Passa ai contenuti principali

Tweeting about books #3

Rubrica ideata da me dedicata al social reading: tweet-interviste, contest, letture condivise, esercizi di riscrittura ... questo e altro dal lunotto di Twitter.

Stendo le braccia davanti a me, come una nuotatrice provetta su un trampolino, pronta a tuffarsi ... e tiro fuori un sonoro, miagolante sospiro.
Fiùùùùùùùùùù.
Se Aprile si apre con questo incipit, allora prevedo cose non molto positive.
Mi alzo dal letto e intuisco che qualcosa non va. Il cordless e il campanello di casa concertano all'unisono e io ho appena aperto gli occhi.
Bene, mi dico, sarà una mattinata infernale.
Mamma entra tutta trafelata, io, giustamente, ho già terribili visioni di morti, incidenti, disgrazie innominabili ... poi capisco che è lei, lei non sta bene.
Così alla fine, dopo aver inutilmente temporeggiato con il Ritorno della Brutta Bestia (no, tranquilli, non un tumore, ma un orrido mal di pancia) decidiamo di mobilitare l'Esercito della Salvezza, nonno e nonna. Nonna (ma guarda, anche lei non sta proprio tanto su) viene ben organizzata, asso nella manica, l'infallibile Anti-Tutto, acqua, limone e zucchero, ed io, quale sua pronta assistente.
Ma mamma: niente acqua e limone!
Nonna: Due gocce ...
Mamma: Se proprio ...
Niente. (Nonno nel frattempo contempla la scena in una placida ansia).
Nonna: Proviamo con X (x uguale: vattelappesca).
Pochino meglio.
Nonna: Fermi tutti! Lo so io che ci vuole!
Eh già, che ci vuole secondo voi? Nonna, il pilastro, la pietra d'angolo su cui poggia la fede cristiana di tutta la mia famiglia, nei momenti più estremi, assume le vesti dell'antica saggezza popolare e mi inizia ai misteri ... del rito contro il malocchio!
Io osservo il rituale affascinata, mi torna in mente quante volte, quand'ero piccola, nonna aveva compiuto quei gesti su di me. È buffo come certe cose ti si appiccichino addosso e non ti lascino più, per tutta la vita.
Comunque alla fine tutto si è concluso per il meglio. La Guardia si è ritirata, mamma è andata a stendersi e fortunatamente papà è stato sufficientemente occupato al negozio da non chiamare l'ambulanza e i pompieri e il pronto intervento.

Ma guarda, è uscita fuori un'opera buffa!
So che voi leggete il titolo del post prima di cliccarci sopra, quindi chiaramente non vi aspettavate nulla di tutto questo, tuttavia, all'improvviso, ho sentito fluirmi le parole direttamente dalle mani alla tastiera, ho sentito il bisogno impellente ... di raccontare. Perché quando le cose assumono una piega inaspettata o dolorosa, allora quello è il momento perfetto per iniziare un racconto. Raccontare è la cosa che ci riesce meglio, raccontare è ciò che fa di noi uomini e donne, creature pensanti e coscienti.
Credo si possa dire che la memoria è la nostra casa e la fantasia la nostra avventura.
E qui arriviamo al tema principale di cui avevo intenzione di parlarvi.
Alcuni di voi, presumo, conosceranno, almeno per sentito dire, un certo Will di Stratford-Upon-Avon o Will il Bardo. All'anagrafe dei grandi nomi della letteratura, William Shakespeare. La cui data della morte cade precisamente il 23 di questo mese. Ora, stando alle fonti di cui sono a conoscenza, sembra proprio che con quest'anno ... siano trascorsi ben quattro secoli (!) dalla suddetta data.
E il bello viene adesso.
TwLetteratura, il luogo in cui lettura e scrittura social s'incontrano come per magia, ha deciso di adottare come testo (da leggere, riscrivere, citare, commentare, etc), in occasione di questa ricorrenza, l'opera senza dubbio più celebre e amata del poeta e drammaturgo inglese: Hamlet.
Due parole: sono gasatissima!
Quindi tutti voi abitanti dei meandri di Twitter siete caldamente invitati a partecipare. Vi lascio qui il link con tutte le informazioni. Vi ricordo inoltre che, nel caso non aveste a disposizione il testo, è possibile reperire facilmente il Pdf (in lingua o tradotto) direttamente su Google.

Oh, mi sono dimenticata di dirvi una cosa: l'iniziativa è già in corso, proprio da oggi e  verrà portata avanti seguendo il calendario, a suon di hashtag #HamleTw, fino, appunto, al 23 aprile.
Buona lettura e ... buon divertimento!

Commenti

  1. Aaaaahh Rosa.. il rituale del malocchio.. lo conosco molto bene.. Non so quanto di vero ci sia, ma io ricorro spesso all'aiuto di nonna (anche nella mia famiglia è compito suo) e alle sue parole per scongiurare il malocchio.. a volte funziona, eh! ;) comunque davvero interessante l'iniziativa, mi informerò meglio ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dimenticavo Rosa, ti ho invitata a questo carinissimo link party spring http://cinebooksblog.blogspot.it/2016/04/link-party-we-love-spring.html?showComment=1459605853364#c4615718403595550681
      Passa a dre un'occhiata se ti va ;)

      Elimina
    2. Oh! Che onore essere stata nominata da te. Avevo visto il link party ma ero indecisa ... a questo punto, però, non posso proprio tirarmi indietro.

      Elimina
  2. Che bella famiglia Rosa! Hai descritto un quadretto magnifico a parte il fatto che la tua mamma non stava tanto bene, ma l'Esercito della Salvezza ha fatto sicuramente un ottimo lavoro!!!

    Non ti ho ancora ringraziato per il link party, quindi grazissime. Instagram mi piace un sacco...parteciperò sicuramente!

    Ma che bello è il gioco di #HamleTw?? Twitter ce l'ho e Hamlet pure ma non l'ho mai letto per paura di non riuscire a comprenderlo bene. Questa iniziativa però mi ha chiamata!! Quindi vado a leggere!
    Questa tua rubrica continua ad essere una rivelazione!!^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Chi potrebbe sopravvivere per più di un secondo, senza una famiglia?
      Contenta di trovarti come partecipante al link party di Cinebooks Blog e che questa rubrica ti sia utile e gradita.
      Su Amleto, non avere paura, segui il tuo istinto di lettrice. Se poi proprio non dovesse accenderti nulla, pazienza, ma ti consiglierei comunque un secondo tentativo, magari più in là, quando ti sembrerà più opportuno.
      Shakespeare ha il potere di incantarti, due parole e sei stregata.

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

2017: tiriamo le somme

Fare un bilancio, per come la vedo io, significa essere onesti con se stessi e vedere un po' che si è combinato. Niente bluff. Ecco perché è un casino. Fuori di qui, resto sempre quella tipa lì, la nichilista, pseudo-romantica studentessa fuori corso (è il caso di festeggiare, sono entrata ufficialmente nel terzo anno già da un paio di mesi, mica uno scherzo) che va a letto con gli incubi, all'idea di avere tutta una tesi da scrivere, per non dire di un futuro nella grande spaventevole giostra del mondo in cui ancora non riesce a visualizzarsi. Passi avanti? Oh dai, ne abbiamo fatti. Per esempio, sul libretto, la mia carriera è ormai a un punto di non ritorno: tre firme ancora da apporre, gli ultimi tre esami, tre esami e puoi quasi dire di aver passato il primo step. Con quel pizzico di immaginazione che certo non ti manca puoi sentire fin qui la voce del presidente di commissione dichiararti dottoressa. Fa il suo effetto, perché negarlo. Un rito di passaggio deve fare il su…

GIACINTA, Luigi Capuana

"Colonnello!" disse la Giacinta, attaccandoglisi familiarmente al braccio e trascinandolo un po' verso la vetrata della terrazza con vivacità fanciullesca. (...) L'una e l'altro non riuscivano per qualche secondo a riattaccare discorso: poi la Giacinta spingeva gli occhi verso il colonnello che aveva ripreso la sua positura, e portando la punta del ventaglio alle labbra, lanciava un ebbene? un e poi? che provocava la risposta.

La mia lettura
Ho avuto un rapporto alquanto complesso con questo romanzo. Ad ogni pagina, per tutto il tempo, sentivo dolorosamente che qualcosa, qualcosa di decisamente importante, mancava. Quando finalmente sono riuscita a riporre ormai letto il libro nel suo angusto posticino nella libreria del mio studio, ho capito. Ho capito cosa non andava. Ma lascerò che sia qualcuno di più adatto allo scopo ad illuminarvi. "In generale mi piace dippiù la prima metà del tuo libro forse perché l'azione è più viva, o almeno è presentata con m…

Qualcosa si è mosso | Da SCRIVERE È UN MESTIERE PERICOLOSO a NON DITELO ALLO SCRITTORE, Alice Basso

La mia lettura
Bene. Io direi che tre giorni passati a sghignazzare di segreta soddisfazione, in una posa a metà tra genio del male che trama nell'ombra e ragazzina delle medie alla prima cotta, possono anche bastare. Adesso ricomponiamoci un attimo, per amor del cielo, e cerchiamo di affrontare la situazione con la serietà che merita. Niente di insostenibile, state sereni. Perché la storia di cui parliamo è pur sempre, fondamentalmente, una storia adorabile. Si ride sotto i baffi, ci si commuove il giusto, si annuisce con quel pizzico di consapevole malinconia, ma soprattutto ci si innamora, di brutto. (E poi non venitemi a dire che non vi avevo avvertito).

Per la serie dove eravamo rimasti, ricapitoliamo: epica vendetta ai danni di capo schiavista calcolatore e di ex fidanzato stronzo opportunista. Yeah. Uno a zero per Vani Sarca, signori, che dal finale del primo libro esce trionfante come una Erinni dei reietti, in mano un nuovo contratto rimpolpato da un sacrosanto aumento, u…