Passa ai contenuti principali

Cosa c'è in agenda? #1

Cosa leggo? Cosa scrivo? Questi sono i punti all'ordine del giorno della mia agenda letteraria. Qui li ricapitoliamo passo passo.

Buongiorno lettori!
Devo dire che sono molto stupita del punto esclamativo che ho appena digitato, dato che qui da me va tutto male. Meteorologicamente parlando, intendo.
È un dato di fatto palesemente manifesto.
Quando mi lavo i capelli, il giorno dopo il Cielo scatena la sua ira divina.
Se state per dirmi che si tratta solo di un'inopportuna, infausta coincidenza, vi smentisco.
Sabato scorso i miei capelli si era mantenuti bene e così, una volta tanto, ho deciso di passare. Quella domenica è stata la prima (dopo ... non ricordo neanche quanto tempo!) in cui neppure una goccia di pioggia è scesa giù.
Grrrrrr! Mi mangerei la bombetta (se ce l'avessi) come Rockerduck.
Ma direi che vi ho già tediati più che a sufficienza. Ovviamente non siete qui per sentire le mie allucinate divagazioni. Ed io neppure.
Fra le altre cose (caccia ai libri, racconti di letture personali, bighellonaggio allegro e spensierato, scevro di sensi di colpa) questo blog è un po' il luogo in cui racimolo un po' di chiarezza. Su ciò che leggo e ciò che scrivo, naturalmente.
Prima di tutto, mi sento in dovere di darvi uno straccio di spiegazione se non riesco a postare con una certa assiduità le mie letture, malgrado sin dalla mia presentazione abbia messo nero su bianco la mia non esattamente costante presenza sul blog.
Dovete capire (e sono certa che ci riuscirete, dato che anche voi avete un blog da gestire) che per me scrivere recensioni è una cosa dannatamente seria. Perché scrivere è una cosa dannatamente seria. E io non butto giù neanche una sillaba se non mi convince al millesimo.
Bene, ora che ho assolto anche a questo compito, vi faccio sbirciare un po' la mia agenda letteraria.

 Scrivendo ...

Queste sono le letture che vi racconterò nei prossimi giorni

Diocleziano, Umberto Roberto
Salerno Editrice
Sul blog lunedì 14 marzo
Olga di carta. Il viaggio straordinario, Elisabetta Gnone
Salani Editore
Sul blog giovedì 17 marzo

Da qui fino alla fine di marzo, tuttavia, mi rintanerò nel mio laboratorio creativo, per la rilettura e la rifinitura definitiva del mio lavoro. Ma vi aspetto per l'immancabile appuntamento di fine mese con le Novità che provengono direttamente dalla bibliosfera (e non si sa mai, forse potrei darmi anch'io al Book Tag, ne ho trovato qualcuno decisamente carino).

... e leggendo


Sono stata molto combattuta sulla scelta del libro giusto.
Fino a ieri sera continuavo a passare in rassegna ininterrottamente questi tre libri: La tentazione di essere felici, Fiore di fulmine e Chocolat. Almeno una volta, ognuno dei tre mi è sembrato quello perfetto.
In un altro qualsiasi momento, con ogni logistica probabilità, mi sarei buttata a occhi chiusi su Lorenzo Marone. Scegliere una lettura è già di per sé un'operazione complessa, ma scegliere una lettura che sia un equo e costruttivo intervallo alla scrittura è un vero e proprio rompicapo.
Alla fine, quando poi mi sono messa a letto, ho avuto la rivelazione.
E ho scelto un libro che non era nessuno dei tre candidati.
Questo implica naturalmente che Viola, vertigini e vaniglia slitterà a data ancora da definirsi. Ma è abbastanza verosimile ipotizzare che sarà un divertente e gustoso diversivo ai miei non così lontani giorni di studio di Storia della lingua latina.

In ultimo ... no, ma che ultimo, questo in realtà è il primo dei miei problemi, quello che mi tiene sveglia anche la notte: la mia Book Shopping List (BSL).
Nel primo post di quest'anno, vi avevo annunciato i primi tre titoli imprescindibili: The Help, Terapia di coppia per amanti e Il gigante sepolto. Mi mancava ancora un quarto da aggiungere.
Sennonché (soltanto ieri) le cose sono state leggermente ... sconvolte. Okay, non proprio sconvolte, diciamo che necessitavano di un riassestamento. Ecco cosa ne è venuto fuori.


  



Uhmmm ... forse dopotutto "sconvolta" era la parola giusta. 
E non è detto che le cose non possano ancora prendere una piega inaspettata (in effetti ci sarebbe anche Caterina Bonvicini da tenere in considerazione con Tutte le donne di).  
Staremo a vedere.

E con questo vi ho aggiornato su tutto ciò che riguarda me e la mia inseparabile Balena Parlante (non sbavare sui titoli, BP, non sta bene!).
Beh adesso vi lascio in pace. Godetevi una serena domenica.
E ... buone letture!

Commenti

  1. Ma se ti dicessi che la tua BSL è bella così? Poi c'è quel "Terapia di coppia per amanti" che, come sai, ho amato e non vedo l'ora di conoscere il tuo pensiero. Bacio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sentirtelo dire mi rincuora tanto, Anna.
      E comunque vada su "Terapia di coppia per amanti" non sono disposta a transigere in nessunissimo caso.

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

I preferiti, sotto l'albero, e tutto quello che resta da dire del 2018

L'avrete capito, no? È il momento dei listoni e cosa c'è di più banale. Eppure confesserò che a me non disturba poi granché, anzi. C'è qualcosa di così compiuto e perciò di rassicurante in una lista stilata con metodo. Per quanto, detto tra noi (ahi ahi ahi), la vostra Rosa qui presente quest'anno abbia letto una quantità di libri semplicemente miserevole. Non che i numeri significhino molto, okay, però oddio una soglia minima di 15 libri, per buona decenza, uno se la dà.
Invece ecco cosa risulta su Goodreads: You have read 13 of 30 books in 2018.
D'altra parte è vero che una Challenge offre una visione alquanto limitata della faccenda, perché, ad esempio, non tiene conto del fatto che per la prima volta da qualche anno non mi sia capitato neanche un libro veramente brutto brutto brutto o che tra i 13 suddetti sia compresa una delle più grandi narrazioni epiche mai concepite o ancora tre opere di saggistica lette a stralci ma che anche così lasciano un bagaglio rag…

Di cosa parliamo quando parliamo di Vani Sarca | Intervista ad Alice Basso

Ho incontrato Alice Basso il 15 dicembre, a Porto San Giorgio (un freddo demoniaco, ma ne valeva la pena, oh sì), durante una delle ultime presentazioni de La scrittrice del mistero (Garzanti 2018) e, a scanso di equivoci, mi sento in dovere di mettervi sull'avviso: questa donna è, realmente, quello che sembra, un concentrato di energia, il tipo con cui faresti ben volentieri notte fonda parlando sconclusionatamente di roba bellissima che non ti darà da vivere, libri libri libri film libri musica libri libri libri libri (proprio così, in loop). Soprattutto, però, quello che percepisci chiaramente, ascoltandola, leggendo i suoi libri (due racconti e quattro romanzi già pubblicati, più un quinto atteso per maggio), è che dietro il suo lavoro, di editor e di scrittrice, ci sono onestà e competenza in pari misura.
Nel 2013 è nel mondo dell'editoria da dieci anni, un ambiente «per niente asettico» (parola di Alice Basso) in cui succedono le cose più buffe e assurde, perché, molto …

GIACINTA, Luigi Capuana

"Colonnello!" disse la Giacinta, attaccandoglisi familiarmente al braccio e trascinandolo un po' verso la vetrata della terrazza con vivacità fanciullesca. (...) L'una e l'altro non riuscivano per qualche secondo a riattaccare discorso: poi la Giacinta spingeva gli occhi verso il colonnello che aveva ripreso la sua positura, e portando la punta del ventaglio alle labbra, lanciava un ebbene? un e poi? che provocava la risposta.

La mia lettura
Ho avuto un rapporto alquanto complesso con questo romanzo. Ad ogni pagina, per tutto il tempo, sentivo dolorosamente che qualcosa, qualcosa di decisamente importante, mancava. Quando finalmente sono riuscita a riporre ormai letto il libro nel suo angusto posticino nella libreria del mio studio, ho capito. Ho capito cosa non andava. Ma lascerò che sia qualcuno di più adatto allo scopo ad illuminarvi. "In generale mi piace dippiù la prima metà del tuo libro forse perché l'azione è più viva, o almeno è presentata con m…