Passa ai contenuti principali

Il Barattolo del Sorriso

Oh, eccovi qui!
Buongiorno a tutti voi, che in questa tarda mattinata vi starete sbracciando per mettere su una bella tavola imbandita come si deve.
Aspettate che provo a puntare il naso verso lo schermo, chissà che non mi arrivi fin qui qualche odorino promettente di ragù ancora sul fuoco lento o  (beh, sognare non guasta!) di polpose polpettine di pesce ... mmmmh! Non vi ho ancora osannato il mio smisurato amore per il pesce (secondo solo ai libri)?
Beh no, oggi no, credo che dovremo rimandare.
Oggi vi parlo di un'iniziativa che arriva direttamente dal comodino delle LGS: Il Barattolo del Sorriso.

L'1 gennaio 2016 
prendete un barattolo vuoto
e mettetelo da qualche parte in camera vostra. Ogni volta che leggerete un libro, 
scrivete il titolo su una strisciolina di carta 
e mettetela nel barattolo. Il 31 dicembre 2016 
aprite il barattolo 
e contate quante striscioline ci sono,
quanti libri avete letto durante l'anno.
Mentre contate,
fate caso al bellissimo sorriso che state facendo! 

Tuttavia ... cosa accadrebbe se provassimo ad amalgamare i libri ... con il cioccolato? 



No-no-no-no-no! Togliete gli occhi di dosso all'istante dalla mia fantastica pizzella arrotolata al cioccolato con croccanti chicchi di nocciole.
Sì bravi, li in secondo piano.
Che ne dite del mio barattolo?
Il problema è che al momento il suddetto barattolo non è ancora utilizzabile (ma io e mio fratello ci stiamo premurando di ripulirlo con solerzia, tranquilli!), così ho ripiegato su un surrogato che non è certo da meno.


Okay, ammissione: ho un debole per le scatole. E si da il caso che questa sia un'ex scatola di cioccolatini, della Fabbrica di Cioccolato Gay-Odin, Napoli.

Ma la mia fantasia che non sta mai ferma e che penso stiate cominciando a conoscere, non è ancora soddisfatta.
Così "Pensa, pensa, pensa!" come Winnie The Pooh, ecco cosa ho pensato di aggiungere (personalmente) a questa delicatissima iniziativa.

1 Fornirsi di una confezione di barrette di cioccolato Kinder (sono sempre di buona compagnia per una lettura).

2 Scartare una barretta e riporne la carta tra le pagine del libro in lettura. Meglio dell'odore della carta, c'è solo l'odore di carta al cioccolato.

3 A lettura ultimata, ritagliate una strisciolina di carta e scrivetevi sopra titolo, autore e mese in cui avete letto il libro.

4 Incollare la strisciolina sulla carta della barretta e riporre al sicuro nel vostro barattolo.

5 E questa, direi, è la parte più dolce. Di anno in anno, riutilizzate le vostre vecchie cartucce: sarà bello scoprire ogni volta quali e quanti mondi diversi avete attraversato con quella stessa carta. E sarete liberi di accompagnare le vostre letture con le cartine che vi sembreranno più di buon auspicio.

E adesso ... vi passo la palla al balzo, lettori.
Cosa ne pensate di questa idea?
Quali sono i vostri rituali di lettura?



Commenti

  1. Ma che bella idea! Una sorta di capsula del tempo per le proprie letture! Mi piace un sacco!
    Però non puoi postare quella foto e dirci di non sbavarci sopra!!!^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Okay, quella foto è un colpo basso (ma quanto sono sadica, a volte?).
      Però sì, anche a me Il Barattolo del Sorriso è piaciuto subito.
      Grazie per essere passata, Nik, mi rende proprio felice saperti lettrice del mio blog.

      Elimina
  2. Okay, sono stata subito catturata da quella bellissima foto con quello stupendo barattolo di nutella (uguale al mio ma che già svuotato da mesi e.e)

    L'idea comunque è carinissima! ^^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il fascino intramontabile della Nutella.
      Per questo ho pensato di unire i miei due amori: i libri ... e il cioccolato!

      Elimina
  3. Che bella iniziativa!
    Con tutti questi dolci ed il profumino invitante del ragù mi hai fatto venire fame... vado subito a rimediare!
    Ps: ammetto di aver notato prima la pizzella nella prima foto, anche se non avendone mai assaggiate non riesco a immaginarne il sapore... probabilmente mi sto perdendo qualcosa di veramente delizioso!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quando penso al cibo mi vengono sempre le idee migliori!
      Ma una vita intera senza aver assaggiato una pizzella è una cosa terrificante: morbide o dure, semplici o arrotolate con Nutella o marmellata ... c'è chi cerca la pace nello yoga, io lo cerco in una pizzella!

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

TERAPIA DI COPPIA PER AMANTI, Diego De Silva

La mia lettura
De Silva ha un'audacia piratesca, prende uno spunto veramente buono (e uno spunto veramente buono è il modo migliore per compromettersi) e quel che ne fa è un libro che... Ragazzi, non vi dico... Questo autore ha un modo, un gran bel modo, di sbrogliare il discorso, di dettare e scandire il ritmo della narrazione. Un capitolo ascolti le confessioni a cuore aperto di Viviana - lei è quella sentimentale, che arrossisce e si arrabbia alla parola "scopare", quella pallosa insomma, si potrebbe dire malignamente, quella che vuole risposte sicure e le vuole subito, che ha bisogno di sapere dove sta andando questa relazione che il buon costume definisce "squallida" - poi volti pagina e trovi tutt'altra musica, ecco Modesto, poveraccio, che fa il figo per nascondere che se la sta facendo addosso per come le cose sono pericolosamente cambiate e gli sono sfuggite di mano, perché è stato così stupido da credere alla balla che trovi un'amante trovi L&…

GIACINTA, Luigi Capuana

"Colonnello!" disse la Giacinta, attaccandoglisi familiarmente al braccio e trascinandolo un po' verso la vetrata della terrazza con vivacità fanciullesca. (...) L'una e l'altro non riuscivano per qualche secondo a riattaccare discorso: poi la Giacinta spingeva gli occhi verso il colonnello che aveva ripreso la sua positura, e portando la punta del ventaglio alle labbra, lanciava un ebbene? un e poi? che provocava la risposta.

La mia lettura
Ho avuto un rapporto alquanto complesso con questo romanzo. Ad ogni pagina, per tutto il tempo, sentivo dolorosamente che qualcosa, qualcosa di decisamente importante, mancava. Quando finalmente sono riuscita a riporre ormai letto il libro nel suo angusto posticino nella libreria del mio studio, ho capito. Ho capito cosa non andava. Ma lascerò che sia qualcuno di più adatto allo scopo ad illuminarvi. "In generale mi piace dippiù la prima metà del tuo libro forse perché l'azione è più viva, o almeno è presentata con m…

Qualcosa si è mosso | Da SCRIVERE È UN MESTIERE PERICOLOSO a NON DITELO ALLO SCRITTORE, Alice Basso

La mia lettura
Bene. Io direi che tre giorni passati a sghignazzare di segreta soddisfazione, in una posa a metà tra genio del male che trama nell'ombra e ragazzina delle medie alla prima cotta, possono anche bastare. Adesso ricomponiamoci un attimo, per amor del cielo, e cerchiamo di affrontare la situazione con la serietà che merita. Niente di insostenibile, state sereni. Perché la storia di cui parliamo è pur sempre, fondamentalmente, una storia adorabile. Si ride sotto i baffi, ci si commuove il giusto, si annuisce con quel pizzico di consapevole malinconia, ma soprattutto ci si innamora, di brutto. (E poi non venitemi a dire che non vi avevo avvertito).

Per la serie dove eravamo rimasti, ricapitoliamo: epica vendetta ai danni di capo schiavista calcolatore e di ex fidanzato stronzo opportunista. Yeah. Uno a zero per Vani Sarca, signori, che dal finale del primo libro esce trionfante come una Erinni dei reietti, in mano un nuovo contratto rimpolpato da un sacrosanto aumento, u…