Passa ai contenuti principali

Esclusivo #3: IL PROFESSORE di C. Brontë e EMMA di J. Austen

Rubrica per definizione occasionale. Tutto su ristampe, edizioni illustrate e particolarità più sopraffine.

Buongiorno blogosfera e buon inizio di settimana.
Cosa combino io in questi giorni? Mi dedico piacevolmente, deliberatamente alle mie letture arretrate, curo con amore il blog ... e convivo costantemente con i sensi di colpa.
E certo: se sai che fra poco meno di due mesi, ti aspetta al banco di prova Storia della lingua latina, tenere fra le mani un libro che non riporti severamente in frontespizio il titolo Testi latini arcaici e volgari, ti fa sentire un'incosciente sconsiderata.
Perciò lasciate che questa lettrice-barra-studentessa-disperata si senta vagamente utile.

Sapete cosa mi piace di una casa editrice? Che proponga in quantità smodata riedizioni di libri introvabili. Un bel favore per un lettore.
Fazi Editore, devo riconoscere, si sta dando un bel daffare con le opere di Charlotte Brontë.
Dopo Villette (ultima fatica della mia divina) e in mezzo anche Shirley, viene infatti riproposto il primo romanzo della scrittrice che si celava mestamente dietro l'identità fittizia di Currer Bell.

Charlotte Brontë
Il professore
Fazi Editore
Prezzo: 18
Data di pubblicazione: 14 aprile 2016
Sinossi:
Il professore è il primo romanzo scritto da Charlotte Brontë. Inizialmente rifiutato dagli editori perché giudicato troppo realistico, fu pubblicato solo nel 1857, due anni dopo la morte dell’autrice. Il protagonista è William Crimsworth, primo e unico narratore maschile da lei utilizzato, il quale racconta in prima persona la sua storia: uomo sensibile e colto, fugge da un lavoro pesante e competitivo nella zona industriale dello Yorkshire e si trasferisce in Belgio per insegnare presso un istituto femminile. Qui conosce Frances Henri, studentessa indigente e particolarmente dotata della quale poco alla volta si innamora, corrisposto. Ma la coppia non avrà vita facile: saranno infatti molte le avversità che i due dovranno affrontare – a cominciare dall’aperta ostilità dell’astuta direttrice della scuola – prima di riuscire a coronare il loro amore.
Come Villette, Il professore prende spunto dall’esperienza personale della Brontë, che nel 1842, quando studiava il francese a Bruxelles, si innamorò del suo insegnante, Monsieur Héger (una relazione che non ebbe però un lieto fine). Lettura trascinante, il romanzo formula un’estetica nuova, mettendo in discussione molti dei presupposti su cui era basata la società vittoriana e rivelandosi come precursore dei lavori più maturi dell’autrice: l’approfondimento psicologico dei personaggi e la vivacità descrittiva degli ambienti in cui si muovono sono chiaramente riconducibili al genio di Charlotte Brontë.

Un romanzo crudo, a tratti crudele, che tra le sue spine rivela in boccio, la forza e la passionalità del futuro capolavoro brontiano. 


Compiendo qualche passo a ritroso, lungo i sentieri del tempo, finiamo inevitabilmente per passeggiare nel bel mezzo della campagna dello Hampshire, a Steventon, luogo di nascita di un'altra imprescindibile figura della letteratura inglese (nonché della letteratura occidentale).
Incontriamo Jane Austen. Una delle autrici più amate di tutti i tempi.
Non è questo il luogo e il tempo per raccontarvi come io e lei, un bel giorno di parecchi anni fa, ci siamo al fine conosciute.
Voglio invece presentarvi uno dei suoi romanzi, anzi il romanzo. Quello che, fra tutti, mi ha rubato il cuore.
Questa che vi mostro è l'edizione curata dalla JASIT in occasione del bicentenario dell'opera.
Se siete curiosi, qui potete dare una sbirciata all'anteprima.

Jane Austen
Emma
Traduzione di Giuseppe Ierolli
Edizioni ilmiolibro.it - Narrativa
Pagine 488
Prezzo: 16, 50 (su ilmiolibro.it, più spese di spedizione)
Il “Gelsomino bianco” (Jasminum officinale) significa “Amabilità” e rappresenta l’animo di Emma Woodhouse, mentre il cappello a cilindro rappresenta la sua controparte e, in qualche modo, la sua coscienza, ovvero Mr. Knightley.

Una ricca, brillante, spumeggiante commedia degli equivoci. Un'eroina così odiosa e imperfetta che è impossibile non innamorarsene. 



Commenti

  1. Bel post :D
    Sicuramente leggerò Il professore ;D
    Mentre Emma è uno dei miei preferiti della cara Austen.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anch'io adoro Emma, quasi più di Orgoglio e pregiudizio.
      In effetti è l'unico romanzo firmato Austen che ho letto più di una volta.
      Verrò sicuramente a trovarti, quando recensirai "Il professore".

      Elimina
    2. p.s: ho nominato il tuo blog a questo link party http://lasoffittadiamelia.blogspot.it/2016/04/link-party-giveaway-birthday-blog.html
      :)

      Elimina
  2. Io amo i classici e questo post mi è piaciuto un sacco :) Emma di Jane Austen lo possiedo ma non l'ho ancora letto, lo farò presto :) Mentre Il Professore mi manca.. mi devo munire di nuovi classici mi sa :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Uuuuuh! Allora cosa aspetti, DEVI leggerlo!
      Confesso che prima di iniziare l'università leggevo molti più classici (cosa strana a dirsi), ma cerco sempre di infilarne qualcuno dove possibile.

      Elimina
  3. Post molto interessante, cara Rosa! Charlotte Bronte è tra le scrittrici che amo e leggerò sicuramente "Il professore" :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono sempre felice di accendere il vostro interesse e Charlotte Bronte è una scrittrice che non può non essere conosciuta e amata in un'intera vita tra i libri.
      Ho la sensazione che questo romanzo ti colpirà. Sono molto curiosa di conoscere il tuo pensiero a riguardo.

      Elimina
  4. Avevo adocchiato questa nuova uscita della Fazi Editore, lo leggerò sicuramente.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La Fazi Editore ci sta viziando. Spero tanto continui così!
      Forse troverai un po' ostico il personaggio di William Crimsworth, ma è un romanzo che non posso non consigliare.

      Elimina
  5. Oddio non so se lo leggerò mai il professore, ma Emma vorrei tanto!
    Comunque fila a studiare eh! Ti abbraccio cara

    RispondiElimina
  6. Oddio non so se lo leggerò mai il professore, ma Emma vorrei tanto!
    Comunque fila a studiare eh! Ti abbraccio cara

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ricorda, Cuore, mi hai promesso che in questa vita "Emma" lo leggerai!
      Porto a termine le recensioni arretrate e infilo diligentemente la testa nei libri (quelli universitari).

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

GIACINTA, Luigi Capuana

"Colonnello!" disse la Giacinta, attaccandoglisi familiarmente al braccio e trascinandolo un po' verso la vetrata della terrazza con vivacità fanciullesca. (...) L'una e l'altro non riuscivano per qualche secondo a riattaccare discorso: poi la Giacinta spingeva gli occhi verso il colonnello che aveva ripreso la sua positura, e portando la punta del ventaglio alle labbra, lanciava un ebbene? un e poi? che provocava la risposta.

La mia lettura
Ho avuto un rapporto alquanto complesso con questo romanzo. Ad ogni pagina, per tutto il tempo, sentivo dolorosamente che qualcosa, qualcosa di decisamente importante, mancava. Quando finalmente sono riuscita a riporre ormai letto il libro nel suo angusto posticino nella libreria del mio studio, ho capito. Ho capito cosa non andava. Ma lascerò che sia qualcuno di più adatto allo scopo ad illuminarvi. "In generale mi piace dippiù la prima metà del tuo libro forse perché l'azione è più viva, o almeno è presentata con m…

Qualcosa si è mosso | Da SCRIVERE È UN MESTIERE PERICOLOSO a NON DITELO ALLO SCRITTORE, Alice Basso

La mia lettura
Bene. Io direi che tre giorni passati a sghignazzare di segreta soddisfazione, in una posa a metà tra genio del male che trama nell'ombra e ragazzina delle medie alla prima cotta, possono anche bastare. Adesso ricomponiamoci un attimo, per amor del cielo, e cerchiamo di affrontare la situazione con la serietà che merita. Niente di insostenibile, state sereni. Perché la storia di cui parliamo è pur sempre, fondamentalmente, una storia adorabile. Si ride sotto i baffi, ci si commuove il giusto, si annuisce con quel pizzico di consapevole malinconia, ma soprattutto ci si innamora, di brutto. (E poi non venitemi a dire che non vi avevo avvertito).

Per la serie dove eravamo rimasti, ricapitoliamo: epica vendetta ai danni di capo schiavista calcolatore e di ex fidanzato stronzo opportunista. Yeah. Uno a zero per Vani Sarca, signori, che dal finale del primo libro esce trionfante come una Erinni dei reietti, in mano un nuovo contratto rimpolpato da un sacrosanto aumento, u…

2017: tiriamo le somme

Fare un bilancio, per come la vedo io, significa essere onesti con se stessi e vedere un po' che si è combinato. Niente bluff. Ecco perché è un casino. Fuori di qui, resto sempre quella tipa lì, la nichilista, pseudo-romantica studentessa fuori corso (è il caso di festeggiare, sono entrata ufficialmente nel terzo anno già da un paio di mesi, mica uno scherzo) che va a letto con gli incubi, all'idea di avere tutta una tesi da scrivere, per non dire di un futuro nella grande spaventevole giostra del mondo in cui ancora non riesce a visualizzarsi. Passi avanti? Oh dai, ne abbiamo fatti. Per esempio, sul libretto, la mia carriera è ormai a un punto di non ritorno: tre firme ancora da apporre, gli ultimi tre esami, tre esami e puoi quasi dire di aver passato il primo step. Con quel pizzico di immaginazione che certo non ti manca puoi sentire fin qui la voce del presidente di commissione dichiararti dottoressa. Fa il suo effetto, perché negarlo. Un rito di passaggio deve fare il su…