEL RICCIO, Muriel Barbery

| I Mostri Antichi li conosciamo, o quantomeno fingiamo di conoscerli, ma i Nuovi Mostri? Chi sono, dove sono?



La mia lettura

L'arte è la vita, ma su un altro ritmo.
Vi consiglio di prenderla molto sul serio questa frase, perché stavolta proveremo davvero a dire quanto contiene e significa questo libro.

Brevemente però, intanto, i prodromi.

Dovremmo osservare anzitutto, a beneficio del lettore che si accosti alla lettura, che la prima esperienza, come ogni rito iniziatico, imprime a fuoco il suo marchio.
Se poi sei giovane e dunque vorace, con una passione mortale per il grande romanzo russo ottocentesco, e se covi la pazza idea che la lingua racchiuda ermeticamente nei suoi segreti meccanismi la categoria del sublime, allora questa, sappilo, sarà la lettura che non ti lascerà scampo alcuno.
Per chi c'è già passato (e questo è il mio caso) il discorso si complica insolitamente: in mezzo si frappongono pur sempre quei sei o sette anni, che significano altre esperienze, altre le…