Passa ai contenuti principali

Il Barattolo del Sorriso

Oh, eccovi qui!
Buongiorno a tutti voi, che in questa tarda mattinata vi starete sbracciando per mettere su una bella tavola imbandita come si deve.
Aspettate che provo a puntare il naso verso lo schermo, chissà che non mi arrivi fin qui qualche odorino promettente di ragù ancora sul fuoco lento o  (beh, sognare non guasta!) di polpose polpettine di pesce ... mmmmh! Non vi ho ancora osannato il mio smisurato amore per il pesce (secondo solo ai libri)?
Beh no, oggi no, credo che dovremo rimandare.
Oggi vi parlo di un'iniziativa che arriva direttamente dal comodino delle LGS: Il Barattolo del Sorriso.

L'1 gennaio 2016 
prendete un barattolo vuoto
e mettetelo da qualche parte in camera vostra. Ogni volta che leggerete un libro, 
scrivete il titolo su una strisciolina di carta 
e mettetela nel barattolo. Il 31 dicembre 2016 
aprite il barattolo 
e contate quante striscioline ci sono,
quanti libri avete letto durante l'anno.
Mentre contate,
fate caso al bellissimo sorriso che state facendo! 

Tuttavia ... cosa accadrebbe se provassimo ad amalgamare i libri ... con il cioccolato? 



No-no-no-no-no! Togliete gli occhi di dosso all'istante dalla mia fantastica pizzella arrotolata al cioccolato con croccanti chicchi di nocciole.
Sì bravi, li in secondo piano.
Che ne dite del mio barattolo?
Il problema è che al momento il suddetto barattolo non è ancora utilizzabile (ma io e mio fratello ci stiamo premurando di ripulirlo con solerzia, tranquilli!), così ho ripiegato su un surrogato che non è certo da meno.


Okay, ammissione: ho un debole per le scatole. E si da il caso che questa sia un'ex scatola di cioccolatini, della Fabbrica di Cioccolato Gay-Odin, Napoli.

Ma la mia fantasia che non sta mai ferma e che penso stiate cominciando a conoscere, non è ancora soddisfatta.
Così "Pensa, pensa, pensa!" come Winnie The Pooh, ecco cosa ho pensato di aggiungere (personalmente) a questa delicatissima iniziativa.

1 Fornirsi di una confezione di barrette di cioccolato Kinder (sono sempre di buona compagnia per una lettura).

2 Scartare una barretta e riporne la carta tra le pagine del libro in lettura. Meglio dell'odore della carta, c'è solo l'odore di carta al cioccolato.

3 A lettura ultimata, ritagliate una strisciolina di carta e scrivetevi sopra titolo, autore e mese in cui avete letto il libro.

4 Incollare la strisciolina sulla carta della barretta e riporre al sicuro nel vostro barattolo.

5 E questa, direi, è la parte più dolce. Di anno in anno, riutilizzate le vostre vecchie cartucce: sarà bello scoprire ogni volta quali e quanti mondi diversi avete attraversato con quella stessa carta. E sarete liberi di accompagnare le vostre letture con le cartine che vi sembreranno più di buon auspicio.

E adesso ... vi passo la palla al balzo, lettori.
Cosa ne pensate di questa idea?
Quali sono i vostri rituali di lettura?



Commenti

  1. Ma che bella idea! Una sorta di capsula del tempo per le proprie letture! Mi piace un sacco!
    Però non puoi postare quella foto e dirci di non sbavarci sopra!!!^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Okay, quella foto è un colpo basso (ma quanto sono sadica, a volte?).
      Però sì, anche a me Il Barattolo del Sorriso è piaciuto subito.
      Grazie per essere passata, Nik, mi rende proprio felice saperti lettrice del mio blog.

      Elimina
  2. Okay, sono stata subito catturata da quella bellissima foto con quello stupendo barattolo di nutella (uguale al mio ma che già svuotato da mesi e.e)

    L'idea comunque è carinissima! ^^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il fascino intramontabile della Nutella.
      Per questo ho pensato di unire i miei due amori: i libri ... e il cioccolato!

      Elimina
  3. Che bella iniziativa!
    Con tutti questi dolci ed il profumino invitante del ragù mi hai fatto venire fame... vado subito a rimediare!
    Ps: ammetto di aver notato prima la pizzella nella prima foto, anche se non avendone mai assaggiate non riesco a immaginarne il sapore... probabilmente mi sto perdendo qualcosa di veramente delizioso!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quando penso al cibo mi vengono sempre le idee migliori!
      Ma una vita intera senza aver assaggiato una pizzella è una cosa terrificante: morbide o dure, semplici o arrotolate con Nutella o marmellata ... c'è chi cerca la pace nello yoga, io lo cerco in una pizzella!

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

I preferiti, sotto l'albero, e tutto quello che resta da dire del 2018

L'avrete capito, no? È il momento dei listoni e cosa c'è di più banale. Eppure confesserò che a me non disturba poi granché, anzi. C'è qualcosa di così compiuto e perciò di rassicurante in una lista stilata con metodo. Per quanto, detto tra noi (ahi ahi ahi), la vostra Rosa qui presente quest'anno abbia letto una quantità di libri semplicemente miserevole. Non che i numeri significhino molto, okay, però oddio una soglia minima di 15 libri, per buona decenza, uno se la dà.
Invece ecco cosa risulta su Goodreads: You have read 13 of 30 books in 2018.
D'altra parte è vero che una Challenge offre una visione alquanto limitata della faccenda, perché, ad esempio, non tiene conto del fatto che per la prima volta da qualche anno non mi sia capitato neanche un libro veramente brutto brutto brutto o che tra i 13 suddetti sia compresa una delle più grandi narrazioni epiche mai concepite o ancora tre opere di saggistica lette a stralci ma che anche così lasciano un bagaglio rag…

Di cosa parliamo quando parliamo di Vani Sarca | Intervista ad Alice Basso

Ho incontrato Alice Basso il 15 dicembre, a Porto San Giorgio (un freddo demoniaco, ma ne valeva la pena, oh sì), durante una delle ultime presentazioni de La scrittrice del mistero (Garzanti 2018) e, a scanso di equivoci, mi sento in dovere di mettervi sull'avviso: questa donna è, realmente, quello che sembra, un concentrato di energia, il tipo con cui faresti ben volentieri notte fonda parlando sconclusionatamente di roba bellissima che non ti darà da vivere, libri libri libri film libri musica libri libri libri libri (proprio così, in loop). Soprattutto, però, quello che percepisci chiaramente, ascoltandola, leggendo i suoi libri (due racconti e quattro romanzi già pubblicati, più un quinto atteso per maggio), è che dietro il suo lavoro, di editor e di scrittrice, ci sono onestà e competenza in pari misura.
Nel 2013 è nel mondo dell'editoria da dieci anni, un ambiente «per niente asettico» (parola di Alice Basso) in cui succedono le cose più buffe e assurde, perché, molto …

GIACINTA, Luigi Capuana

"Colonnello!" disse la Giacinta, attaccandoglisi familiarmente al braccio e trascinandolo un po' verso la vetrata della terrazza con vivacità fanciullesca. (...) L'una e l'altro non riuscivano per qualche secondo a riattaccare discorso: poi la Giacinta spingeva gli occhi verso il colonnello che aveva ripreso la sua positura, e portando la punta del ventaglio alle labbra, lanciava un ebbene? un e poi? che provocava la risposta.

La mia lettura
Ho avuto un rapporto alquanto complesso con questo romanzo. Ad ogni pagina, per tutto il tempo, sentivo dolorosamente che qualcosa, qualcosa di decisamente importante, mancava. Quando finalmente sono riuscita a riporre ormai letto il libro nel suo angusto posticino nella libreria del mio studio, ho capito. Ho capito cosa non andava. Ma lascerò che sia qualcuno di più adatto allo scopo ad illuminarvi. "In generale mi piace dippiù la prima metà del tuo libro forse perché l'azione è più viva, o almeno è presentata con m…