Passa ai contenuti principali

Books, chocolate and friends: prima tappa

Sapete cos'hanno di brutto le piccole cittadine?
Non hanno librerie.
Appena dietro l'angolo la macelleria, se attraversi la strada ne trovi addirittura un'altra, pizzerie ad ogni buco disponibile, parrucchiere sempre piene, da un po' persino l'abbigliamento è tornato alla ribalta, edicola e cartolibreria sì ovviamente ... ma di libri non c'è odore in giro.
Sissignori: Rosa, la Lettrice di Casa, se vuole un libro, deve percorrere gli undici chilometri che la separano dalla sua libreria di fiducia. Crudele, beffardo destino.
Praticamente, qui da me, un'iniziativa libresca è quasi un atto di ribellione. E quasi inevitabilmente fallimentare.
Così quando Marzia del blog Cafè Litteraire da Muriomu mi ha lasciato un invito per il suo gruppo di lettura Books Chocolate and Friends non mi sono certo fatta pregare! Perché c'è solo una cosa che un lettore cronico ama più della lettura: condividerla, perbacco!
Dopo una settimana amabilmente trascorsa in chiacchiere tra lettori, l'annuncio è ufficiale: ebbene sì, sono arcifelice di avere un profilo Facebook.
Bando alle ciance ... senza ulteriori indugi, vi presento quello che da una settimana è diventato il mio (anzi, il nostro) nuovo compagno di viaggio.


Voltate poche pagine appena dopo la copertina (non vi sembra di avvertire già da qui un'aura di leggenda e magia?) troverete ad attendervi una favola piccola piccola, che si svela ad ogni "finestra" con la stessa delicatezza di un quadro ad acquerelli.
"Miracolo in una notte d'inverno" è una storia così lontana nel tempo da confondersi con la fantasia, finché Tommi e Ossi non trovano in fondo al mare uno scrigno in legno finemente lavorato che contiene due oggetti apparentemente privi di valore: un orologio e un biglietto con queste parole: "Buon Natale alla mia cara sorellina Ada. Tuo fratello Nikolas".
Ed è proprio da qui che comincia il racconto del loro nonno. Una sera alla volta. Come un calendario dell'avvento.
In un inclemente inverno artico, pochi giorni prima di Natale, l'infanzia felice del piccolo Nikolas viene spazzata via dal mare in tempesta.
Dopo aver sepolto i suoi genitori e aver lanciato nelle acque del mare il suo regalo di compleanno all'amatissima sorella Ada, che lui immagina adesso come una bella sirenetta, la vita del nostro Nikolas deve in qualche modo andare avanti. Adottato dal villaggio di Korvajoki, Nikolas ha troppa paura di aprire di nuovo il suo cuore e non si sente ancora pronto a lasciar andare via il suo dolore, l'unica cosa che ancora lo lega al ricordo della sua famiglia.
In questi giorni di lettura condivisa, è stato proprio il lutto e l'azione del tempo su di esso, il tema su cui più si è discusso. 
Vorrei lasciarvi, a questo proposito, con una frase che mi ha colpito molto. Giusto oggi pomeriggio, mentre stavo guardando su Rai 3 il telefilm ritrasmesso di recente La casa nella prateria (l'appuntamento quotidiano mio e di mia madre) la vecchia Kezia, ad un certo punto, dice proprio così:  "Le sofferenze si dimenticano, l'amore invece resta".
Ecco le poche, semplici parole che gli abitanti di Korvajoki avrebbero dovuto dire a Nikolas.
Ma forse questo meraviglioso bambino troverà la forza per scoprirlo da solo. 
  

Commenti

  1. Grazie mille Rosa per la tua preziosa partecipazione e i tuoi interventi sempre attenti <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho atteso con grande impazienza questa opportunità, sin da quando avevo adocchiato il banner sul tuo blog qualche mese fa. Quindi ... sono io che ti ringrazio!

      Elimina
  2. Tu sei una lettrice da ammirare, ma anche una scrittrice dai pensieri profondi ed è sempre un piacere leggere i tuoi commenti sul gdl di Muriomu

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oddio, ecco ... mi sono sciolta tutta.
      E' proprio questo il motivo per cui alla fine mi sono decisa a mettere su un blog letterario.
      Penso che il compito di ogni lettore non sia semplicemente leggere, ma spulciare, sviscerare un libro fino a trarne fuori tutto quello che vi si può leggere.
      Oh! Onoratissima, ovviamente, di averti fra i lettori del blog.

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

GIACINTA, Luigi Capuana

"Colonnello!" disse la Giacinta, attaccandoglisi familiarmente al braccio e trascinandolo un po' verso la vetrata della terrazza con vivacità fanciullesca. (...) L'una e l'altro non riuscivano per qualche secondo a riattaccare discorso: poi la Giacinta spingeva gli occhi verso il colonnello che aveva ripreso la sua positura, e portando la punta del ventaglio alle labbra, lanciava un ebbene? un e poi? che provocava la risposta.

La mia lettura
Ho avuto un rapporto alquanto complesso con questo romanzo. Ad ogni pagina, per tutto il tempo, sentivo dolorosamente che qualcosa, qualcosa di decisamente importante, mancava. Quando finalmente sono riuscita a riporre ormai letto il libro nel suo angusto posticino nella libreria del mio studio, ho capito. Ho capito cosa non andava. Ma lascerò che sia qualcuno di più adatto allo scopo ad illuminarvi. "In generale mi piace dippiù la prima metà del tuo libro forse perché l'azione è più viva, o almeno è presentata con m…

Qualcosa si è mosso | Da SCRIVERE È UN MESTIERE PERICOLOSO a NON DITELO ALLO SCRITTORE, Alice Basso

La mia lettura
Bene. Io direi che tre giorni passati a sghignazzare di segreta soddisfazione, in una posa a metà tra genio del male che trama nell'ombra e ragazzina delle medie alla prima cotta, possono anche bastare. Adesso ricomponiamoci un attimo, per amor del cielo, e cerchiamo di affrontare la situazione con la serietà che merita. Niente di insostenibile, state sereni. Perché la storia di cui parliamo è pur sempre, fondamentalmente, una storia adorabile. Si ride sotto i baffi, ci si commuove il giusto, si annuisce con quel pizzico di consapevole malinconia, ma soprattutto ci si innamora, di brutto. (E poi non venitemi a dire che non vi avevo avvertito).

Per la serie dove eravamo rimasti, ricapitoliamo: epica vendetta ai danni di capo schiavista calcolatore e di ex fidanzato stronzo opportunista. Yeah. Uno a zero per Vani Sarca, signori, che dal finale del primo libro esce trionfante come una Erinni dei reietti, in mano un nuovo contratto rimpolpato da un sacrosanto aumento, u…

2017: tiriamo le somme

Fare un bilancio, per come la vedo io, significa essere onesti con se stessi e vedere un po' che si è combinato. Niente bluff. Ecco perché è un casino. Fuori di qui, resto sempre quella tipa lì, la nichilista, pseudo-romantica studentessa fuori corso (è il caso di festeggiare, sono entrata ufficialmente nel terzo anno già da un paio di mesi, mica uno scherzo) che va a letto con gli incubi, all'idea di avere tutta una tesi da scrivere, per non dire di un futuro nella grande spaventevole giostra del mondo in cui ancora non riesce a visualizzarsi. Passi avanti? Oh dai, ne abbiamo fatti. Per esempio, sul libretto, la mia carriera è ormai a un punto di non ritorno: tre firme ancora da apporre, gli ultimi tre esami, tre esami e puoi quasi dire di aver passato il primo step. Con quel pizzico di immaginazione che certo non ti manca puoi sentire fin qui la voce del presidente di commissione dichiararti dottoressa. Fa il suo effetto, perché negarlo. Un rito di passaggio deve fare il su…