Passa ai contenuti principali

Tweeting about books #2

Rubrica ideata da me dedicata al social reading: tweet-interviste, contest, letture condivise, esercizi di riscrittura ... questo e altro dal lunotto di Twitter.

Mi alzo, quasi perfettamente certa di aver avuto un incubo in cui ero incappucciata in un saio, in mezzo ad altri frati che intonavano goooooorgheggianti canti gregoriani. E poi, all'improvviso suor A inarcava pericolosamente un sopracciglio per quella fatidica "a" in meno all'"amen" finale del Gloria
No, non è il caso di preoccuparsi. Insomma, è il minimo ... se stai preparando la Missa de Angelis per la messa crismale del giovedì santo. 
Caspiterina, e siamo già al Triduo Pasquale. 
Uuuuh, perdonate la mia maleducazione. Non ho avuto neanche la buona grazia di salutarvi. 
Buon lunedì mattina, lettori! E davvero, vi ringrazio tutti, di cuore, per la vostra presenza costante, affettuosa e preziosa sul mio blog, il mio piccolo mondo libroso. 
Solo qualche giorno fa, BP se ne esce così, tutta innocente: "Ehi, ma perché non raccontiamo le nostre scorribande letterarie su Twitter?".
Io: "Toh, ma guarda, hai proprio ragione! Sì, però non cominciare a montarti la testa ...".  
E così eccomi qui, con un secondo appuntamento di questa rubrica nuova di zecca, per raccontarvi come si è svolto l'incontro virtuale di mercoledì scorso con Annalisa De Simone, autrice di Non adesso per favore, edito Marsilio 2016 (qui la sinossi).   





Incontriamo l'autrice

Casa Lettori:
Ho scelto per la #letturacondivisa #NonAdessoPerFavore di Annalisa De Simone perché rappresenta ombre e luci dell'amore.

Casa Lettori:
La scrittura raffinata di Annalisa De Simone fa da controcanto ad una trama che non concede tregue.

Annalisa:
Le tregue sono negli animi dei personaggi. A volte non possono far altro che star fermi.

Vengono presentati brevemente i personaggi

Casa Lettori:
Madre
Ha permesso che i suoi piani deragliassero.

Annalisa:
I piani nella vita sono destinati sempre al cambiamento. C'è chi lo chiama deragliamento.

Casa Lettori:
Il padre
È lui quello che decide.

Casa Lettori:
Ferretti.
Infila i sentimenti in uno spazio misurato.

Annalisa:
Ferretti ha paura di perdersi. Ma il controllo è un dolce illusione.

Casa Lettori:
La nonna
Voi giovani siete fissati con la felicità.

Annalisa:
La felicità non è un diritto come credono in molti. La vedo come un'opportunità.

Casa Lettori:
L'Aquila
Fragranze di bosco
Palazzi liberty frivoli
Periferia atroce e arrogante.

Maria di Cuonzo:
Erano gli anni in cui ... e iniziò a raccontare.

Annalisa:
Fra le pieghe di un passato comune si annida la storia di ognuno. E a ognuno la sua.

Maria di Cuonzo:
Erano 4 mesi che ci vedevamo con regolarità.

Annalisa:
Mai fidarsi delle regolarità, la mia Annalisa non lo fa. Vorrebbe però.

Casa Lettori:
L'amore è esaltazione di due individui?

Rosa:
Possiamo forse dire che l'amore è una possibilità. Quella di conoscere qualcosa di noi rimasto finora invisibile.

Raffaela Talarico:
Mi sento sola e mi sento tradita.

Casa Lettori:
Abitare il dolore è come sentirsi a casa.

Annalisa:
Ci sono sere, per la mia Annalisa, in cui il dolore mette al riparo dall'ipocrisia.

Raffaela Talarico:
Inventavo le frasi e le recitavo a memoria.

Annalisa:
In amore si impiega più tempo a fantasticare che a vivere la realtà.

Rosa:
Annalisa sarà disposta a vedere il volto meno lusinghiero, ma più reale dell'amore?

Annalisa:
Quanto vorrei chiederlo a lei, e ascoltarla parlare.

Maria di Cuonzo:
Dalla notte del 6 aprile, sarà diverso ... il futuro.

Stefania Massari:
Capire l'amore è possibile?
E scegliersi?
Scavare nelle anime dei protagonisti può servire a capire.

Annalisa:
Capire non è un atto definitivo. È plausibilità di elementi in gioco.

Intervistando l'autrice

Casa Lettori:
Come hai scelto il titolo?

Annalisa:
Una suggestione. Non adesso è quello che Annalisa pensa davanti agli inciampi del destino.

Casa Lettori:
2 città e tanta nostalgia in #NonAdessoPerFavore

Annalisa:
La nostalgia è un motore. Verso ciò che è stato. O sarebbe stato. Annalisa ne tiene cura.

Casa Lettori:
Il personaggio maschile rappresenta la difficoltà di amare?

Annalisa:
Amare significa coraggio, generosità. Ferretti crede di aver perso entrambe le cose.

Casa Lettori:
In #NAPF due figure femminili.
Per entrambe che ruolo ha il sogno?

Annalisa:
Per la mamma e la nonna i sogni sono pensieri da coltivare di nascosto.

Casa Lettori:
Il tuo sogno nel cassetto.

Annalisa:
Che i lettori entrino nello stato più cavernoso della mia Annalisa, che la amino.

Rosa:
Qual è la cosa più importante che ti ha lasciato Annalisa, nel raccontare di lei?

Annalisa:
Le sue paure, che sono anche le mie. L'ironia. Che ci salva (me e lei).

Conclusioni finali

Casa Lettori:
Non adesso per favore è
introspezione
ricerca dei limiti
rielaborazione delle emozioni.

Raffaela Talarico:
Un intenso dibattito con sé stessa ... dove la condurrà? Un finale da capogiro.

Stefania Massari:
Leggerlo per amare l'amore nonostante la vulnerabilità dell'animo umano.

A questo punto mi sento di ringraziare Casa Lettori per le iniziative sempre accorte, ben organizzate e stimolanti, che danno a tutti la possibilità di esprimersi in piena libertà, dando voce alle proprie emozioni e ai propri pensieri.
A voi tutti, infine, ricordo giovedì 24 marzo ore 19:00, la presentazione del nuovo libro di Annalisa De Simone, Non adesso per favore, presso l'Auditorium Renzo Piano, L'Aquila.

E, mi raccomando, tenete sempre d'occhio il calendario delle letture su Twitter in sidebar!



Commenti

  1. Fantastico Rosa!Sei stata precisissima!!! A questa lettura condivisa non ho partecipato perchè non conoscevo per nulla il libro. Continuerò comunque a tenere d'occhio la tua rubrica per scoprire qualche altra iniziativa del genere! Grazie mille!! ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sinceramente neanche io conoscevo molto bene questo libro, anche se lo avevo incrociato una o due volte in giro per i blog.
      Ho colto l'occasione proprio per saperne di più.

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

I preferiti, sotto l'albero, e tutto quello che resta da dire del 2018

L'avrete capito, no? È il momento dei listoni e cosa c'è di più banale. Eppure confesserò che a me non disturba poi granché, anzi. C'è qualcosa di così compiuto e perciò di rassicurante in una lista stilata con metodo. Per quanto, detto tra noi (ahi ahi ahi), la vostra Rosa qui presente quest'anno abbia letto una quantità di libri semplicemente miserevole. Non che i numeri significhino molto, okay, però oddio una soglia minima di 15 libri, per buona decenza, uno se la dà.
Invece ecco cosa risulta su Goodreads: You have read 13 of 30 books in 2018.
D'altra parte è vero che una Challenge offre una visione alquanto limitata della faccenda, perché, ad esempio, non tiene conto del fatto che per la prima volta da qualche anno non mi sia capitato neanche un libro veramente brutto brutto brutto o che tra i 13 suddetti sia compresa una delle più grandi narrazioni epiche mai concepite o ancora tre opere di saggistica lette a stralci ma che anche così lasciano un bagaglio rag…

Di cosa parliamo quando parliamo di Vani Sarca | Intervista ad Alice Basso

Ho incontrato Alice Basso il 15 dicembre, a Porto San Giorgio (un freddo demoniaco, ma ne valeva la pena, oh sì), durante una delle ultime presentazioni de La scrittrice del mistero (Garzanti 2018) e, a scanso di equivoci, mi sento in dovere di mettervi sull'avviso: questa donna è, realmente, quello che sembra, un concentrato di energia, il tipo con cui faresti ben volentieri notte fonda parlando sconclusionatamente di roba bellissima che non ti darà da vivere, libri libri libri film libri musica libri libri libri libri (proprio così, in loop). Soprattutto, però, quello che percepisci chiaramente, ascoltandola, leggendo i suoi libri (due racconti e quattro romanzi già pubblicati, più un quinto atteso per maggio), è che dietro il suo lavoro, di editor e di scrittrice, ci sono onestà e competenza in pari misura.
Nel 2013 è nel mondo dell'editoria da dieci anni, un ambiente «per niente asettico» (parola di Alice Basso) in cui succedono le cose più buffe e assurde, perché, molto …

GIACINTA, Luigi Capuana

"Colonnello!" disse la Giacinta, attaccandoglisi familiarmente al braccio e trascinandolo un po' verso la vetrata della terrazza con vivacità fanciullesca. (...) L'una e l'altro non riuscivano per qualche secondo a riattaccare discorso: poi la Giacinta spingeva gli occhi verso il colonnello che aveva ripreso la sua positura, e portando la punta del ventaglio alle labbra, lanciava un ebbene? un e poi? che provocava la risposta.

La mia lettura
Ho avuto un rapporto alquanto complesso con questo romanzo. Ad ogni pagina, per tutto il tempo, sentivo dolorosamente che qualcosa, qualcosa di decisamente importante, mancava. Quando finalmente sono riuscita a riporre ormai letto il libro nel suo angusto posticino nella libreria del mio studio, ho capito. Ho capito cosa non andava. Ma lascerò che sia qualcuno di più adatto allo scopo ad illuminarvi. "In generale mi piace dippiù la prima metà del tuo libro forse perché l'azione è più viva, o almeno è presentata con m…